Tag Archives: peso

News

STORIE DI TUTTI I GIORNI OVVERO COME LA NATUROPATIA PUO’ MIGLIORARCI LA VITA


 

Ogni giorno nel corso della mia attività professionale nei due studi presso i quali collaboro osservo situazioni spesso simili: persone che si rivolgono allo studio per piccoli disagi e problemi ricorrenti che, se affrontati in modo corretto, possono migliorare il benessere generale e ridurre, se non eliminare, molti fastidi e disturbi.

Sono sempre stato convinto che la natura metta a disposizione rimedi “dolci” e semplici in grado di riequilibrare le nostre energie aiutandoci a prevenire (non a curare, lo specifico sempre!) innumervoli disagi. Proprio in un articolo pregresso ne avevo trattato parlando delle virtù del rosmarino per esempio (leggi qui: http://www.vladimirocolombi.it/2017/04/30/dal-rosmarino-un-potente-alleato-contro-il-diabete-e-il-colesterolo/).

Ho pertanto pensato di iniziare a riportare sul sito alcuni casi (assolutamente autentici!) che hanno trovato rapido ristoro attraverso un cambio dello stile di vita inclusivo da un lato dell’alimentazione giornalmente seguita e dall’altro dell’integrazione di alcuni rimedi semplici e delicati in grado di apportare enormi benefici ai clienti.

Lo farò ovviamente cambiando i nomi dei clienti per non violare la privacy di nessuno e lo farò a puro titolo di esempio per cercare di comunicare ai lettori le enormi potenzialità che la naturopatia offre a tutti.

Ho deciso di chiamare questa nuova rubrica “STORIE DI TUTTI I GIORNI

Il caso di Lucia: Voleva perdere peso e soffriva di sciatica. I gonfiori addominali erano sempre presenti dopo i pasti e aveva problemi di circolazione

Lucia vuole perdere peso e ha problemi di sciatica e gonfiori addominali.

Il padre e gli zii hanno sofferto di diabete mentre la mamma di tiroidite.

Ecco lo stile di vita di Lucia al momento dell’incontro

ALIMENTAZIONE SEGUITA

Colazione:

Latte di soia e cornflakes.

Metà mattina: (ore)

nulla

Pranzo:

O primo o secondo con pane

Metà pomeriggio:

nulla

Cena:

O primo o secondo, una due settimanali dolci, pane, verdura cruda con aceto di mele.

pane, formaggi, dolci.

Ok: legumi, frutta secca, pesce, olive, cocco, avocado.

ALTEZZA: 1.50 ETA: 33 PESO: 57.4 FAT:38.1 MUSC: 26.2 VISC: 6  BMI:25.5

Nel corso della consulenza emerge una reattività infiammatoria potenzialmente correlata a gruppi di alimenti e ad alimenti specifici (tra i quali zucchero, crostacei, caffè, idrogenati).

L’alimentazione seguita è da rivedere. Carboidrati in eccesso, additivi e conservanti ricorrenti, molti alimenti che tendono a ripetersi nel corso della giornata e, anche a causa della sciatalgia, nessuna attività fisica.

Consiglio pertanto un integratore a base di un enzima specifico al caso, un succo vegetale ricco di polifenoli antiossidanti (dalla marcata azione protettiva a livello circolatorio) e un integratore a base di sostanze in grado di combattere le resistenza insulinica. Abbino poi a questi rimedi vegetali un estratto fitoterapico dalla marcata azione protettiva a livello circolatorio.

Al controllo rivedo Lucia e la situazione è notevolmente migliorata

Molto meglio la situazione delle gambe e della circolazione, la sciatica è migliorata fino a scomparire e si sente in forze come non mai. Il gonfiore addominale è TOTALMENTE SCOMPARSO.

I parametri di Lucia al controllo sono i seguenti:

PESO:  55.4  FAT: 36 MUSC: 27.1  VISC: 5   BMI: 24.6

Come è evidente dai numeri non solo il peso è diminuito in un mese, ma soprattutto la massa grassa è diminuita e il muscolo è aumentato. Anche il grasso viscerale (cioè quello che circonda l’addome) si è ridotto.

Ora Lucia sta meglio e desidera riprendere l’attività fisica che certamente l’aiuterà a perdere ulteriore peso.

Articoli correlati:

DAL ROSMARINO UN POTENTE ALLEATO CONTRO IL DIABETE E IL COLESTEROLO

http://www.vladimirocolombi.it/tag/diabete/

http://www.vladimirocolombi.it/tag/insulino-resistenza/

DIABETE E BATTERI: FORSE ESISTE UNA RELAZIONE

Read More
News

VUOI UN FEGATO MENO “GRASSO”? IL POMODORO PUO’ AIUTARTI…..


