Tag Archives: funghi

News

VITAMINA D, CANCRO E CHAMPIGNON


 Alcuni principi attivi nei funghi e la vitamina D potrebbero essere uno straordinario alleato della nostra salute

 

Numerose ricerche hanno evidenziato come esistano alcuni rimedi naturali nel mondo appartenenti al mondo dei miceti dal grande valore protettivo per la nostra salute.Tre funghi in particolar modo hanno dimostrato una potente azione protettiva e sono il reishi, il maitake e lo shitake.Tutti e tre sono in grado di aumentare le difese immunitarie in quanto ricchi di alcune sostanze, i betaglucani, dalle straordinari virtù protettive, soprattutto contro alcune forme di tumore.Più recentemente però è stato osservato che il più umile e autoctono champignon bianco vanta un potere antiossidante uguale se non maggiore di questi funghi.

Il suo costo non elevato e la sua provenienza autoctona lo rendono particolarmente interessante in quanto ricco di vitamina D, una vitamina spesso carente nell’alimentazione Europea a causa anche delle lunghi stagioni invernali, caratterizzate da temperature basse e soprattutto da poca luce. In merito all’azione protettiva della vitamina D per la nostra salute ho avuto modo già in passato di spiegarne gli enormi effetti (si veda a tal proposito quanto illustrato cliccando qui http://www.vladimirocolombi.it/tag/vitamina-d/ e qui http://www.vladimirocolombi.it/2016/04/21/tumore-al-pancreas-e-vitamina-d-uno-studio/).

I gambi di questi funghi inoltre, spesso scartati, risultano degli importanti prebiotici in grado di favorire la crescita di lattobacilli intestinali molto preziosi per la nostra salute.

Per visionare l’intero video registrato a Telecolor sulle straordinarie proprietà dei funghi clicca sul link sottostante:

https://www.youtube.com/watch?v=KUsUe1KsQHs

Read More
News

SOFFRI DI INFEZIONI FUNGINE? PROVA QUESTO PREZIOSO OLIO ESSENZIALE


L’olio essenziale di artemisia rappresenta un ottimo rimedio naturale contro le infezioni fungine

 Sia nell’ambito della medicina popolare che in ambito clinico l’olio essenziale di Artemisia sieberi è stato usato per il trattamento di ulcere infettate difficilmente trattabili.

L’olio essenziale di artemisia è noto per i suoi effetti antiinfiammatori ma da quanto è emerso da una recente ricerca funziona egregiamente anche nelle infezoni fungine.

Studi in vitro hanno confermato l’attività antimicotica dell’olio essenziale di A. sieberi contro i funghi saprofiti, i dermatophytes, Malassezia sp. nonchè Candida sp. E e tutti questi risultati sono stati confermati in sei studi clinici. Gli studi clinici hanno confermato la superiorità dell’olio essenziale di A. sieberi (5%) nel miglioramento dei segni clinici delle malattie superficiali fungine.

Anche alcuni esami in laboratorio hanno evidenziato come quest’olio sia in grado di combattere in modo efficace la pityriasis versicolor, normalmente trattata con apllicazione ad uso topico  con il clotrimazolo all’1%.

L’utilizzo di questo olio essenziale avrebbe anche dimostrato di essere in grado di ridurre il tasso di recidiva delle infezioni fungine superficiali (come nel caso di dermatophytosis e pityriasis versicolor).

Gli studi clinici hanno anche altresì dimostrato come non vi siano effetti negativi dall’applicazione dell’olio essenziale di artemisia sieberi.

Benchè l’efficacia dell’olio essenziale di A. sieberi contro Candida sp. Sia stata dimostrata, tuttavia non esistono ad oggi però studi clinici sulle infezioni correlate ad essa.

I ricercatori hanno concluso pertanto che l’utilizzo di quest’olio essenziale andrebbe ulteriormente studiato per cercare possibili ulteriori applicazioni nelle infezioni correlate alla candida.

Fonte Pubmed:

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28346993

Fonte:

Biomed Pharmacother. 2017 May;89:1422-1430. doi: 10.1016/j.biopha.2017.03.036. Epub 2017 Mar 22.Artemisia sieberi Besser essential oil and treatment of fungal infections.Mahboubi M1.

