Tag Archives: infezioni

News

SINUSITE E RAFFREDDORE: QUANDO I LATTICINI CI FANNO MALE


SINUSITE E RAFFREDDORE: QUANDO I LATTICINI CI FANNO MALE

Paola mi scrive per sapere se esista una relazione tra alimentazione, sinusite e raffreddore.

 

 

Carissima Paola,

come ho già avuto modo di sottolienare più volte in passato, un’alimentazione ricca di latticini può concorrere nel produrre un’eccesso di muco (clicca qui http://www.vladimirocolombi.it/2016/10/02/domande-e-risposte-diminuisci-il-sovrappeso-riducendo-i-latticini/).

Se infatti è vero infatti che i latticini in molte persone possono causare un aumento della secrezione catarrale e aggravare quadri già di per sè complicati, in chi invece ha problemi “a monte”  (come una deviazione del setto nasale per esempio) i danni possono essere anche maggiori, incorrendo in una sinusite cronica.

Anche a causa di un’alimentazione sbagliata molti alimenti contenenti frumento possono ulterioramente aggravare il quadro infiammatorio. In queste situazioni il cocktail tra frumento e latticini può diventare esplosivo.

Occorre tuttavia non eliminare né demonizzare alcun alimento ma semmai imparare ad allargare la propria base alimentare allo scopo di riuscire ad introdurre una maggiore quantità di alimenti diversi tra loro.

Anche la qualità del cibo ovviamente gioco un ruolo fondamentale.

Un alimento integrale é quasi sempre da preferire rispetto un alimento raffinato dal quale sono stati estratti moltissimi principi attivi (poi regolarmente rivenduti per produrre questo o quell’integratore alimentare).

Va sempre inoltre ricordato che la flora batterica intestinale rappresenta il primo è più importante baluardo a livello immunologico.

Una buona eubiosi intestinale rappresenta la prima condizione fondamentale per potersi difendere proteggendosi da infezioni e malattie acute e croniche.

Per questa ragione l’alimentazione diventa un elemento imprescindibile. Conoscere quali siano gli alimenti che producono una reazione infiammatoria all’interno del nostro organismo significa proteggere la parete intestinale in modo tale da renderla non permeabile ed evitare quindi pericolose cronicizzazioni di disturbi o malattie.

Per visionari i video registrati a Telecolor o in studio clicca i link sottoindicati:

http://www.telecolor.net/2014/12/intestino-ecco-come-proteggerlo-attraverso-lalimentazione/

http://www.youtube.com/watch?v=LK1xwC4z3ug

http://www.youtube.com/watch?v=X4bEC546VJo

http://www.youtube.com/watch?v=KUsUe1KsQHs

http://www.youtube.com/watch?v=9xW8Tqw8FLI

Read More
News

FRAGILITA’ CAPILLARE? FAI COSI’


blueberries-184448_960_720Vaccinium myrtillus (mirtillo nero).

Si tratta di un piccolo arbusto di circa 50 cm di altezza che cresce nelle zone montane e submontane e che è facile incontrare nei boschi e nelle brughiere.

Le sue bacche nero sono molto ricche di preziose sostanze (glucosidi antocianici, mirtillina, vitamine A, B1, B2, ma anche vitamina C).

La sua azione si esplica soprattutto a livello dei capillari rafforzando la struttura del tessuto connettivo e migliorandone l’elasticità e il tono vasale. E’ uno dei rimedi naturali più efficaci per ridurre la permeabilità capillare, un problema che riguarda soprattutto le persone che usano l’aspirina in continuazione (per esempio i soggetti cardiopatici che necessitano di una costante fluidificazione del sangue).

Sempre dalle bacche del mirtillo nero si ricavano delle antocianine per la prevenzione delle infezioni delle vie urinarie e gastroenteriche, mentre nelle sue foglie contengono una sostanza dal marcato effetto ipoglicemizzante.

Utilissimo pertanto utilizzare le sue foglie in soggetti tendenti al sovrappeso golosi di dolci e con familiarità diabetica.