Poca pasta e più pomodoro potrebbero forse aiutarci a stare meglio…  vediamo come e perché…..

Da uno studio in vivo effettuato è emerso che il succo di pomodoro potrebbe ridurre in modo significativo la steatosi epatica.

La steatosi epatica è un problema molto comune e diffuso ed è causata non tanto da un’alimentazione troppo ricca di grassi m semmai da uno eccedente in zuccheri. Numerose evidenze ci indirizzano infatti a ritenere che ad oggi uno dei maggiori fattori scatenanti l’aumento di peso non sia da imputare ad un’alimentazione troppo ricca di grassi quanto piuttosto ad una troppo generosa di zucchero.

Lo zucchero si trova ovunque, ed è ahimè nascosto in moltissimi alimenti. Tra i numerosi danni che gli zuccheri producono sul corpo umano ricordiamo che ad essi vanno ricondotti numerosi problemi vascolari (circolazione, vista, coronaropatie), ma anche danni neurologici progressivi e permanenti.

Il succo di pomodoro ha dimostrato di favorire la quantità di grasso epatico favorendola riduzione della massa epatica. Un elementoo su cui ragionare……forse dovremmo ridurre la quantità di pasta in favore della salsa di pomodoro……

Fonte: PLoS One. 2014 Jan 2;9(1):e83968. doi: 10.1371/journal.pone.0083968. eCollection 2014.The inhibitory effects of bioactive compounds of tomato juice binding to hepatic HMGCR: in vivo study and molecular modelling.Navarro-González I1, Pérez-Sánchez H2, Martín-Pozuelo G1, García-Alonso J1, Periago MJ1.

Read More
News

VUOI RITROVARE LA TUA FORMA FISICA SENZA PESARE LE CALORIE? INCONTRIAMOCI!


Perdere peso mangiando le cose giuste agli orari giusti e combinandoli il modo corretto e senza pesare le calorie

Vladimiro Colombi
e.mail: vladimiro@vladimirocolombi.it

Milano
Via Ponte Seveso 26,
Telefono 02.6701914
Orario  dal Lunedi al Venerdì : 9.00 / 12.30 – 14.00 / 19.00.
Sabato : 9.00 / 16.00

Bergamo
Leda Clinic s.r.l. – Via Borgo Palazzo, 116
Telefono  035.249686
Fax  035.242800.
Orario  dal Lunedi al Venerdì : 9.00 / 12.30 – 14.30 / 19.00.
Sabato : 9.00 / 12.30.

Per appuntamenti sulle zone di Brescia,
Mantova e Lago di Garda
contattare il numero 3289229129

Read More
News

DIMAGRIRE MANGIANDO?


Perché alcune persone mangiano a sazietà senza ingrassare, mentre altre non appena mangiano qualcosa in più aumentano subito di peso?

Come si può comprendere se un alimento, un integratore o un rimedio naturale ancora prima di assumerli potranno darci un beneficio oppure no?

Quante volte ci siamo sentiti dire che per dimagrire occorre non mangiare? Quante volte ci è capitato di sentirci affaticati, stanchi e di cattivo umore dopo una estenuante dieta? E perché alcune persone mangiano a sazietà senza ingrassare, mentre altre non appena mangiano qualcosa in più aumentano subito di peso?

E ancora…

– E’ possibile studiare con attenzione le caratteristiche energetiche individuali per prevenire i più comuni disturbi intervenendo prima che si sviluppi una vera patologia?

– Come si può comprendere in anticipo se un alimento, un integratore o un rimedio naturale possano darci un beneficio?

 La TELESEGMENTOMETRIA FUNZIONALE analizza le onde magnetiche che ogni essere vivente produce sfruttando il principio secondo il quale intorno alla persona i campi Elettromagnetici ambientali vengono disturbati dalla sua presenza permettendo così di ottenere informazioni

molto utili sul suo stato energetico generale nonchè sui rimedi naturali necessari per migliorarlo.

L’impiego di questo studio associato ad altre tecniche naturopatiche (come l’IRIDOLOGIA, le INCOMPATIBILITÀ ALIMENTARI INDIVIDUALI, e l’IMPEDENZIOMETRIA (cioè l’ANALISI DEL RAPPORTO TRA MASSA GRASSA E MASSA MAGRA), ci permette di ricavare una somma di informazioni grazie alle quali possiamo correggere i principali errori nello stile di vita e nell’alimentazione quotidiana, combattendo gli STATI INFIAMMATORI potenziando l’energia di difesa e sbloccando le energie che impediscono il dimagrimento e che fanno recuperare tutto il peso faticosamente perduto attraverso diete faticose e frustranti.

