Tag Archives: pinoli

News

DOMANDE E RISPOSTE: AVOCADO SI O NO?


vladi-a-telecolor-1

Una lettrice ci scrive per sapere se l’avocado possa essere sostituito da altri alimenti di pari proprietà.

 Carissima,

tutti i grassi come noci, nocciole, mandorle, pinoli, arachidi e anacardi sono possibili sostituivi dell’avocado.

L’avocado infatti è ricco di alcuni grassi mono-insaturi che possiamo trovare anche nei semi oleosi.

Tra questi alimenti le arachidi sono quelle che vanno consumate con maggiore attenzione essendo ricche di un grasso, l’acido arachidonico, che può favorire l’incremento dei processi infiammatori.

Non dimentichi che poi che anche le olive contengono gli stessi identici grassi contenuti nell’avocado e che quindi posso rappresentare un ottimo spuntino.

Infine ricordo che sono solito raccomandare ai miei clienti il cocco, un prezioso alleato delle persone che soffrono di attacchi di fame e stanchezza.

Il cocco contiene due grassi preziosi, l’acido laurico e l’acido caprilico che sono alleati della nostra salute.

Un caro saluto

Vladimiro

 

Ti ricordo che qualora volessi lasciare un commento oppure scrivermi per qualsiasi informazione lo potrai fare compilando la richiesta in fondo all’articolo stesso nell’apposita sezione del sito.

Un caro saluto

 

Vladimiro

 

Per restare aggiornato in merito a tutte le scoperte in tema di nutrizione e naturopatia visita il sito:

http://www.vladimirocolombi.it/

 

Per visionari i video del sito o registrati a Telecolor clicca i link sottoindicati:

https://www.youtube.com/channel/UCM7e53IrPsk1cqsfpGnjt7g

https://www.youtube.com/watch?v=j6HTvUQk50E

https://www.youtube.com/watch?v=59jrZWQu3ms

 

 

 

 

Read More
News

PROTEINE ANCHE PER I VEGANI


Fruit,_Vegetables_and_Grain_NCI_Visuals_OnlineSiamo spesso indotti a pensare che chi segue una dieta vegana posso perdere ad un adeguato apporto proteico.

Le cose in realtà sono molto diverse: anche i vegani possono assumere adeguate quantità proteiche consumando semi oleosi, semi chia, semi di zucca, alghe e legumi.

La soia in particolar modo apporta importanti quantità proteiche mentre la frutta secca (intesa come noci, nocciole, mandorle, pinoli, arachidi e anacardi) rappresenta una fonte straordinaria di proteine. Sapevate poi che anche dal riso e possibile estrarre proteine vegetali?

Non a caso qualche azienda che si occupa di integrazione alimentare ha recentemente iniziato a commercializzare integratori proteici a base di riso, legumi e soia.

Ancora una volta si conferma come i pregiudizi siano forse il peggior nemico per chi desidera davvero non solo progredire nella ricerca ma anche per tutti colori che desiderano semplicemente stare meglio.

Il nostro obiettivo dovrebbe essere forse quello di abbandonare alcuni preconcetti e aprirsi anche a nuove abitudini alimentari per migliorare l’apporto nutrizionale e ottimizzare l’assunzione di nutrienti. Il tutto a vantaggio della nostra muscolaturae del nostro metabolismo.

Read More
News

Domande e risposte: FRUTTA SECCA E SEMI OLEOSI COME SPUNTINO?


 

domande

 
Paolo ci scrive per chiedere se la frutta secca potrebbe essere uno spuntino veloce per “rompere” la fame nel corso della giornata.

Caro Paolo,

i semi oleosi possono sicuramente essere utilizzati per saziare la fame improvvisa. Ma attenzione, occorre capirsi bene! La frutta secca e i semi oleosi sono due alimenti ben diversi! Se per frutta secca intendiamo la frutta disidratata allora occorre fare attenzione a non consumarla con troppa assiduità, e possibilmente solo a determinate condizioni. Io personalmente suggerisco per esempio di non eccedere le due volte settimanali e consumarla preferibilmente solo a colazione e rigorosamente abbinata a delle proteine. Questo per evitare repentini innalzamenti glicemici che come sappiamo sono sempre da limitare al massimo. I semi oleosi invece (noci, nocciole, mandorle, pinoli, anacardi) sono utilissimi da utilizzare come spuntini e possono dare grande supporto nei momenti di fame improvvisa o stanchezza. I semi oleosi infatti contengono quantità ottimali di grassi insaturi e proteine vegetali, e non hanno quasi per nulla zuccheri. Sono insomma ideali per dare energia costante e contemporaneamente veicolare preziose sostanze nutritive. L’esempio che sono solito fare ai miei clienti è quello del fuoco nel camino: dura più un fuoco alimentato con la carta del giornale oppure quello con un bel tronco spesso di legna? Ebbene, la frutta secca disidratata è come la carta del giornale (e così pure gli zuccheri aggiunti al caffè o al tè o tutti gli zuccheri raffinati) mentre i semi oleosi sono un po’ come la legna “grossa”, che permette di godere di un fuoco costante. Del resto il maratoneta lo sà bene che con gli zuccheri non potrebbe arrivare troppo lontano!!!IMG_9353