Read More
News

PROTEGGI LO STOMACO CON QUESTI RIMEDI NATURALI


5 rimedi vegetali possono aiutarti a prevenire l’ulcera dello stomaco

 

Da uno studio turco (Gürbüz I, Ustun O, Yesilada E, Sezik E, Kutsal O.) è emerso come cinque rimedi erboristici utilizzati come farmaci gastroprotettivi nell’ambito della medicina popolare potrebbero essere utili nella prevenzione dell’ulcera gastrica. I ricercatori turchi hanno studiato gli effetti gastroprotettivi di cinque vegetali su modelli animali: Elaeagnus angustifolia L. (Elaeagnaceae), Hibiscus esculentus L. (Malvaceae), Papaver rhoeas L. (Papaveracee), Phlomis grandiflora e Rosa canina L. (Rosaceae).

Gli estratti sono stati preparati secondo le indicazioni tradizionali di utilizzo della medicina popolare turca e ne è emerso come dei cinque estratti, due in modo particolare, (Phlomis grandiflora e Rosa canina) sono altamente efficaci. La rosa canina è nota per la sua elevata concentrazione di vitamina Ce viene abitualmente utilizzata in naturopatia ed erboristeria per la prevenzione delle infezioni virali, con particolare riguardo a quelle dell’apparato respiratorio (sinusite, raffreddore, influenza etc…etc…).

Ma la ricerca ha anche dimostrato come il meno efficace dei rimedi testati, le radici di  papavero (Papaver rhoeas), avrebbe un potente effetto gastroprotettivo.

Lo studio è di particolare interessa in quanto effettuato su modelli in vivo, e conferma ciò che l’osservazione sull’uomo aveva affermato da anni.

 

Fonte:

 

J Ethnopharmacol. 2003 Sep;88(1):93-7.Anti-ulcerogenic activity of some plants used as folk remedy in Turkey.Gürbüz I1, Ustün O, Yesilada E, Sezik E, Kutsal 

 

 

Altri articoli correlate:

http://www.vladimirocolombi.it/2016/01/04/broccoli-e-tumori-allo-stomaco/

 

http://www.vladimirocolombi.it/2016/06/16/nutrizione-e-obesita-proteggere-il-pancreas-lintestino-e-lo-stomaco-con-i-rimedi-naturali/

 

http://www.vladimirocolombi.it/2016/11/13/autunno-e-aspirina-i-rimedi-naturali-per-lo-stomaco/

 

https://www.scienzanatura.it/il-valore-di-unalimentazione-corretta-quotidiana/

 

Read More
News

MORBO DI PARKINSON E INTESTINO


Una ricerca ha ipotizzato una relazione tra intestino e morbo di parkinson

 

La flora batterica intestinale può influenzare la situazione cognitiva di un individuo ma anche il suo apprendimento e la sua memoria. Diversi studi hanno ipotizzato come dalla flora batterica intestinale possa dipendere   lo sviluppo e il comportamento del cervello.E’ stato altresì ipotizzato come numerosi disturbi neurologici (come il morbo di Alzheimer, sclerosi multipla, sclerosi laterale amiotrofica, ansia, stress e molto altro ancora) potrebbero trovare una loro concausa nell’intestino.

Un recente studio ha dimostrato che i pazienti con la malattia di Parkinson soffrono di disbiosi intestinale, ma non è ancora affatto chiaro se si tratti di una causa o un effetto di tali disturbi.

Uno studio appena effettuato (https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28202372) ha cercato una spiegazione tra questi disturbi nervosi e il mondo dell’intestino mcon prove dirette e indirette.

Un’altra ricerca ha esaminato una rosa totale di 197 soggetti colpiti da morbo di Parkinson ed è stata studiata la composizione microbica intestinale.Nel corso della ricerca sono stati altresì esaminati i farmaci e la dieta assunta nonché i sintomi gastrointestinali di cui soffrivano i soggetti sottoposti alla ricerca. In tutti i soggetti esaminati è stata osservata una stretta relazione tra la malattia e la presenza di una disbiosi intestinale.

Lo studio (https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28195358), pur non conclusivo, ha aperto una nuova strada per ragionare sulle possibilità che oltre ai tradizionali farmaci potrebbe essere impiegato un intervento a supporto dell’intestino, ed è stata anche osservata una importante relazione tra assunzione di farmaci e disbiosi intestinale (antibiotici in particolare, il cui abuso potrebbe diventare un problema serio come ho spiegato in un altro articolo http://www.vladimirocolombi.it/2016/05/28/antibiotici-e-infezioni-quale-futuro/).

