Tag Archives: rimedio naturale

News

SOFFRI DI ALLERGIE? PROVA QUESTO RIMEDIO


Effetto della Nigella sativa nei pazienti con malattie allergiche

 

La nigella sativa è un’erba medica importante largamente utilizzata in molti paesi arabi, asiatici e africani. Il suo olio viene utilizzato come un rimedio naturale per una vasta gamma di malattie, tra cui diverse allergie.

Ad oggi il meccanismo d’azione della pianta è ancora in gran parte sconosciuto perchè, proprio a causa della mancanza di dati di studio sulla sua efficacia nelle allergie, sono stati presentati quattro studi sull’efficacia clinica di Nigella sativa nelle malattie allergiche.

In questi studi sono stati trattati 152 pazienti con malattie allergiche (rinite allergica, asma bronchiale, eczema atopico) con olio di Nigella sativa, somministrato in capsule ad una dose di 40-80 mg / kg / die.

I pazienti hanno valutato la gravità soggettiva dei sintomi in base ad una scala predefinita e sono stati osservati alcuni parametri di laboratorio normalmente implicati nella reazione allergica (tra cui  IgE, eosinofili, cortisolo endogeno nel plasma e nelle urine, ACTH, trigliceridi, colesterolo totale, colesterolo LDL e HDL.)

Il punteggio di sensibilità soggettiva è diminuito nel corso del trattamento con olio di semi nero in tutti e quattro gli studi. Una lieve diminuzione dei trigliceridi plasmatici e un aumento discreto del colesterolo HDL si sono verificati mentre le sottopopolazioni linfocitiche, i livelli di cortisolo endogeno e la liberazione di ACTH sono rimasti invariati. L’olio di semi nero pertanto si è dimostrato un efficace adiuvante per il trattamento delle malattie allergiche e potrebbe aggiungersi all’ampio ventaglio di rimedi naturali di cui ho avuto modo di parlare anche in un video qualche tempo fa (clicca https://www.youtube.com/watch?v=IPetkVeNM0Y qui per visionarlo).

 

Fonte Pubmed:

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/14669258

Fonte:

Phytother Res. 2003 Dec;17(10):1209-14.Effect of Nigella sativa (black seed) on subjective feeling in patients with allergic diseases. Kalus U1Pruss ABystron JJurecka MSmekalova ALichius JJKiesewetter H.

Articoli correlate:

http://www.vladimirocolombi.it/2017/02/20/i-rimedi-naturali-contro-le-allergie/

http://www.vladimirocolombi.it/2016/07/06/allergia-e-artrite-i-rimedi-naturali-per-la-protezione-delle-mucose-e-dellinquinamento/

Read More
News

VESCICA IPERATTIVA: UN RIMEDIO NATURALE


Per determinare se l’estratto vegetale di Bryophyllum pinnatum, potesse essere utile come farmaco alternativo per la sindrome da vescica iperattiva (favorendo l’inibizione della contrattura del muscolo detrusore), alcuni ricercatori hanno somministrato il suo estratto ad alcuni modelli animali (cavie). La ricerca ha confermato che il succo della bryophyllum pinnatum ad una concentrazione del 10% ha portato ad una reale riduzione della contrattilità del muscolo detrusore. Responsabili dell’azione sul muscolo sarebbero i flavonoidi.

I flavonoidi sono sostanze naturali molto utilizzate in naturopatia per la protezione dei vasi e del sistema circolatorio che hanno dato grandi risultati anche nel trattamento delle emorroidi.

Alcune recenti ricerche hanno ipotizzato che queste sostanza potrebbero essere anche correlate nel processo di dimagrimento.

I flavonoidi sono potenti antiossidanti in grado di rallentare anche l’invechiamento del corpo umano e potrebbero pertanto rappresentare un valido rimedio per le persone anziane.