SCOPRI LE TUE CARATTERISTICHE ENERGETICHE

Milano
Via Ponte Seveso 26,
Telefono: 02.6701914
Orario > dal Lunedi al Venerdì : 9.00 / 12.30 – 14.00 / 19.00.
Sabato : 9.00 / 16.00.
Bergamo
Leda Clinic s.r.l. – Via Borgo Palazzo, 116
Telefono: 035.249686
Fax:  035.242800.
Orario > dal Lunedi al Venerdì : 9.00 / 12.30 – 14.30 / 19.00.
Sabato:  9.00 / 12.30.

Per appuntamenti sulle zone di Brescia,
Mantova e Lago di Garda contattare:
328 9229129

Mail: vladimiro@vladimirocolombi.it

Read More
News

DIMAGRIRE MANGIANDO


E’ possibile dimagrire mangiando e senza contare le calorie

Oggi abbiamo intervistato Vladimiro Colombi, un noto naturopata che ha iniziato da anni a coniugare le più importanti scoperte scientifiche in tema di alimentazione naturale all’utilizzo di noti e comuni rimedi naturali (come estratti vegetali e gemme di piante, oligoelementi e estratti vitaminici) senza pesare gli alimenti e senza contare calorie.

 

La “non dieta” è uno dei suoi più importanti e innovativi approcci alimentari che hanno cambiato la visione della naturopatia.

 

Buongiorno Vladimiro. Ci può spiegare perché è solito affermare che per poter dimagrire occorre mangiare e non tagliare le calorie?

 

Quasi tutti noi quando abbiamo provato ad applicare i classici principi della dieta ipocalorica. Si perde peso all’inizio ma poi non appena si cessa con i sacrifici si recuperano tutti i chili con gli interessi.

Tutto questo dipende dalla “paura di morire di fame” che i nostri geni ancora conservano dentro se stessi.

Quando mangiamo meno è un po’ come se si il nostro corpo in qualche modo si “spaventasse”  e si difendesse dal taglio calorico rallentando il metabolismo per bruciare meno grassi e conservare delle scorte preziose.

 

Ma com’è possibile che ciò avvenga?

 

Quello che accade è che in parole semplici nel momento in cui tagliamo le calorie confermiamo al nostro cervello che la sua paura di morire di fame è motivata da un reale rischio (il taglio calorico) e a questo punto il corpo prende provvedimenti riducendo il metabolismo.

 

 

Lei invece sostiene che occorra non ridurra le calorie, non pesare gli alimenti e non privarsi del cibo per poter perdere peso. Sembra impossibile che mangiando sia possibile dimagrire…..

 

Capisco possa sembrare paradossale, ma la verità è proprio questa. Più di vent’anni fa Jeffrey Friedman, un’importante ricercatore americano, ha scoperto l’esistenza di una molecola, la leptina, che regola il senso di fame e sazietà e che regola le riserve di grasso di muscolo nel corpo. Se vogliamo restare magri dobbiamo produrre una giusta quantità di leptina. E per farlo occorre stare lontani dalle diete “tutto e subito”. Per rimodellare il corpo in modo intelligente occorre dare tempo al nostro metabolismo. Ne ho avuto modo di parlare in un articolo precedente (clicca qui http://www.vladimirocolombi.it/2017/02/19/naturopatia-e-rimedi-immediati-per-sovrappeso-gonfiori-addominali-e-cistite/).

 

Oltre alla leptina esistono altre cause che possono bloccare un dimagrimento?

 

Certo. I capitoli importanti su cui dobbiamo lavorare se vogliamo perdere peso in maniera definitiva sono sostanzialmente tre: il controllo della leptina, il controllo dei processi infiammatori e il controllo dell’insulina.

 

Cosa intende per processi infiammatori? E cosa intende quando parla di infiammazione?

 

Lei ha presente cosa accade al nostro corpo quando subiamo un trauma? Poniamo il caso che mentre sta attaccando un quadro a casa sua si dia per errore una martellata su un dito. Non è forse vero che il dito si gonfia? Questo accade perché si produce un’edema, cioè della ritenzione idrica che è una risposta infiammatoria al trauma. Si tratta di un normale meccanismo di difesa dell’organismo da un pericolo. Per fare un esempio banale pensi ad un pompiere che spegne l’incendio. L’acqua (l’edema, la ritenzione idrica) serve per spegnere l’incendio, cioè l’infiammazione che il trauma ha prodotto. Ebbene la stessa cosa succede nel nostro corpo quando consumiamo molti alimenti che producono una reazione infiammatoria. Il nostro organismo è in grado di difendersi molto bene dall’infiammazione (così come dalla paura di morire di fame) e lo fa trattenendo grassi e liquidi. Se vogliamo restare magri dobbiamo tenere sotto controllo l’infiammazione e allo stesso tempo dobbiamo produrre le giuste quantità di leptina.