Bibliografia:

 

  • Mov Disord. 2017 Feb 14. doi: 10.1002/mds.26942.Parkinson’s disease and Parkinson’s disease medications have distinct signatures of the gut microbiome.Hill-Burns EM1, Debelius JW2, Morton JT3, Wissemann WT1, Lewis MR1, Wallen ZD1, Peddada SD4, Factor SA5, Molho E6, Zabetian CP7, Knight R2,3,8, Payami H1,9.

 

  • Parkinsonism Relat Disord. 2017 Feb 7. pii: S1353-8020(17)30036-6. doi: 10.1016/j.parkreldis.2017.02.002.Gut microbiota: Implications in Parkinson’s disease.

Parashar A1, Udayabanu M2.

 

 

Per visionari i video registrati a Telecolor e in studio clicca i link sottoindicati:

 

 

 

http://www.telecolor.net/2014/12/intestino-ecco-come-proteggerlo-attraverso-lalimentazione/

 

http://www.youtube.com/watch?v=LK1xwC4z3ug

 

http://www.youtube.com/watch?v=X4bEC546VJo

 

http://www.youtube.com/watch?v=KUsUe1KsQHs

 

http://www.youtube.com/watch?v=9xW8Tqw8FLI

Read More
News

ANTIBIOTICI, INTESTINO E DIABETE 1


Uno studio in modelli animali ipotizza una relazione importante tra flora batterica intestinale e diabete di tipo 1

 

Il microbiota intestinale interagisce con le cellule immunitarie innate e svolge un ruolo importante nel plasmare il sistema immunitario. Molti fattori possono influenzare la composizione del microbiota: la modalità della nascita, la dieta, le infezioni e farmaci (tra cui antibiotici, il cui aumento potrebbe rappresentare in futuro un grande problema http://www.vladimirocolombi.it/2016/05/28/antibiotici-e-infezioni-quale-futuro/).

Nelle malattie con una eziologia multifattoriale, come nel diabete di tipo 1, la manipolazione e le alterazioni del microbiota in modelli animali hanno dimostrato di influenzare l’incidenza e l’insorgenza della malattia. I microbiota sono una parte importante dell’ambiente interno e la comprensione di come questi batteri interagiscono con le cellule immunitarie innate di generare tolleranza immunitaria potrebbe aprire nuove opportunità per lo sviluppo di nuove strategie terapeutiche.Una ricerca recentissima ha studiato la relazione tra diabete di tipo 1 e microbiota dell’intestino (https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28188825).

 

 

Bibliografia:

Pharmacol Res. 2017 Feb 7;119:219-226. doi: 10.1016/j.phrs.2017.01.034.Antibiotics, gut microbiota, environment in early life and type 1 diabetes.Hu Y1, Wong FS2, Wen L3.

 

 

Per visionari i video registrati a Telecolor  e in studio clicca i link sottoindicati:

 

 

http://www.telecolor.net/2014/12/intestino-ecco-come-proteggerlo-attraverso-lalimentazione/

 

http://www.youtube.com/watch?v=LK1xwC4z3ug

 

http://www.youtube.com/watch?v=X4bEC546VJo

 

http://www.youtube.com/watch?v=KUsUe1KsQHs

 

http://www.youtube.com/watch?v=9xW8Tqw8FLI

Read More
News

CON LA ROSA DAMASCENA PROTEGGI LA PELLE DALLE INFEZIONI E DALL’INVECCHIAMENTO


 

 

Ho avuto modo di parlare già in passato dela pelle sia in questo sito (http://www.vladimirocolombi.it/2016/05/31/nutrizione-ritenzione-idrica-colesterolo-tumori-e-pelle-la-wolfiporia-extensa-poria-come-rimedio-nella-psoriasi/) che in tv (https://www.youtube.com/watch?v=DptgNQoSgRQ). Oggi parleremo di una nuova scoperta relativa alla rosa damascena.

I preparati a base di fiori di Rosa damascena (noti anche come acqua di rose) vengono tradizionalmente usati per vari problemi di salute, tra cui problemi dermatologici su base infiammatoria (come eritema, prurito e gonfiore). Per la cura di questi disturbi della pelle causati da infezioni microbiche, è necessario identificare un rimedio, sia esso naturale che non) che sviluppi sia effetti antimicrobici che antinfiammatori. Una recente ricerca (https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28154255) ha studiato gli effetti dell’acqua di rose sulla crescita di Candida albicans e Staphylococcus aureus resistente alla meticillina (MRSA) che causano infezioni della pelle e svolgono un ruolo importante nella regolazione delle reazioni infiammatorie. L’ acqua di Rose ha inibito la crescita del micelio di C. albicans ad una concentrazione di ca. 2,2%, e ha ridotto la vitalità di MRSA entro 1 ora. Essa ha soppresso l’attivazione dei neutrofili (chiaro segno di infiammazione) nonché del fattore di necrosi tumorale alfa (TNF-α), ed ha contemporaneamente ridotto il fattore TNF-α.