Articoli correlati:

http://www.vladimirocolombi.it/2017/04/06/prostatite-cronica-dolore-cronico-e-intestino/

http://www.vladimirocolombi.it/2016/06/02/il-prezzemolo-nellinsalata/

http://www.leda-clinic.com/professionisti/vladimiro-colombi/

Fonte:

Phytomedicine. 2015 Jan 15;22(1):158-64. doi: 10.1016/j.phymed.2014.11.009. Epub 2014 Nov 26.Inhibition of porcine detrusor contractility by the flavonoid fraction of Bryophyllum pinnatum–a potential phytotherapeutic drug for the treatment of the overactive bladder syndrome.Fürer K1Eberli D2Betschart C3Brenneisen R4De Mieri M5Hamburger M5Mennet-von Eiff M6Potterat O5Schnelle M6Simões-Wüst AP7von Mandach U8.

Read More
News

DALLA MORINDA CITRIFOLIA UN RIMEDIO NATURALE CONTRO I PARASSATI INTESTINALI


Il Noni potrebbe rappresentare un rimedio naturale contro gli elminti

Un ricerca in vivo ha dimostrato come l’estratto acquoso di frutti Morinda citrifolia (noni) sia efficace nell’eliminazione di Ascaridia galli, nei polli infettati da questo parassita. L‘attività antielmintica in vitro e in vivo si è dimostrata già efficace dopo l’assunzione di noni (morinda citrifolia) per soli tre giorni consecutivi. L’estratto acquoso di noni ha dimostrato un tasso di mortalità dei parassiti intestinali (elminti) significativo rispetto ad un gruppo di controllo che non aveva assunto nulla. Lo studio ha chiaramente mostrato come l’attività antielmintica del Noni sia più che soddisfacente e potrebbe rappresentare un valido rimedio naturale privo di effetti collaterali contro gli elminti.

Fonte:

Anthelmintic activity of aqueous and ethanolic extracts of Morinda citrifolia fruit on Ascaridia galli]. Brito DR1, Fernandes RM, Fernandes MZ, Ferreira MD, Rolim FR, da Silva Filho M

Altri riferimenti:

http://www.vladimirocolombi.it/tag/colostro-noni/

 

Per visionari i video registrati a Telecolor e in studio clicca i link sottoindicati:

http://www.telecolor.net/2014/12/intestino-ecco-come-proteggerlo-attraverso-lalimentazione/

http://www.youtube.com/watch?v=LK1xwC4z3ug

http://www.youtube.com/watch?v=X4bEC546VJo

http://www.youtube.com/watch?v=KUsUe1KsQHs

http://www.youtube.com/watch?v=9xW8Tqw8FLI

Read More
News

UN RIMEDIO NATURALE RIDUCE LO STRESS OSSIDATIVO NEI TUMORI DEL CANCRO ALL’UTERO


 

La Morinda citrifolia (noni) riduce lo stress ossidativo aumentando l’attività antiossidante nel tumore della cervice uterina

 

Il cancro della cervice dell’utero rappresenta la seconda forma tumorale più diffusa nel mondo femminile e purtroppo ha un alto tasso di mortalità.

Uno degli agenti antitumorali farmacologici più impiegati in questo tumore è rappresentato dal cisplatino, ma la sua somministrazione è associata ad effetti collaterali e resistenza intrinseca. La Morinda citrifolia (Noni), un prodotto vegetale naturale che ha dimostrato di avere attività antiossidante sia in vitro che in vivo.

Nel corso di una ricerca recente due forme di tumori alla cervice dell’utero (cancro cervicale HeLa e SiHa) sono stati trattati con 10% Noni, 10 mg / dl cisplatino nonchè una combinazione di entrambi, edè stato osservato come l’assunzione del noni (morinda citrifolia), abbia prodotto una diminuzione del livello di perossidazione lipidica e un aumento dell’attività della catalasi.

In buona sostanza il noni sarebbe in grado “ottimizzare” gli effetti del chemioterapico se somministrato insieme ad esso in alcuni forme tumorali alla cervice dell’utero.

Ulteriori studi sono necessari per confermarne l’azione antitumorale.

 

Bibliografia:

Asian Pac J Cancer Prev. 2013;14(8):4603-6.Morinda citrifolia (Noni) alters oxidative stress marker and antioxidant activity in cervical cancer cell lines.Gupta RK1, Singh N.

