Tag Archives: dolci

News

DOMANDE E RISPOSTE: I dolci che non fanno male


DOLCIFICANTI E SALUTE……MA FANNO DAVVERO COSI’ MALE?

 

Un’amica mi scrive per sapere se esistano dei sostitutivi ai dolci o agli zuccheri che non facciano male.

 

Cara amica,

anche se è vero che alcune pubblicità affermano di aver individuato alternative innoque e perfino salutistiche per questo o quel dolcificante, deve sapere che quasi nulla è davvero benefico. Tutti i dolcificanti nascondono qualche trappola, soprattutto per il cervello che, una volta abituato ad assumerli, li tende a richiedere con una notevole frequenza.

Un’ottima alternativa agli zuccheri potrebbe essere rappresentata invece dai grassi. Cocco, olive e avocado sono perfetti per placare la fame o più in generale la voglia di dolci, perché da un lato non alterando la curva glicemica non stimulano l’insulina e il conseguente tipico effetto “uno tira l’altro”, e dall’altro inibiscono la produzione di grelina, il cosiddetto “ormone dell’appetito“, che stimola la fame.

Attenzione poi all’aspetto psichico: la ricerca del dolce è spesso associata a difficoltà emotive. Pensare di risolvere qualche “impiccio” personale ricorrendo ai dolci rischia non solo di farci ingrassare ma di portarci a guai seri negli anni che verranno.

 

Articoli correlati:

http://www.telecolor.net/tag/vladimiro-colombi/

https://www.youtube.com/watch?v=59jrZWQu3ms

https://www.scienzanatura.it/dolce-si-dolce-no-perche-limitare-gli-zuccheri-e-scegliere-fonti-naturali-di-dolcificanti/

http://www.ecodibergamo.it/stories/Enogastronomia/201106_cucina_della_salute_a_lezione_da_tondini/

Read More
News

QUALCHE RASSICURAZIONE PER IL NATALE IN ARRIVO…….CON TANTI AUGURI DI BUONE FESTE


 

 

In prossimità del l’arrivo delle vacanze di Natale i timori per la perdita dei risultati conseguiti nel corso di una dieta aumentano.

Capita di incontrare in studio persone preoccupatissime per l’arrivo delle festività” mangerò troppo, mangerò male e agli orari sbagliati”.

Dal bicchiere di vino in più alla fetta di panettone, le occasioni di eccedere o pasticciare non mancano.

In realtà si tratta di falsi problemi.

Oggi sappiamo che il punto cardine per restare magri (e soprattutto in salute) non sta tanto nel mangiare meno ma nel mangiare le cose giuste, agli orari giusti, combinandoli maniera corretta.

Ma soprattutto sappiamo che l’errore occasionale non incide sulla situazione generale metabolica di un individuo.

Erich Fromm, il noto umanista, era solito dire che ad incidere in profondità sulla la condizione psico emotiva di una persona non è tanto il singolo evento “traumatico” quanto il contesto ambientale nel quale l’individuo è costantemente immerso.

Ebbene la stessa cosa vale un po’ per la nostra alimentazione. Infatti oggi sappiamo che mangiare 3 o 4 volte al giorno sostanze ferrmentate e latticini può concorrere molto più nel corso degli anni nello scatenamento o nello sviluppo di malattie cronico-degenerative che non concedersi saltuariamente qualche momento di svago a tavola.

Vediamo allora quali sono i suggerimenti per potersi proteggere dalle vacanze natalizie e dagli stravizi che stanno per arrivare.
1) Ricordare di praticare regolarmente attività fisica rimane un presidio essenziale per tutti la mattina di Natale (o il giorno successivo), ma soprattutto il giorno precedente. E’ fondamentale muoversi (possibilmente al risveglio) per almeno 30 minuti. Questo attiverà la produzione di un’adipochina, la leptina, importantissima per controllare il metabolismo e il senso di fame e sazietà.