La ricerca ha dimostrato come l’’acqua di rose può ridurre la patogenicità dei microbi ed attenuare la stimolazione dei neutrofili coinvolti nella risposta infiammatoria. In sintesi l’acqua di rose avrebbe un potenziale effetto inibitorio dell’infiammazione della pelle causata da microbi.

 

Riferimento:

 

Biol Pharm Bull. 2017;40(2):161-168. doi: 10.1248/bpb.b16-00644.Inhibition of Neutrophil Adhesion and Antimicrobial Activity by Diluted Hydrosol Prepared from Rosa damascena.Maruyama N1Tansho-Nagakawa SMiyazaki CShimomura KOno YAbe S.

Read More
News

MA I FERMENTI LATTICI SERVONO? COME PROTEGGERSI DA DIARREA, CANDIDA ALBICANS E FLATULENZA


 

Lattobacilli acidophili e bifidobatteri possono difenderti da pericolose infezioni

 

 

Una lettrice ci scrive per sapere l’utilizzo di fermenti lattici abbia o meno una reale base scientifica.Soffrendo di problemi di candidosi ricorrente e di problemi intestinali le sono stati suggeriti dei probiotici, ma vuole sapere se le indicazioni che le sono state date sono corrette.

 

Gentilissima lettrice,

deve sapere che nel mondo dei così detti i fermenti lattici probiotici esistono molti integratori alimentari con diversa capacità curativa.E di essi ne ho avuto modo di parlare in passato (http://www.vladimirocolombi.it/tag/probiotici/).

Alcuni di essi funzionano egregiamente e possono dare risultati davvero straordinari mentre altri sono del tutto inutili. In qualche caso possono perfino essere controindicati.

Nel caso di infezioni da Candida albicans, di gonfiori intestinali (flatulenza) ed intestino pigro (o al contrario di diarrea) alcuni ceppi di batteri si sono rivelati particolarmente utili.

E’ il caso per esempio dei saccaromiceti boulardi e di un ceppo, il Bifidobacterium lactis BB12, due probiotici dalle straordinarie proprietà salutistiche.

In particolare quest’ultimo ceppo batterico si è dimostrato particolarmente resistente agli acidi biliari, quasi sempre implicati nei processi di distruzione dei batteri probiotici.

Il bifidobacterium lactis BB12 è in grado di colonizzare l’intestino tenue in modo stabile, peculiarità che lo rende particolarmente indicato nel caso di trattamenti antibiotici.

La sua assunzione infatti è in grado di limitare al massimo le scariche diarroiche intervenendo direttamente sulla causa. Un’altra indicazione particolarmente utile di questo ceppo batterico è nel trattamento dei disturbi dermatologici. Molto spesso infatti la causa di una dermatite sta nell’intestino e un’ alterazione della flora batterica intestinale può rappresentare un elemento fortemente destabilizzante per la pelle.

Come sempre ovviamente non basta agire però su un solo fattore quando la causa del problema è multipla. Oltre ad associare ai probiotici un’alimentazione corretta priva di alimenti irritanti e infiammanti, occorre integrare in modo intelligente i grassi necessari per costruire il film idrolipidico della pelle, introducendo per esempio grassi “sani” e insaturi rigorosamente biologici.

Associando questi interventi è possibile in molti casi ottenere un netto miglioramento se non la risoluzione di molti disturbi cronici sia a livello della pelle che a livello intestinale. Come ha dimostrato una recente ricerca infine, alcuni batteri intestinali associati ad alcuni estratti erbali (nel caso in specie il ginkgo biloba) sono in grado di ridurre anche il grasso viscerale in modelli animali. (Poult Sci. 2017 Feb 16. doi: 10.3382/ps/pex017.The effects of Bacillus coagulans-fermented and non-fermented Ginkgo biloba on abdominal fat deposition and meat quality of Peking duck.Liu X1, Cao G2, Zhou J3,
Yao X1, Fang B1.).