 

 

Per visionari i video registrati a Telecolor e in studio clicca i link sottoindicati:

http://www.telecolor.net/2014/12/intestino-ecco-come-proteggerlo-attraverso-lalimentazione/

http://www.youtube.com/watch?v=LK1xwC4z3ug

http://www.youtube.com/watch?v=X4bEC546VJo

http://www.youtube.com/watch?v=KUsUe1KsQHs

http://www.youtube.com/watch?v=9xW8Tqw8FLI

Read More
News

DAL TIMO UN POSSIBILE RIMEDIO NATURALE CONTRO L’INFEZIONE DA HIV


Un noto e potente antibatterico come il timo potrebbe essere utile per controllare l’infezione dell’Aids

 

Il Thymus è una pianta molto nota in ambito culinario in quanto in grado di proteggere il corpo umano dalle infezioni batteriche potrebbe rappresentare un valido aiuto per controllare le infezioni virali da HIV. Normalmente impiegato nel trattamento della bronchite e reumatismi. Il timo favorisce il controllo dei colpi di tosse nelle persone colpite da tutte quelle tipiche malattie da raffreddamento.

Alcuni ricercatori (Soleimani Farsani M, Behbahani, Isfahani Hz) hanno scoperto che la radice della pianta di timo sia significativamente più attiva rispetto ai tradizionali estratti di timo nel caso di infezione da virus da HIV (AIDS).

Si tratta di una notizia molto importante in quanto potrebbe affiancarsi ad una terapia antibiotica un’azione antivirale le cui conseguenze sono ben note ahimè non solo a chi ne è colpito, ma altresì a chi ha avuto esperienza di questa malattia tramite amici.

Fonte:

Cell J. 2016 Jul-Sep;18(2):255-61. Epub 2016 May 30.The Effect of Root, Shoot and Seed Extracts of The Iranian Thymus L. (Family: Lamiaceae) Species on HIV-1 Replication and CD4 Expression. Soleimani Farsani M1, Behbahani M1, Isfahani HZ2.

Altre fonti e articoli sull’argomento leggi anche:

http://www.vladimirocolombi.it/2016/10/17/i-rimedi-naturali-contro-lobesita-2/

http://www.vladimirocolombi.it/2016/06/08/un-farmaco-che-e-un-alimento-contro-diabete-tumori-e-virus-il-fungo-inonotus-obliquus-chaga/

https://www.facebook.com/vladimiro.colombi/posts/1218468018174927

Read More
News

DOMANDE E RISPOSTE: Stanchezza d’autunno? Fai così


Paola mi scrive per sapere se il magnesio possa aiutare nel corso della menopausa per stitichezza o se esista qualche rimedio naturale per risolvere contemporaneamente la stitichezza e la stanchezza tipica del cambio di stagione.

 

Gentilissima Paola,

il magnesio potrebbe sicuramente essere utile per ridurre la stanchezza ma se non soffre di pressione alta un buon integratore potrebbe essere rappresentato soprattutto dall’eleuterococco, di cui prendere una capsula a pranzo e a colazione oppure 50 gocce a colazione e 50 gocce a pranzo).

L’eleuterococco può essere di grande e dare sollievo in questo genere di problemi, soprattutto quando la stanchezza si accompagna a temperature alte come d’estate, nel corso della menopausa nonché in caso di affaticamento tipico autunnale.

All’eleuterococco potrebbe associato poi l’utilizzo di olio di semi di lino (o dei semi di lino stessi). Deve sapere che i semi di lino sono una preziosa riserva di lignani, sostanze altamente protettive in grado di aumentare la protezione contro alcuni forme tumorali e, al contempo, economici e potenti alleati contro la stitichezza. Con l’arrivo della menopausa possono aumentare alcuni sintomi molto fastidiosi come secchezza vaginale (e delle mucose in genere), stanchezza, aumento di peso, alterazione del senso di fame, insonnia.

Read More
News

DIMAGRIRE MANGIANDO?


Perché alcune persone mangiano a sazietà senza ingrassare, mentre altre non appena mangiano qualcosa in più aumentano subito di peso?

Come si può comprendere se un alimento, un integratore o un rimedio naturale ancora prima di assumerli potranno darci un beneficio oppure no?

Quante volte ci siamo sentiti dire che per dimagrire occorre non mangiare? Quante volte ci è capitato di sentirci affaticati, stanchi e di cattivo umore dopo una estenuante dieta? E perché alcune persone mangiano a sazietà senza ingrassare, mentre altre non appena mangiano qualcosa in più aumentano subito di peso?