Altri articoli correlati:

http://www.vladimirocolombi.it/tag/candida-albicans/

http://www.vladimirocolombi.it/2017/02/28/ma-i-fermenti-latticini-servono-come-proteggersi-da-diarrea-candida-albicans-e-flatulenza/

Read More
News

La relazione tra intestino e malattie neurologiche


Un riassunto di innumerevoli pubblicazioni conferma  la relazione tra equilibrio intestinale e alcune malattie del sistema nervoso

 

 

 

Sembra davvero incredibile pensarlo, ma solo quasi la metà delle cellule e l’1% dei nostri geni sono umani, il resto di noi è composto da microbi (prevalentemente batteri), funghi e virus. Questi microrganismi formano insieme il microbiota umano, la cui gran parte si trova nell’intestino.

Nel corso degli ultimi decenni la ricerca ha permesso a questi microbi di essere identificati e studiati. Sempre più studi hanno mostrato come esista un’interazione tra il microbiota e la salute del sistema nervoso. Molte ricerche hanno infatti confermato la relazione tra una buona eubiosi intestinali e salute del sistema nervoso.Tra le malattie neurologiche più sospettate di essere correlate all’equilibrio della flora batterica intestinale sono state elencate sia malattie autoimmuni che neurodegenerative, tra cui la  sclerosi multipla, la neuromielite ottica, il Parkinson, l’Alzheimer, la corea di Huntington e la sclerosi laterale amiotrofica.

E’ comparso da poco tempo una rewiew in pubmed (https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28220542) che ha sintetizzato una significativa quantità di letteratura medico-scientifica in grado di supportare la necessità di indagare ulteriormente in questa direzione. Ad oggi, a fronte di molte malattie neurodegenerative, esistono pochi strumenti per contenerne la progressione, e pensare di sviluppare la ricerca escludendo lo studio dell’intestino, appare sempre più miope e di breve respiro a quanto emerge da questi dati.

Forse, associando a questi nuovi studi una integrazione con un rimedio micoterapico (come l’hericium, che come sappiamo potrebbe rappresentare un valido supporto per la “manutenzione” del sistema nervoso).

 

Fonte:

 

 

Per visionari i video registrati a Telecolor e in studio clicca i link sottoindicati:

 

 

http://www.telecolor.net/2014/12/intestino-ecco-come-proteggerlo-attraverso-lalimentazione/

 

http://www.youtube.com/watch?v=LK1xwC4z3ug

 

http://www.youtube.com/watch?v=X4bEC546VJo

 

http://www.youtube.com/watch?v=KUsUe1KsQHs

 

http://www.youtube.com/watch?v=9xW8Tqw8FLI

Read More
News

INTESTINO E TERAPIE ANTITUMORALI: UNO STUDIO


Una ricerca ha osservato come un intervento sulla flora batterica intestinale potrebbe migliorare la copertura e l’efficacia antitumorale del sistema immunitario

Uno studio (https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28197360) ha recentemente osservato come esista una relazione tra flora batterica intestinale ed efficacia di alcuni importanti farmaci antitumorali. Nel corso dello studio infatti è stato ipotizzato come intervenire sulla flora batterica intestinale (bacteroides specie in particolare) potrebbe migliorare l’efficacia di alcune immunoterapie.

Alcuni rimedi naturali (come alcuni funghi dei quali ho ampiamente avuto modo di parlare proprio in un intervento televisivo https://www.youtube.com/watch?v=KUsUe1KsQHs) potrebbero essere un eccellente alleato proprio per questa ragione: le fibre e alcuni zuccheri contenuti in essi favoriscono la crescita della flora batterica intestinale (oltre ad avere un’azione immunostimolante

(http://www.vladimirocolombi.it/tag/micoterapia/)

 

Bibliografia:

 

Oncoimmunology. 2016 Feb 18;6(1):e1132137. doi: 10.1080/2162402X.2015.1132137. eCollection 2017.Enhancing the clinical coverage and anticancer efficacy of immune checkpoint blockade through manipulation of the gut microbiota.