 

Altri riferimenti:

http://www.vladimirocolombi.it/2016/11/06/i-lattobacilli-per-le-infezioni-virali/

 

         Bibliografia:

  • Int J Mol Sci. 2017 Feb 20;18(2). pii: E318. doi: 10.3390/ijms18020318.Bifidobacterium adolescentis Exerts Strain-Specific Effects on Constipation Induced by Loperamide in BALB/c Mice.Wang L1,2, Hu L3,4, Xu Q5,6, Yin B7, Fang D8, Wang G9,10, Zhao J11,12, Zhang H13,14, Chen W15,16,17;
  • Poult Sci. 2017 Feb 16. doi: 10.3382/ps/pex017.The effects of Bacillus coagulans-fermented and non-fermented Ginkgo biloba on abdominal fat deposition and meat quality of Peking duck.Liu X1, Cao G2, Zhou J3, Yao X1, Fang B1.
Read More
News

I rimedi naturali per proteggersi dall’inquinamento atmosferico



Polveri sottili, PM10, gas tossici, etc…etc…, sembra che in ogni luogo e in ogni dove non si riesca proprio ad evitare di respirare sostanze pericolose.

Ci scrive una lettrice per chiedere informazioni riguardo ai rimedi naturali in grado di proteggere l’apparato respiratorio da sostanze tossiche.
Carissima,
deve sapere che purtroppo l’inquinamento soprattutto in alcune aree della nazione in cui viviamo (la Pianura Padana in particolar modo) sono soggette a livelli di inquinamento piuttosto preoccupanti.
A causa della sua posizione geografica e per una serie di coincidenze ambientali questa area dell’Italia si trova a dover sopportare tassi di inquinamento davvero elevati.
Purtroppo non è possibile evitare completamente il contatto con sostanze tossiche (soprattutto quando pioggia, neve e vento tardano ad arrivare).
Proprio in questi giorni infatti le notizie ci confermano che i tassi di inquinamento di alcune città sono molto elevati e che i blocchi del traffico si susseguono (anche per motori di automobili relativamente recenti).
Esistono alcuni rimedi naturali però che ci possono aiutare ad accelerare la disintossicazione del nostro organismo ritardando processi di invecchiamento e allontanando il rischio di pericolose malattie.
Tra queste vanno ricordate sicuramente alcuni vegetali molto ricchi di alcune sostanze come gli aminoacidi solforati che sono in grado di espellere molte tossine-
Il cavolo, i broccoletti di Bruxelles e il cavolo verza sono tra i vegetali più importanti in questo senso. Non a caso alcune aziende che producono integratori alimentari stanno proponendo da alcuni anni capsule contenenti estratti secchi di questi vegetali.
Anche la vitamina C svolge un ruolo importantissimo. Essa infatti è in grado di ridurre notevolmente il carico di tossine e favorire l’eliminazione di tossici, soprattutto del fegato.
La vitamina C si rivela particolarmente utile soprattutto d’inverno quando la concentrazione di sostanze tossiche nell’aria aumenta e il rischio di ammalarsi di infezioni virali aumenta.
Sono solito ricordare ai miei clienti che la vitamina C svolge anche un’importantissima azione tonica al livello delle ghiandole surrenali (quindi utilissima in tutti i casi di stress).
Infine esiste una sostanza molto importante, il glutatione, che il corpo umano produce da sè partendo da un oligoelemento, il manganese.
Benché molti studi non ne confermino l’assorbimento se assunto per via orale (quindi in forma di capsule), il glutatione sembra essere in grado di favorire una rapida e potente disintossicazione favorendo l’eliminazione di pericolose tossici.
Read More
News

I LATTOBACILLI PER LE INFEZIONI VIRALI?


Alcuni batteri potrebbero proteggerci dai virus

 

Uno studio effettuato nell’agosto del 2016 ha dimostrato una possibile azione terapeutica di alcuni batteri contro i virus.

Noti al grande pubblico con l’improprio nome di “fermenti lattici”, alcuni batteri appartenenti alla famiglia dei lattobacilli acidofili hanno mostrato un’azione antivirale notevole.

Se da un lato sappiamo infatti come l’assunzione di antibiotici in caso di infezioni virali sia assolutamente inutile, dall’altro sappiamo come i danni che taluni farmaci (antibiotici inclusi) sono in grado di produrre alla flora batterica intestinale. Non rara è per esempio la tendenza a manifestazioni da infezioni micotiche in conseguenza all’assunzione di antibiotici (come candidosi vaginali o reazioni dermatologiche sia su base allergica che micotica).