E ancora…

– E’ possibile studiare con attenzione le caratteristiche energetiche individuali per prevenire i più comuni disturbi intervenendo prima che si sviluppi una vera patologia?

– Come si può comprendere in anticipo se un alimento, un integratore o un rimedio naturale possano darci un beneficio?

 La TELESEGMENTOMETRIA FUNZIONALE analizza le onde magnetiche che ogni essere vivente produce sfruttando il principio secondo il quale intorno alla persona i campi Elettromagnetici ambientali vengono disturbati dalla sua presenza permettendo così di ottenere informazioni

molto utili sul suo stato energetico generale nonchè sui rimedi naturali necessari per migliorarlo.

L’impiego di questo studio associato ad altre tecniche naturopatiche (come l’IRIDOLOGIA, le INCOMPATIBILITÀ ALIMENTARI INDIVIDUALI, e l’IMPEDENZIOMETRIA (cioè l’ANALISI DEL RAPPORTO TRA MASSA GRASSA E MASSA MAGRA), ci permette di ricavare una somma di informazioni grazie alle quali possiamo correggere i principali errori nello stile di vita e nell’alimentazione quotidiana, combattendo gli STATI INFIAMMATORI potenziando l’energia di difesa e sbloccando le energie che impediscono il dimagrimento e che fanno recuperare tutto il peso faticosamente perduto attraverso diete faticose e frustranti.

SCOPRI LE TUE CARATTERISTICHE ENERGETICHE

Milano
Via Ponte Seveso 26,
Telefono: 02.6701914
Orario > dal Lunedi al Venerdì : 9.00 / 12.30 – 14.00 / 19.00.
Sabato : 9.00 / 16.00.
Bergamo
Leda Clinic s.r.l. – Via Borgo Palazzo, 116
Telefono: 035.249686
Fax:  035.242800.
Orario > dal Lunedi al Venerdì : 9.00 / 12.30 – 14.30 / 19.00.
Sabato:  9.00 / 12.30.

Per appuntamenti sulle zone di Brescia,
Mantova e Lago di Garda contattare:
328 9229129

Mail: vladimiro@vladimirocolombi.it

Read More
News

DALL’AGLIO UNA POSSIBILE PROTEZIONE CONTRO IL TUMORE DELLO STOMACO


L’Estratto di aglio nero inibisce la crescita delle cellule del cancro gastrico sia in vitro che in vivo

Sarò fissato, che posso dire, e spesso mi ripeto (clicca qui http://www.vladimirocolombi.it/2016/06/24/laglio-antibiotico-non-solo-contro-i-vampiri/), ma le prove scientifiche che l’aglio potrebbe essere un formidabile rimedio naturale per la prevenzione del tumore continuano ad aumentare).

Ci sono prove che gli estratti d’aglio potrebbero avere significative azioni antitumorali. Secondo un gruppo di ricercatori asiatici infatti ((Wang X1, Jiao F, Wang QW, Wang J, K Yang, Hu RR, Liu HC, Wang HY, Wang YS.) gli estratti di aglio nero (ABGE) sarebbero potenzilalmente efficaci sul cancro gastrico sia in vitro che in vivo.

Per esaminarne l’azione antitumorale lo studio ne ha valutato l’effetto sull’inibizione della proliferazione cellulare e ha verificato l’effettiva induzione di apoptosi nelle cellule cancerogene umane (SGC-7901).

Nel corso della ricerca sono state inoculate cellule tumorali in topi a cui sono stati successivamente somministrati estratti di varie dosi (0, 200, 400 e 800 mg / kg, per via intraperitoneale) per 2 settimane di aglio (ABGE).

Sono stati osservati significativi effetti antitumorali dell’estratto di aglio che si è dimostrato capace di inibire la crescita dei tumori inoculati.

Da un esame più dettagliato è emerso che grazie alla somministrazione di aglio sono aumentati i livelli di importanti molecole ad azione antiossidante e immunomodulante come superossido dismutasi, glutatione perossidasi, e interleuchina-2.