 

Lei ha parlato anche però di un terzo grande capitolo: l’insulina……

 

Tutti sappiamo che quando mangiamo zuccheri o dolci ingrassiamo tutti. Bene, questo accade perché nel nostro corpo ad ogni innalzamento di zuccheri nel sangue corrisponde una produzione importante di un ormone che scorta lo zucchero tramutandolo in grasso: l’insulina.

Un po’ come facciamo noi quando improvvisamente ci ritroviamo con del denaro in mano che non ci serve immediatamente (perché abbiamo guadagnato a causa di un lavoro inaspettato oppure ci arriva un eredità o ancora perché qualcuno ci regala delle somme non attese). Se tutto quel denaro non ci serve in quel preciso momento lo mettiamo da parte per momenti peggiori così ci garantiamo la sopravvivenza in caso di carestia. Il corpo fa esattamente la stessa cosa con il grasso. Noi lo detestiamo ma per il nostro corpo la massa grassa rappresenta una riserva di energia non spesa che gli garantisce la sopravvivenza in caso di carestia. Non dimentichi che siamo evoluti nel corso di milioni di anni in carenza di cibo ed è normale che il nostro organismo tenda a fare scorta di grasso per difendersi da un ipotetico ed eventuale “rischio di morire di fame”. Nel corso di alcuni interventi televisivi a Telecolor con Micol Baronio ho avuto il piacere di spiegare dettagliatamente come funziona l’insulina (clicca qui

Ma anche il alcuni articoli che ho pubblicato in passato sul mio sito internet ho citato alcuni rimedi vegetali utili alla prevenzione della resistenza insulinica (clicca qui http://www.vladimirocolombi.it/2016/01/30/il-poterium-spinosum-e-la-berberina-linsulina-vegetale/ e qui http://www.vladimirocolombi.it/2016/06/16/nutrizione-e-obesita-proteggere-il-pancreas-lintestino-e-lo-stomaco-con-i-rimedi-naturali/)

 

Da come descrive il nostro corpo si direbbe che sia costantemente preoccupato dalla paura di restare senza cibo….una antica macchina rimasta ferma a milioni di anni fa….eppure siamo evoluti nel corso degli ultimi migliaia di anni….come spiega questa apparente contraddizione?

 

È esattamente così infatti. Nel corso degli ultimi 790.000 anni di evoluzione umana abbiamo sempre avuto questo problema. Abbiamo imparato ad organizzarci ed a difenderci da questo rischio trattenendo liquidi e grassi per diluire l’infiammazione, per abbassare la glicemia e per fare scorta di grasso per i periodi meno fortunati in termini di abbondanza di cibo. Il cervello è evoluto da un lato, ma i nostri geni e il nostro metabolismo sono fermi all’età paleolitica.

 

Esistono delle sostanze naturali che possono essere favorire il dimagrimento?

 

Certamente sì. In generale tutti gli estratti vegetali ad azione antinfiammatoria possono essere estremamente utili ma occorre sempre individuare la sostanza più adatta alle caratteristiche individuali.

 

Un po’ come cucire un abito su misura….

 

Proprio così: se compro un abito pronto devo sperare che mi vada bene ma se lo faccio preparare da un sarto prendendo le misure precise, le possibilità che l’abito sia perfetto sono molto più alte. Quando scelgo un integratore alimentare o voglio usare un estratto vegetale devo cercarne uno che sia molto vicino alle mie caratteristiche personali…..

 

Ci può fare un esempio?

 

Poniamo il caso che lei abbia entrambi i genitori che si sono ammalati di cuore, magari uno con una cardiopatia dilatativa è un altro con una coronaropatia. Esistono molti rimedi naturali che possono aiutarla a perdere peso ma ci sono sicuramente alcune sostanze naturali che sono molto indicate per favorire la protezione cardiaca. Un esempio è dato dal magnesio, dal ribosio, dalla carnitina e dal coenzima Q10. Ma tra queste quattro una sola e utile per perdere peso: la carnitina.

 

Quali sono i vantaggi dell’approccio naturopatico che lei propone?