Read More
News

Un paese che invecchia senza più bambini


 

senza bambini

In un paese che invecchia nel quale ormai il tasso di natalità è bassissimo e contemporaneamente i costi per la previdenza pubblica continuano ad aumentare insieme alla spesa sanitaria viene quasi da domandarsi come mai i nostri politici non si occupino immediatamente di sviluppare attraverso una politica intelligente strategie finalizzate alla prevenzione di malattie cronico degenerative iniziando innanzitutto dall’educazione alimentare. Seì infatti è vero che non tutto può essere curato solo con l’alimentazione è altresì sensato affermare che spesso molte malattie hanno almeno una componente alimentare.

Nella genesi di molte malattie tumorali per esempio i processi infiammatori sembrano funzionare in maniera piuttosto evidente come meccanismo di attivazione, tant’ è vero che tra le sostanze naturali più importanti che oggi conosciamo a livello preventivo contro i tumori riscontriamo quasi sempre un’azione antinfiammatoria. E’ il caso della curcuma, dell’aloe, della Scutellaria baicalensis, della quercitina, del ribes nero e di molte altre sostanze.

Un’attività fisica moderata e un’alimentazione con il minor apporto possibile di tossine, grassi idrogenati e metalli pesanti potrebbe già rappresentare un enorme passo avanti e rivelarsi una risorsa enorme per lo Stato permettendo a tutti di vivere una vita più serena con minori malattie e in migliori condizioni di salute.

Imparare dalla spesa per esempio, cominciando ad eliminare tutti i prodotti confezionati strapieni di sale, zucchero, grassi idrogenati, frumento, lievito e latticini, ridurrebbe enormemente il rischio di ipercolesterolemia, diabete e tumori (e probabilmente anche neurodegenerazione, come la demenza senile per la quale le previsioni sono tutt’altro che rosee). Nei prossimi 50 anni si stima un enrome aumento dei casi di diabete e demenza oltre che di obesità. Sarebbe buona cosa iniziare a utilizzare per esempio i frutti di bosco nella colazione del mattino (mirtilli, more e lamponi per sostituire gli alimenti lievitati strapieni di sale e zucchero che abitualmente troviamo negli scaffali dei prodotti), aumentare la frutta di stagione e abbinare dei semi oleosi (come noci, nocciole, mandorle, pinoli, arachidi e anacardi) per apportare grassi insaturi capaci di ridurre contemporaneamente i processi infiammatori e stabilizzare l’insulina.

Rispetto al solito cappuccio con la brioche o al the con i biscotti potrebbe già cambiare molto il nostro metaboilismo.

Che dire poi del continuo apporto di sale tramite il pane, quasi sempre salatissimo e privo di fibre capace non solo di aumentare la pressione arteriosa in soggetti predisposti all’ipertensione ma anche di rallentare la digestione e il funzionamento dell’intestino (proprio a causa dell’assenza quasi totale di fibre). Limitare il consumo di alimenti ad elevato impatto glicemico cher alzano la glicemia producendo pericolosi sbalzi insulinici evitando i carboidrati nel pasto serale (o limitarsi soltanto ad un rapporto occasionale quando si è in compagnia con degli amici). Già il solo iniziare a sostituire il pane con i legumi per esempio, condendo magari con dell’olio extravergine di oliva arricchito con della curcuma (per aumentarne l’azione antinfiammatoria) cambierebbe le abitudini e produrrebbe effetti straordinari. Davvero un peccato che nessuno pensi alla propria salute prima di averla perduta.

L’invito che faccio costantemente a tutti è quello di imparare ad alimentarsi in maniera intelligente, documentarsi e basarsi su studi scientifici prima di riempire il carrello della spesa. Una scelta intelligente al supermercato oggi può fare la differenza tra una buona vecchiaia e una in cattive condizioni.

Read More