 

Fonte:

Mol Med Rep. 2012 Jan;5(1):66-72. doi: 10.3892/mmr.2011.588. Epub 2011 Sep 13.Aged black garlic extract induces inhibition of gastric cancer cell growth in vitro and in vivo.Wang X1, Jiao F, Wang QW, Wang J, Yang K, Hu RR, Liu HC, Wang HY, Wang YS.

 

Altri riferimenti:

 

http://www.vladimirocolombi.it/2017/03/12/il-ginseng-e-leleuterococco-una-medicina-sia-in-oncologia-che-per-lo-stress-la-memoria-e-gli-esami/

 

http://www.vladimirocolombi.it/2016/04/28/un-vaccino-contro-i-tumori-del-colon-retto-lobesita-e-lemicrania-il-matrimonio-legumi-e-genetica/

 

https://www.nonsolofarma.it/laiuto-del-curry-contro-il-cancro-intestinale/

 

http://www.vladimirocolombi.it/2016/01/30/alcune-ricette-per-vivere-in-salute/

Read More
News

PEDIATRIA E NATUROPATIA: UN RIMEDIO NATURALE CONTRO L’EPILESSIA DEI BAMBINI


L’effetto di Nigella sativa L. (semi di cumino nero) nei bambini pediatrici intrattabili

 

In un recente intervento radiofonico a Radio Inblu ho avuto modo di parlare dei rimedi naturali utili per i bambini (clicca qui http://www.radioinblu.it/2016/06/10/una-nuova-settimana-insieme-a-inblu-radio-9/).

Nonostante la disponibilità e l’uso di numerosi farmaci antiepilettici, quasi il 15% dei casi di epilessia infantile sono resistenti al trattamento. Tuttavia, nella medicina tradizionale la nigella sativa L. ( “semi di cumino nero”) ha conosciuto una certa popolarità per i suoi effetti anticonvulsivanti. Questa pianta è molto utilizzata in Iran ed è stata ampiamente utilizzata come rimedio naturale per un lungo periodo di tempo contro l’epilessia.

Un gruppo di ricercatori ((Akhondian J1, Parsa A, Rakhshande H.) ha effettuato uno studio clinico incrociato in doppio cieco condotto su bambini affetti da epilessia refrattaria con l’estratto acquoso di semi di cumino nero è stato somministrato come terapia aggiuntiva e gli effetti sono stati confrontati con quelli di un placebo. Ventitre bambini sono stati inseriti nello studio e 20 sono rimasti sotto osservazione.

Tutti i pazienti sono rimasti hanno ricevuto l’estratto acquoso di nigella sativa (semi di cumino nero) ed è stato confermato come la frequenza media di convulsioni era significativamente diminuita durante il trattamento.

Lo studio ha concluso che l’estratto acquoso di Nigella sativa L. ha effetti antiepilettici nei bambini con crisi epilettiche refrattarie. Che potrebbe forse aggiungersi alla curcuma, di cui ho già avuto modo di scrivere recentemente (http://www.vladimirocolombi.it/tag/curcuma/) per la sua straordinaria capacità non solo di ridurre l’infiammazione, ma anche di diventare un possibile rimedio naturale nella prevenzione delle crisi epilettiche

Va invece evitato l’utilizzo dell’olio di borragine e di enotera di cui ho scritto in un articolo precedente (leggi qui http://www.vladimirocolombi.it/tag/bambini/) per la sua azione potenzialmente aggravante le crisi di epilessia.

 

Fonte:

 

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/18049435

 

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/18705755

 

Altre fonti e articoli sull’argomento leggi anche:

 

https://www.nonsolofarma.it/laiuto-del-curry-contro-il-cancro-intestinale/

Read More
News

UNO STRAORDINARIO RIMEDIO NATURALE PER L’INTESTINO: LA CURCUMA


 Secondo una ricerca la curcumina potrebbe proteggere l’intestino

Aterosclerosi, diabete di tipo 2, colesterolo e flora batterica intestinale potrebbero essere correlati, e un principio attivo nella curcuma, la curcumina, potrebbe aiutare a proteggere la barriera intestinale prevenendo in modo marcato problemi metabolici.