 

Esistono molti vantaggi ma sicuramente il più importante è quello relativo alla prevenzione. Sappiamo tutti che prevenire è meglio che curare ma è fondamentale intervenire prima che esista un danno all’organo o ad un tessuto. Perché questo possa accadere occorre studiare le caratteristiche individuali di una persona… solo dopo si procede con i suggerimenti più idonei…

 

La naturopatia può “curare” tutto?

 

Assolutamente no. La domanda è innanzitutto posta in termini sbagliati e apre la strada ad un terribile equivoco. La naturopatia non ha come obiettivo quello di curare una malattia. Questo semmai compete al medico che, sia sotto il profilo tecnico che sotto quello legale, ha le competenze e la responsabilità della cura di una malattia.

Al naturopata invece interessa studiare una persona sana prima che si ammali e per farlo occorre guardare alle familiarità, allo stile di vita, all’alimentazione individuale nonché alla quantità ed alla qualità di sport praticato. Solo dopo è possibile elaborare una sorta di programma individualizzato volto alla prevenzione delle malattie e soprattutto al mantenimento della salute nonché alla promozione del massimo benessere personale perseguibile.

 

Massimo benessere personale insomma e non cura della malattia…..

 

Esattamente! Sì immagini un’automobile che funziona bene ma non riesce a esprimere il massimo del suo potenziale perchè magari non raggiunge la velocità ottimale oppure non consuma come dovrebbe a causa di un piccolo problema all’alimentazione del motore….Ecco, il naturopata è un po’ “l’ottimizzatore” che aiuta il motore ad esprimere il suo massimo potenziale! Esiste una enorme differenza tra non essere malato ed essere nelle migliori condizioni fisiche possibili. Noi naturopati ci occupiamo di questo: studiamo le peculiarità di una persona e cerchiamo di rendere la sua vita quanto più ricca di benessere ed energia possibile….

 

La ringrazio per queste intervista che non solo ci ha permesso in cosa consista concretamente il suo lavoro ma ha anche chiarito molti punti e molti equivoci frequenti.

Grazie a voi…. un caro saluto a tutti…….

Per appuntamenti:

http://www.vladimirocolombi.it/contatti/

Milano
Via Ponte Seveso 26,
Telefono > 02.6701914
Orario > dal Lunedi al Venerdì : 9.00 / 12.30 – 14.00 / 19.00.
Sabato : 9.00 / 16.00.
Bergamo
Leda Clinic s.r.l. – Via Borgo Palazzo, 116
Telefono > 035.249686
Fax > 035.242800.
Orario > dal Lunedi al Venerdì : 9.00 / 12.30 – 14.30 / 19.00.
Sabato : 9.00 / 12.30.

Per appuntamenti sulle zone di Brescia,
Mantova
e Lago di Garda
contattare il numero: 3289229129

Altri articoli correlati:

http://www.vladimirocolombi.it/2016/10/17/i-rimedi-naturali-contro-lobesita-2/

https://www.facebook.com/vladimiro.colombi

https://www.facebook.com/Farmacia-SantElena-647375808631697/

http://www.vladimirocolombi.it/2017/04/30/dal-rosmarino-un-potente-alleato-contro-il-diabete-e-il-colesterolo/

http://www.vladimirocolombi.it/2017/02/15/aromaterapia-in-cucina-ovvero-come-trasformare-il-cibo-in-farmaco-preventivo/

http://www.ecodibergamo.it/planner/dettaglio/dimagrire-mangiando_1026215_832/

 

 

 

 

 

Read More
News

SOVRAPPESO E INSONNIA: UN RIMEDIO NATURALE TI AIUTA PER ENTRAMBI


La melatonina previene l’obesità attraverso la modulazione della flora intestinale nei topi

 

L’eccesso di peso e l‘obesità sono gravi minacce per la salute pubblica in tutto il mondo. Recenti evidenze dimostrano che un’alterata flora intestinale contribuisce all’obesità.

La riduzione del peso corporeo e un adeguato bilanciamento energetico possono aiutare a prevenire una enrome quantità di problemi di salute.

Una sostanza naturale, la melatonina ha dimostrato di essere in grado di migliorare la flora batterica intestinale. Nota al pubblico per la sua azione sul sonno (la melatonina risulta utile nell’insonnia soprattutto dell’anziano a causa del calo di produzione associato all’età), questa formidabile molecola portata al successo dal Dr. Pierpaoli grazie ai suoi studi, sembra non solo essere in grado di dare beneficio nei disturbi di insonnia, ma anche contribuire alla riduzione del peso.