 

Per visionari i video registrati a Telecolor e in studio clicca i link sottoindicati:

 

 

 

http://www.telecolor.net/2014/12/intestino-ecco-come-proteggerlo-attraverso-lalimentazione/

 

http://www.youtube.com/watch?v=LK1xwC4z3ug

 

http://www.youtube.com/watch?v=X4bEC546VJo

 

http://www.youtube.com/watch?v=KUsUe1KsQHs

 

http://www.youtube.com/watch?v=9xW8Tqw8FLI

Read More
News

UN FARMACO CHE E’ UN ALIMENTO CONTRO DIABETE, TUMORI E VIRUS: IL FUNGO INONOTUS OBLIQUUS (CHAGA)


Chaga-Tad4Si tratta di un fungo piuttosto noto in alcune aree del mondo, soprattutto in America Latina. Noto come “chaga”, l’inonotus obliquus ha un’azione non solo importante contro i tumori in generale per la sua potente azione immunostimolante (cosa che lo accomuna a molti altri funghi medicinali molto famosi in micoterapia) ma soprattutto contro i tumori al seno, alla cervice dell’utero, al colon, allo stomaco nonché al fegato.Esso vanta un’azione antinfiammatoria sull’apparato gastrointestinale e sulla pelle davvero notevole ed è normalmente utilizzato per la cura e il trattamento dell’eczema. Possiede un’azione antiossidante e antidiabetica piuttosto spiccata ed a queste sue proprietà abbina anche un’azione contro i virus. Sotto quest’ultimo punto di vista il chaga sembra essere molto attivo contro il virus dell’HIV, dell’herpes simplex e di alcune forme virali influenzali. Gli studi non sono conclusivi e occorre cautela come sempre, ma la ricerca continua. Recenti studi ne hanno documentato potenziali azioni contro la pancreatite, il sovrappeso, il tumore del colon- retto, il diabete, asma,herpes, ma anche un’azione antibatterica, facendolo dioventare un futuro potenziale antibiotico Può essere utilizzato anche in forma spagirica in gocce.

Bibliografia:

J Nat Med. 2016 May 14.Chemical constituents from Inonotus obliquus and their antitumor activities.Zhao F1,2Xia G1,3Chen L1Zhao J2Xie Z2Qiu F4,5Han G6.

 

Int J Biol Macromol. 2016 Jun;87:348-56. doi: 10.1016/j.ijbiomac.2016.03.006. Epub 2016 Mar 5.Antioxidant activity of Inonotus obliquus polysaccharide and its amelioration for chronic pancreatitis in mice.Hu Y1Sheng Y2Yu M3Li K1Ren G1Xu X1Qu J4.

 

Int J Biol Macromol. 2016 May;86:587-93. doi: 10.1016/j.ijbiomac.2016.01.111. Epub 2016 Feb 1.Investigation of three lignin complexes with antioxidant and immunological capacities from Inonotus obliquus.Niu H1Song D1Mu H1Zhang W1Sun F1Duan J2.

 

J Tradit Chin Med. 2015 Aug;35(4):468-72.Effect of Inonotus Obliquus Polysaccharides on physical fatigue in mice.Yue ZXiuhong ZShuyan YZhonghua Z.

Acta Biochim Biophys Sin (Shanghai). 2015 Sep;47(9):755-7. doi: 10.1093/abbs/gmv073. Epub 2015 Aug 4.Ameliorating effects of Inonotus obliquus on high fat diet-induced obese rats.Wu T1Shu Q2Yang K3Xie X2Wang X2Wang Y3Guo A2Yuan N2Zhao B2Chi B2Wu Q2Fu Z4.

J Ethnopharmacol. 2015 Sep 15;173:303-12. doi: 10.1016/j.jep.2015.07.030. Epub 2015 Jul 22.Ergosterol peroxide from Chaga mushroom (Inonotus obliquus) exhibits anti-cancer activity by down-regulation of the β-catenin pathway in colorectal cancer.Kang JH1Jang JE2Mishra SK3Lee HJ4Nho CW4Shin D2Jin M5Kim MK6Choi C7Oh SH8.

Vopr Virusol. 2015;60(2):35-8.[Antiviral activity of aqueous extracts of the birch fungus Inonotus obliquus on the human immunodeficiency virus].Shibnev VAGaraev TMFinogenova MPKalnina LBNosik DN.