Già diverse ricerche hanno dimostrato in passato che la supplementazione orale con curcumina potrebbe risultare estremamente utile per supportare i malati di epilessia(http://www.vladimirocolombi.it/tag/curcuma/), benchè poco biodisponibile, potrebbe ridurre il rischio di diabete di tipo 2 nonché processi di aterosclerosi.

Una nuova ricerca (https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28249988) ha ora confermato l’ipotesi di queste correlazioni, e ha nuovamente ribadito come la curcuma potrebbe rappresentare uno straordinario ed economico rimedio naturale contro innumerevoli problemi di salute.

Sappiamo da tempo come l’intestino possa essere sede di innumerevoli malattie (http://www.vladimirocolombi.it/2017/03/27/antibiotici-intestino-e-diabete-1/) e concorrere in modo importante nella genesi di innumerevoli problemi di salute. Questa nuova ricerca conferma che un antiinfiammatorio potente come la curcuma, potrebbe rappresentare uno strumento di prevenzione alla portata di tutti nonostante la scarsa biodisponibilità del suo più importante principio attivo. A cui aggiungere una  mlderata attività fisica (http://www.vladimirocolombi.it/2017/03/26/cambia-il-tuo-intestino-praticando-sport/).

Fonte:

Am J Physiol Cell Physiol. 2017 Mar 1:ajpcell.00235.2016. doi: 10.1152/ajpcell.00235.2016.Curcumin improves intestinal barrier function: Modulation of intracellular signaling and organization of tight junctions. Wang J1Ghosh SS1Ghosh S2.

Altre fonti e articoli sull’argomento leggi anche:

http://www.vladimirocolombi.it/2017/03/28/proteggi-fegato-e-intestino-con-lolio-di-lino/

http://www.vladimirocolombi.it/2017/03/31/proteggi-il-tuo-intestino-dalla-colite-con-questo-portentoso-rimedio-naturale/

http://www.leda-clinic.com/professionisti/vladimiro-colombi/

 

Per visionari i video registrati a Telecolor o in studio clicca i link sottoindicati:

 

http://www.telecolor.net/2014/12/intestino-ecco-come-proteggerlo-attraverso-lalimentazione/

http://www.youtube.com/watch?v=LK1xwC4z3ug

http://www.youtube.com/watch?v=X4bEC546VJo

http://www.youtube.com/watch?v=KUsUe1KsQHs

http://www.youtube.com/watch?v=9xW8Tqw8FLI

Read More
News

PROTEGGI IL TUO INTESTINO DALLA COLITE CON QUESTO PORTENTOSO RIMEDIO NATURALE


    • La morinda citrifolia L. (noni) è stata utilizzata nel trattamento di diversi disturbi, ma il ruolo di questo potente vegetale esotico continua a giocare un ruolo importante soprattutto nel trattamento delle infiammazioni intestinali. Una recente ricerca (risalente a gennaio 2017) ha
    • confermato come il Noni sia in grado di ridurre la presenza di alcune sostanze chiave coinvolte nei processi infiammatori (citochine infiammatorie note ai ricercatori con i nomi di TNF-α e IFN-γ). I ricercatori (Coutinho de Sousa B1, Reis Machado J, da Silva MV, da Costa TA, Lazo
    • Chica JE, Degasperi TD, Rodrigues Junior V, Sales-Campos H, Uber Bucek E, Freire Oliveira CJ) hanno evidenziato come nell‘intestino colpito da processi flogistici per cause varie il Noni possa essere di enorme utilità, confermando un pregresso studio del 2014 (di Cardani D.) nel
    • corso del quale era stata evidenziata una notevole capacità del colostro (in quella ricerca in particolar modo si trattava di Colostro Noni) di stimolare in modo naturale la riepitelizzazione della parete intestinale.

 

  • Fonti:
  • 1) Mediators Inflamm. 2017;2017:6567432. doi: 10.1155/2017/6567432. Epub 2017 Jan 17.Morinda citrifolia (Noni) Fruit Juice Reduces Inflammatory Cytokines Expression and Contributes to the Maintenance of Intestinal Mucosal Integrity in DSS Experimental Colitis. Coutinho de Sousa B1, Reis Machado J2, da Silva MV1, da Costa TA1, Lazo-Chica JE1, Degasperi TD1, Rodrigues Junior V1, Sales-Campos H1, Uber Bucek E3, Freire Oliveira CJ1;

 

              2)  Minerva Gastroenterol Dietol. 2014 Mar;60(1):71-8.COLOSTRO NONI administration effects on epithelial cells turn-over, inflammatory events and integrity of intestinal mucosa junctional systems.Cardani D.