Lo studio (https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28199741) ha chiaramente dimostrato come la melatonina riduca il peso corporeo, la ”), l’infiammazione sistemica e la resistenza all’insulina.

Nel corso della ricerca effettuata su modelli animali (ratti) la melatonina ha dimostrato di essere in grado di cambiare in modo significativo la composizione della flora intestinale nei topi nutriti con essa.

E’ stata osservata una ricchezza e una diversità della flora intestinale precedentemente assente e ha diminuito il rapporto tra specie Firmicutes e specie Bacteroidetes, favorendo l’incremento di mucina (associata ad una mucosa sana).

Nel loro insieme, i risultati della ricerca suggeriscono che la melatonina può essere usata come agente probiotico per ottimizzare la flora intestinale.

Ricordo che la melatonina costa pochissimo sul mercato e vanta una potente azione antiossidante utilissima per ritardare alcuni problemi legati all’invecchiamento, e che potrebbe diventare un alleato prezioso anche per il sistema immunitario stante la relazione stretta tra intestino e sistema immunitario (https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28197336).

 

Fonte:

 

  • J Pineal Res. 2017 Feb 15. doi: 10.1111/jpi.12399. Melatonin prevents obesity through modulation of gut microbiota in mice. Xu P1, Wang J1, Hong F1, Wang S1, Jin X1,2, Xue T1, Jia L1, Zhai Y1,2.
  • Clin Transl Immunology.2017 Jan 20;6(1):e125. doi: 10.1038/cti.2016.91. eCollection 2017.Embracing the gut microbiota: the new frontier for inflammatory and infectious diseases. van den Elsen LW1Poyntz HC1Weyrich LS2Young W3Forbes-Blom EE1.

 

 

Per visionari i video registrati a Telecolor o in studio clicca i link sottoindicati:

 

http://www.telecolor.net/2014/12/intestino-ecco-come-proteggerlo-attraverso-lalimentazione/

 

http://www.youtube.com/watch?v=LK1xwC4z3ug

 

http://www.youtube.com/watch?v=X4bEC546VJo

 

http://www.youtube.com/watch?v=KUsUe1KsQHs

 

http://www.youtube.com/watch?v=9xW8Tqw8FLI

Read More
News

DOMANDE E RISPOSTE IN NATUROPATIA: MA LA PIZZA FA BENE O MALE?


 

vladi-a-telecolor-1

 

Paola mi scrive per sapere se la pizza è controindicata per chi vuole dimagrire

Cara Paola,

la pizza contiene diversi ingredienti come il frumento, i lieviti, il nickel e i latticini che possono essere controindicati nei soggetti che avvertono reattivita’ infiammatorie quando mangiano. I gonfiori addominali che talvolta seguono il consumo della pizza ne sono un esempio.

Occorre però precisare che la preparazione della pasta gioca un ruolo enorme in questo senso.

Una pasta preparata per tempo e lasciata riposare diverse ore risulta spesso molto più facilmente digeribile anche a chi è solito avvertire questo genere di problemi.

In chi ha bisogno di perdere peso consiglio di consumarla solo ocpizzacasionalmente e solo a pranzo, in considerazione della facilità con cui essa stimola la secrezione di insulina.

La stimolazione di quest’ultima favorisce l’aumento di peso corporeo e mi induce quindi a consigliare di consumarla con cautela.

Una volta ogni 15 giorni e preferibilmente a pranzo può essere tollerabile anche per chi desideri perdere peso.

Se ci si allena in modo costante e si mangia “mediamente” bene i piccoli problemi che potrebbe generare sono del tutto superabili.

In studio a Bergamo (presso Leda clinic) spieghiamo ogni giorno proprio come seguire uno stile di vita adeguato per prevenire malattie godendoci anche però una vita piena e soddisfacente.

Un caro saluto

Vladimiro

 

Ti ricordo che qualora volessi lasciare un commento oppure scrivermi per qualsiasi informazione lo potrai fare compilando la richiesta in fondo all’articolo stesso nell’apposita sezione del sito.

Un caro saluto

 

Vladimiro

 

Per restare aggiornato in merito a tutte le scoperte in tema di nutrizione e naturopatia visita il sito:

http://www.vladimirocolombi.it/

Per visionari i video del sito o registrati a Telecolor clicca i link sottoindicati:

https://www.youtube.com/channel/UCM7e53IrPsk1cqsfpGnjt7g

https://www.youtube.com/watch?v=j6HTvUQk50E

https://www.youtube.com/watch?v=59jrZWQu3ms

Read More
News

CONTRO IL FEGATO GRASSO PROVA L’ESTRATTO DI RUBUS SUAVISSIMUS


La steatosi epatica, più comunemente nota come “fegato grasso”, è una condizione in cui alcuni grassi si depositano all’interno degli epatociti, le cellule del fegato.