Int J Oncol. 2014 Dec;45(6):2533-40. doi: 10.3892/ijo.2014.2685. Epub 2014 Sep 30.Inonotus obliquus-derived polysaccharide inhibits the migration and invasion of human non-small cell lung carcinoma cells via suppression of MMP-2 and MMP-9.Lee KR1Lee JS1Song JE1Ha SJ1Hong EK1.

Evid Based Complement Alternat Med. 2014;2014:841496. doi: 10.1155/2014/841496. Epub 2014 Jun 30.Protective Effect of Polysaccharides from Inonotus obliquus on Streptozotocin-Induced Diabetic Symptoms and Their Potential Mechanisms in Rats.Diao BZ1Jin WR1Yu XJ2.

Vop Virusol. 2014 Mar-Apr;59(2):45-8.[A study of the antiherpetic activity of the chaga mushroom (Inonotus obliquus) extracts in the Vero cells infected with the herpes simplex virus].Polkovnikova MVNosik NNGaraev TMKondrashina NGFinogenova MPShibnev VA.

 

J Photochem Photobiol B. 2014 Jan 5;130:299-304. doi: 10.1016/j.jphotobiol.2013.11.022. Epub 2013 Dec 12.Mycosynthesis: antibacterial, antioxidant and antiproliferative activities of silver nanoparticles synthesized from Inonotus obliquus (Chaga mushroom) extract.Nagajyothi PC1Sreekanth TV2Lee JI3Lee KD4.

 

Molecules. 2013 Aug 2;18(8):9293-304. doi: 10.3390/molecules18089293.Anti-oxidant and anti-inflammatory activities of Inonotus obliquus and germinated brown rice extracts.Debnath T1Park SRKim da HJo JELim BO.

 

Antibiot Khimioter. 2013;58(9-10):8-12.[Protective activity of aqueous extracts from higher mushrooms against Herpes simplex virus type-2 on albino mice model].Razumov IAKazachinskaia EIPuchkova LIKosogorova TAGorbunova IALoktev VBTepliakova TV.

 

Bull Exp Biol Med. 2011 Sep;151(5):612-4.Antiviral activity of Inonotus obliquus fungus extract towards infection caused by hepatitis C virus in cell cultures.Shibnev VA1Mishin DVGaraev TMFinogenova NPBotikov AGDeryabin PG.

 

Zhongguo Zhong Yao Za Zhi. 2011 Apr;36(8):1067-70.[Protective effects and mechanism of Inonotus obliquus on asthmatic mice].Yan G1Jin GLi LQin XZheng CLi G.

 

J Ethnopharmacol. 2011 Oct 11;137(3):1077-82. doi: 10.1016/j.jep.2011.07.024. Epub 2011 Jul 28.Inonotus obliquus extracts suppress antigen-specific IgE production through the modulation of Th1/Th2 cytokines in ovalbumin-sensitized mice.Ko SK1Jin MPyo MY.

 

Biol Trace Elem Res. 2011 Dec;144(1-3):1351-7. doi: 10.1007/s12011-011-9043-8. Epub 2011 Apr 5.Comparison of hypoglycemic activity of fermented mushroom of Inonotus obliquus rich in vanadium and wild-growing I. obliquus.Zhang Y1Zhao YCui HCao CGuo JLiu S.

Read More
News

SUBITO FUNGHI E TE’ VERDE PER UN’IMPORTANTE ASSOCIAZIONE


Le proprietà antitumorali del tè verde sono oramai note da tempo.

Quello che invece è stato recentemente scoperto e’ che l’associazione del tè verde insieme ai funghi riduce in modo consistente l’incidenza di alcune malattie tumorali (soprattutto dell tumore al seno).

Da un recente studio è emerso che le donne che mangiano 10 grammi al giorno di funghi freschi presentano un incidenza di cancro al seno ridotta del 64% mentre le donne che consumano funghi secchi nella loro alimentazione lo riducono del 50%.

Da un recente studio è emerso che se i funghi vengono associati al the verde nel corso della stessa giornata l’incidenza della riduzione di tumori può salire fino al 90% rendendo le consumatrici di tè verde e di funghi quasi immuni a questo tipo di tumore.

 

 

 

Read More