 

Per visionari i video registrati a Telecolor e in studio clicca i link sottoindicati:

 

 

http://www.telecolor.net/2014/12/intestino-ecco-come-proteggerlo-attraverso-lalimentazione/

 

http://www.youtube.com/watch?v=LK1xwC4z3ug

 

http://www.youtube.com/watch?v=X4bEC546VJo

 

http://www.youtube.com/watch?v=KUsUe1KsQHs

 

http://www.youtube.com/watch?v=9xW8Tqw8FLI

 

Read More
News

DEPRESSIONE, FAME NERVOSA E COLITE: UN POTENTE RIMEDIO NATURALE


Un aminoacido coinvolto nella depressione potrebbe curare le infiammazioni intestinali

Il morbo di Crohn e la colite ulcerosa, sono disturbi intestinali cronici con un aumento dell’incidenza negli ultimi dieci anni in molte diverse regioni del mondo.

L’eziologia della malattia infiammatoria intestinale non è ancora ben definita, ma le prove suggeriscono che è il risultato di perturbazione della omeostasi tra il microbiota intestinale e il sistema immunitario della mucosa, con il coinvolgimento di fattori sia genetici che ambientali. Alcuni rimedi naturali hanno mostrato una certa azione antiifiammatoria (come la boswellia serrata per esempio, la cui azione si sviluppa sia a livello intestinale che bronchiale e articolare).

Uno studio degno di nota pubblicato nel numero di giugno 2016 di “Nature Medicine” da Lamas e colleghi (e riportato in pubmed recentemente https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28217370) indaga l’interazione tra un gene denominato CARD9 (che codifica una molecola coinvolta in una reazione immunologica attraverso l’attivazione di una sostanza, l’Interleuchina  22) e la flora batterica intestinale.

Questa complessa connessione tra tutti questi elementi spiegherebbe la generazione di un metabolita del triptofano, un importante aminoacido essenziale che oltre a partecipare alla costituzione delle proteine dell’organismo, interviene in numerose reazioni chimiche, in particolare nella sintesi di serotonina e dell’acido nicotinico.

Da un punto di vista alimentare il triptofano è reperibile nelle proteine (soprattutto di provenienza animale) ma è anche possibile assorbirlo da un vegetale, la griffonia simplicifolia, un estratto vegetale molto impiegato a livello erboristico per il controllo della fame nervosa e della bulimia, ma anche di ansia e depressione.

In buona sostanza si potrebbe ipotizzare l’utilizzo della griffonia simplicifolia non solo per gli usi già noti, ma altresì per controllare l’infiammazione intestinale e la disbiosi intestinale.E non dimentichiamo l’attività fisica, della quale ho avuto modo di parlare in passato (http://www.vladimirocolombi.it/2016/11/09/curare-la-depressione-lansia-e-linsonnia-con-i-rimedi-naturali-e-il-nordic-walking/) e di cui ho parlato anche in un breve video (https://www.youtube.com/watch?v=hrjM-_XKr7s)

 

 

Bibliografia:

 

World J Gastrointest Pharmacol Ther. 2017 Feb 6;8(1):7-9. doi: 10.4292/wjgpt.v8.i1.7.Tryptophan: A gut microbiota-derived metabolites regulating inflammation.Etienne-Mesmin L1, Chassaing B1, Gewirtz AT1.

 

 

Per visionari i video registrati a Telecolor e in studio clicca i link sottoindicati:

 

 

http://www.telecolor.net/2014/12/intestino-ecco-come-proteggerlo-attraverso-lalimentazione/

 

http://www.youtube.com/watch?v=LK1xwC4z3ug

 

http://www.youtube.com/watch?v=X4bEC546VJo

 

http://www.youtube.com/watch?v=KUsUe1KsQHs

 

http://www.youtube.com/watch?v=9xW8Tqw8FLI

Read More
1 2