Questa condizione, di per sé non particolarmente pericolosa se momentanea, può rappresentare un terreno fertile per lo sviluppo di condizioni infiammatorie pericolose. Una vita stressata, l’utilizzo di farmaci e soprattutto un’alimentazione sbagliata possono concorrere nello sviluppo di malattie croniche tra le quali anche il tumore e il cancro.

Uno studio cinese ha confrontato un gran numero di estratti vegetali con effetti inibitori sul deposito di grassi nel fegato.

Tra le 98 piante esaminate il Rubus suavissimus S. Lee (Tien-cha o dolce cinese del tè) estratto di foglie, ha mostrato forti effetti inibitori in grado di ridurre il deposito di grassi nel fegato senza influenzare l’aumento di peso corporeo. L’estratto di questo vegetale sembrerebbe in grado di conservare le funzioni del fegato proteggendolo dal deposito di massa grassa senza effetti collaterali.

 

Fonte:

Evid Based Complement Alternat Med. 2016;2016:4282758. doi: 10.1155/2016/4282758. Epub 2016 Jun 26.Identification of Plants That Inhibit Lipid Droplet Formation in Liver Cells: Rubus suavissimus Leaf Extract Protects Mice from High-Fat Diet-Induced Fatty Liver by Directly Affecting Liver Cells.Takahashi T1Sugawara W1Takiguchi Y1Takizawa K1Nakabayashi A1Nakamura M1Nagano-Ito M1Ichikawa S

Read More
News

DOMANDE E RISPOSTE: MA I LEGUMI SONO PROTEINE O CARBOIDRATI?


DOMANDE E RISPOSTE

vladi-a-telecolor

Antonella mi scrive per chiedere se i legumi vanno considerati tra le proteine o i carboidrati.

 

Cara Antonella,

i legumi sono sempre stati inclusi nella “categoria proteine” a causa della loro elevata concentrazione proteica (vegetale). I vegani e i vegetariani infatti traggono il loro sostentamento proteico da essi oltre che dai semi oleosi (noci, mandorle, nocciole, pinoli, anacardi etc..etc..) e da altri fonti vegetali.

Tuttavia il mio suggerimento per chi è in sovrappeso è quello di “fingere” che siano carboidrati, nel senso che avendo essi anche una concentrazione di amidi significativa, potrebbero (almeno teoricamente”) ostacolare la perdita di peso se consumati vicino ad altri amidi in orari sbagliati.

Si tratta ovviamente solo di un “trucco” per favorire la perdita di peso che in qualche modo “viola” i precetti dei “sacri testi”. Ma battute a parte, se è vero che la soia contiene fino al 30% di proteine vegetali per 100 grammi di prodotto (contro i 20-21 grammi di proteine di una fetta di carne da 100 grammi!). è anche vero che la presenza di amidi è innegabile.

Come sempre insomma, possiamo tracciare linee guida generiche per provare a “inquadrare” un alimento in una certa categoria, ma occorre poi sempre arrivare ad una personalizzazione che in alcuni case ci porta a considerare più fattori concatenati tra loro.

Read More
News

CONTRO IL FEGATO GRASSO PROVA L’ESTRATTO DI RUBUS SUAVISSIMUS


 

 

liver_veins

La steatosi epatica, più comunemente nota come “fegato grasso”, è una condizione in cui alcuni grassi si depositano all’interno degli epatociti, le cellule del fegato.

Questa condizione, di per sé non particolarmente pericolosa se momentanea, può rappresentare un terreno fertile per lo sviluppo di condizioni infiammatorie pericolose. Una vita stressata, l’utilizzo di farmaci e soprattutto un’alimentazione sbagliata possono concorrere nello sviluppo di malattie croniche tra le quali anche il tumore e il cancro.

Uno studio cinese ha confrontato un gran numero di estratti vegetali con effetti inibitori sul deposito di grassi nel fegato.

Tra le 98 piante esaminate il Rubus suavissimus S. Lee (Tien-cha o dolce cinese del tè) estratto di foglie, ha mostrato forti effetti inibitori in grado di ridurre il deposito di grassi nel fegato senza influenzare l’aumento di peso corporeo. L’estratto di questo vegetale sembrerebbe in grado di conservare le funzioni del fegato proteggendolo dal deposito di massa grassa senza effetti collaterali.