L’utilizzo di lattobacilli acidofili potrebbe rappresentare un presidio preventivo intelligente dalle infezioni virali e contemporaneamente salvaguardare la mucosa intestinale da danni importanti.

Una buona notizia se si pensa che nell’intestino alloggia una considerevole parte del sistena immunitario.

 

Fonte:

Probiotics Antimicrob Proteins. 2016 Aug 9. Effects of Simple and Microencapsulated Lactobacillus acidophilus With or Without Inulin on the Broiler Meat Quality Infected by Avian Influenza Virus (H9N2).Poorbaghi SL1,2Gheisari H3Dadras H4Sepehrimanesh M5Zolfaghari A3.

 

Read More
News

IL VINO ROSSO NELLA PROFILASSI DELL’INVECCHIAMENTO E LA PROTEZIONE DEL CUORE?


                                  

glass-of-red-vineUno dei luoghi comuni più ricorrenti è quello secondo il quale bere qualche bicchiere di vino rosso al giorno, soprattutto in prossimità dei pasti, avrebbe un’azione cardioprotettiva e salutare per l’intero organismo.

Tale convinzione deriva dalla non totalmente falsa idea secondo la quale il vino conterrebbe alcune sostanze antiossidanti molto potenti importanti per la prevenzione di numerose malattie.

La verità è che il vino contiene si alcune molecole importanti per la nostra salute (con particolare riguardo alla quercitina e al resveratrolo) ma è altresì vero che l’alcol è in grado di produrre un danno, benchè minimo, a qualsiasi dosaggio.

Numerose ricerche hanno quindi concluso che il quantitativo massimo di vino utilizzabile giornalmente per un individuo sano dovrebbe non essere superiore al bicchiere quotidiano.

Oltre questo dosaggio sembrerebbe che i benefici apportati dalla quercetina e dal resveratrolo diminuiscano e vengono largamente compensati dai danni che l’alcool produce sull’intero organismo. Vanno invece rigorosamente smentiti alcuni falsi miti in merito alle proprietà curative dall’alcol secondo le quali aiuterebbe la digestione, sarebbe idratante e dissetante d’estate e darebbe “calore” ed “energia” nelle stagioni fredde.

Inoltre l’alcol non avrebbe alcuna azione protettiva contro le infezioni. Al contrario di quanto ipotizzato da taluni, le infezioni potrebbero invece perfino avere maggiore facilità di diffusione a causa dell’azione deprimente sul sistema immunitario dell’alcool stesso.

Read More
News

Nutrizione e shiitake: il vaccino contro virus, ipertensione e parassitosi intestinali


Shiitake_mushroom

I funghi shiitake sono tra le prelibatezze molto utilizzate dalla popolazione dai giapponese e vengono abitualmente consumati anche nelle minestre. Questo fungo medicinale si è dimostrato particolarmente utile per aumentare l’energia nell’organismo e sviluppare un’intensa azione E’ in grado di prevenire molte malattie da raffreddamento e sviluppa un’azione molto potente contro alcuni tipi di virus in particolar modo herpes simplex 1 e HIV . E’ un fungo medicinale particolarmente utile anche per la prevenzione e il trattamento delle candidosi recidivanti e può essere indicato per la prevenzione delle infezioni virali portatrici di influenza, morbillo e bronchite. La sua intensa azione diuretica lo rende prezioso nelle malattie ipertensive mentre la sua azione tonica è rinvigorente contro la stanchezza. Questa sua azione sarebbe spiegabile per il notevole supporto e sostegno al fegato e reni dove. lo ricordiamo, secondo la medicina tradizionale cinese risiederebbe l’energia KI, l’energia della vita. I funghi shiitake producono anche un’azione antiaggregante piastrinica ed sono quindi preziosi per la prevenzione di problemi circolatori come l’embolia e la trombosi. Alla sua azione immunostimolante (comune peraltro a molti altri funghi medicinali) andrebbe ascritta la sua azione antitumorale e preventiva di malattie degenerative legate al progressivo deterioramento del sistema immunitario nel corso dell’età senile. Sempre al Lentinus edodes (questo il vero nome del fungo shiitake) è collegata un’azione protettiva dai problemi di insufficienza cartilaginea articolari, come per esempio nell’artrosi, e troverebbe una notevole indicazione nei casi di ipercolesterolemia grazie alla sua azione non solo di riduzione del colesterolo LDL (quello cattivo per internderci) ma anche di aumento del colesterolo cosiddetto buono (HDL). Utilissimo in caso di parassitosi intestinali il fungo shiitake è in grado di eliminare alcuni parassiti che alloggiano abitualmente nell’intestino e dai quali è particolarmente difficile liberarsi. Gli studi non sono conclusivi e occorre cautela come sempre, ma la ricerca continua.