 

Fonte:

Evid Based Complement Alternat Med. 2016;2016:4282758. doi: 10.1155/2016/4282758. Epub 2016 Jun 26.Identification of Plants That Inhibit Lipid Droplet Formation in Liver Cells: Rubus suavissimus Leaf Extract Protects Mice from High-Fat Diet-Induced Fatty Liver by Directly Affecting Liver Cells.Takahashi T1Sugawara W1Takiguchi Y1Takizawa K1Nakabayashi A1Nakamura M1Nagano-Ito M1Ichikawa S1.

Read More
News

GLI EFFETTI DEL NORDIC WALKING NELL’AUMENTO DI PESO IN MENOPAUSA


GLI EFFETTI DEL NORDIC WALKING NELL’AUMENTO DI PESO IN MENOPAUSA

Una moderata attività fisica come il nordic walking può aiutare a contrastare l’aumento di peso in menopausa

 

nordic

Con la fine dell’età fertile è frequente incontrare donne che lamentano un fastidioso aumento di peso accompagnato da un significativo incremento delle “rotondità”.

Una moderata attività fisica (come il nordic walking) potrebbe aiutare non poco ad evitare il tipico aumento di peso. L’attività fisica infatti stimola in modo dolce e naturale non solo il metabolismo ma anche il rilascio della leptina, una sostanza che invia messaggi all’ipofisi regolando le riserve di massa grassa e muscolo. La leptina però è anche in grado di regolare il senso di fame e sazietà, spesso alterato a causa di condizioni di stress, mancanza di un adeguato movimento e di un’alimentazione sregolata.

Una ricerca di dicembre 2015 ha documentato come sia possibile intervenire precocemente per modificare questi cambiamenti aiutando il nostro metabolismo a compensare l’inesorabile arrivo della menopausa.

Bibliografia:

 

Prz Menopauzalny. 2015 Dec;14(4):231-7. doi: 10.5114/pm.2015.56311. Epub 2015 Dec 8.The influence of a 12-week program of physical activity on changes in body composition and lipid and carbohydrate status in postmenopausal women.Pilch WB1, Mucha DM2, Pałka TA3, Suder AE1, Piotrowska AM1, Tyka AK4, Tota ŁM3, Ambroży T2.

Per visionari i video del sito o registrati a Telecolor clicca i link sottoindicati:

https://www.youtube.com/channel/UCM7e53IrPsk1cqsfpGnjt7g

https://www.youtube.com/watch?v=j6HTvUQk50E

https://www.youtube.com/watch?v=59jrZWQu3ms

Read More
News

TROPPI CARBOIDRATI? OCCHIO ALLA MEMORIA….


 

Attenzione alla memoria se ami i carobidrati (e gli zuccheri): la memoria potrebbe risentirne

La dieta mediterranea viene abitualmente considerata salutare e ricca di proprietà salutistiche. In televisione ci raccontano che il consumo di pasta e pane sia eccellente insieme al consumo di olio extravergine di oliva e ad una dieta variata.

Ma cosa significa esattamente dieta variata? E siamo sicuri che il consumo di frumento in quantità tanto elevate sia salutare? Ovunque ci si trovi sembra quasi impossibile consumare un pasto senza frumento (e glutine), ma questo sovraesposizione del sistema immunitario a questa famiglia di alimenti potrebbe non essere poi troppo salutare.

Una ricerca effettuata nel luglio del 2016 ha chiaramente evidenziato come una dieta ricca di carboidrati possa predisporre a disturbi di ansia e depressione. La sovraproduzione di insulina conseguente al consumo di amidi può portare non solo ad un’aumento di peso, (soprattutto quando la farina non è integrale o magari è stata addirittura trattata e modificata geneticamente), ma condurre a problemi di natura nervosa. La stessa malattia di alzheimer infatti oggi si inizia a considerare come una sorta di “diabete di tipo III”, molto collegata all’eccesso di carboidrati e zuccheri.

Va precisato per onestà scientifica che ovviamente come più volte ribadito per altre pericolose malattie (tumori, malattia cardiovascolari, ictus etc..etc..), esiste una multifattorialità e individualità in ogni singolo caso che non può essere disconosciuta. Ma certamente possiamo ragionare sull’opportunità di almeno ridurre (se non in alcuni casi eliminare) il consumo massivo di carboidrati.

Fonte:

Nutr Neurosci. 2016 Jul 29:1-7. Carbohydrate-enriched diet predispose to anxiety and depression-like behavior after stress in mice. Santos CJ1Ferreira AV2Oliveira AL1Oliveira MC2Gomes JS1Aguiar DC

Read More
1 2