Bibliografia:

J Med Food. 2016 Apr;19(4):383-9. doi: 10.1089/jmf.2015.0111. Epub 2016 Mar 30.Extracts from Lentinula edodes (Shiitake) Edible Mushrooms Enriched with Vitamin D Exert an Anti-Inflammatory Hepatoprotective Effect.Drori A1, Shabat Y1, Ben Ya’acov A1, Danay O2, Levanon D2, Zolotarov L1, Ilan Y1.
CarbohydrPolym.2016Mar15;138:259-.doi:10.1016/j.carbpol.2015.11.061. Epub 2015 Nov 26.Antimicrobial and antitumor activities of chitosan from shiitake stipes, compared to commercial chitosan from crab shells.Chien RC1, Yen MT2, Mau JL3.
J Agric Food Chem. 2015 Aug 26;63(33):7371-80.doi:10.1021/acs.jafc.5b02942. Epub 2015 Aug 18.Modulation of Cholesterol-Related Gene Expression by Dietary Fiber Fractions from Edible Mushrooms.Caz V1, Gil-Ramírez A2, Largo C1, Tabernero M1, Santamaría M1, Martín-Hernández R3, Marín FR2, Reglero G2,3, Soler-Rivas C2
J Biol Regul Homeost Agents. 2014 Oct-Dec;28(4):775-82.A natural formulation (imoviral™) increases macrophage resistance to LPS-induced oxidative and inflammatory stress in vitro.Menghini L1, Leporini L1, Pintore G2, Ferrante C1, Recinella L1, Orlando G1, Vacca M1, Brunetti L1.
Read More
News

Un fungo medicinale contro l’antibiotico-resistenza e i batteri: il fomes fomentarius (Fomes)


Fomes_fomentarius

È un fungo dalle spiccate azioni antibiotiche che trova una straordinaria indicazione nelle forme batteriche. Come sappiamo  l’antibiotico resistenza è uno dei problemi che maggiormente sta preoccupando i medici. L’utilizzo non sempre razionale degli antibiotici prescritti (o ancor peggio autoprescritti) può generare problemi importanti per il trattamento delle infezioni batteriche. Questo fungo ha un’azione antinfiammatoria particolarmente interessante nei dolori articolari e in particolare nelle artriti, e vanta un azione antitumorale dallo stomaco, dell’esofago e dell‘utero. E’ un fungo che ha mostrato anche grandi azioni protettive contro il virus dell’herpes simplex, tanto diffuso quanto fastidioso. Gli studi non sono conclusivi e occorre cautela come sempre, ma la ricerca continua.

Bibliografia:

Mycobiology. 2015 Dec;43(4):450-7. doi: 10.5941/MYCO.2015.43.4.450. Epub 2015 Dec 31.Differential Modulation of Lipopolysaccharide-Induced Inflammatory Cytokine Production by and Antioxidant Activity of Fomentariol in RAW264.7 Cells.Seo DW1, Yi YJ1, Lee MS1, Yun BS1, Lee SM1.
PLoS One. 2015 Oct 15;10(10):e0140355. doi: 10.1371/journal.pone.0140355. eCollection 2015.Antibacterial, Antiradical Potential and Phenolic Compounds of Thirty-One Polish Mushrooms.Nowacka N1, Nowak R1, Drozd M1, Olech M1, Los R2, Malm A2.
Saudi J Biol Sci. 2015 Jul;22(4):484-90. doi: 10.1016/j.sjbs.2014.11.022. Epub 2014 Nov 28.Apoptotic properties of polysaccharide isolated from fruiting bodies of medicinal mushroom Fomesfomentarius in human lung carcinoma cell line. Kim SH1, Jakhar R2, Kang SC2.
Virol Sin. 2014 Oct;29(5):284-90. doi: 10.1007/s12250-014-3486-y. Epub 2014 Oct 24.Antiviral activity of Basidiomycete mycelia against influenza type A (serotype H1N1) and herpes simplex virus type 2 in cell culture.
Read More
1 2