2) Ricordarsi sempre di alimentarsi con una colazione molto ricca e sa
ziante contenente proteine come prosciutto o uova o frutta secca (e che tra l’altro in questo momento dell’anno abbonda sulle tavole degli italiani).

In questo modo il nostro cervello “Paleolitico” riceve un segnale di abbondanza che gli permette di produrre la ben nota  “leptina”, la molecola che regola il senso di fame e sazietà nonché le riserve di grasso e muscolo del corpo. Mangiando in questo modo il nostro cervello “si fiderà” quindi ad inviare segnali di abbondanza a tutte le ghiandole del corpo e indirizzerà il nostro metabolismo al rilascio dei grassi.
Attenzione soprattutto al consumo di zuccheri (alcolici in primis): ricordo abitualmente a tutti i clienti in studio che il consumo di zuccheri e’ il più pericoloso e insidioso nemico della nostrasalute.
Non preoccuparsi quindi tanto dei grassi ma degli zuccheri è di primaria importanza. Solo i grassi saturi e quelli idrogenati sono pericolosi per la nostra salute (contenuti prevalentemente in tutti i prodotti confezionati e in molti prodotti da pasticceria).

Il consumo invece di grassi cosiddetti “buoni” (come olive, cocco avocado e semi oleosi) non solo non sono pericolosi per la nostra salute ma addirittura utilissimi per la conservazionedella nostra salute.

Per la protezione cardiovascolare e del cervello per esempio le noci sono ricchissime di omega-3 e di preziosi minerali come il magnesio, di vitale importanza per il buon funzionamento del sistema nervoso.

Anche le mandorle e il cioccolato fondente sono una fonte di magnesio eccezionale e possono rappresentare un eccellente presidio non solo per controllare la fame nervosa (e soddisfare la voglia di dolci) ma anche per favorire il controllo dell’insulina, l’ormone che ci fa ingrassare e migliorare la produzione di leptina (l’ormone che ci fa dimagrire stimolando l’incremento di massa magra e riducendo la massa grassa).

Auguro a questo punto buone vacanze e buone feste a tutti e mi auguro di rivedervi a gennaio per continuare insieme il nostro percorso verso il benessere…..senza rinunciare a qualche eccesso…come il mitico Totò  rappresentò magistralmente anni fa…..

Un caro saluto a tutti.

Vladimiro

Read More
News

CONTROLLA LA FAME NERVOSA CON UN SUPPORTO VEGETALE ECONOMICO E SICURO


Chiedi aiuto a oligoelementi, aminoacidi e vitamine per un collaudato effetto antifame.

Esistono alcuni potenti e poco famosi rimedi naturali che possono esserci di aiuto in caso di eccessiva fame. Chi soffre di bulimia per esempio può trovare beneficio attraverso l’integrazione di vitamine del gruppo B, (in particolar modo l’eccezionale vitamina B6). Esse possono essere molto importanti se associate al magnesio per migliorare questi comportamenti alimentari alterati. Anche l’utilizzo di alcuni oligoelementi, come il manganese, il cobalto e il litio, possono supportare in modo magnifico i disturbi legati all’alimentazione. Gli oligoelementi sono sicurissimi e non hanno praticamente effetti collaterali. In naturopatia vengono abitualmente suggeriti anche a ai bambini ansiosi che sofforno di insonnia o di incubi, oppure per le persone anziane.Sono insapore e sono pratici poiché ne basta un’assunzione tre volte alla settimana al risveglio.

Esistono poi alcuni aminoacidi che possono aiutare molto. Il triptofano, la taurina e la carnitina associati alla tirosina e alla fenilalanina migliorarano l’umore e disturbi d’ansia nei temperamenti malinconici che inducono al consumo di dolci o di eccessive quantità di cibo.

Da un punto di vista fitoterapico esistono poi delle piante molto importanti che hanno un’azione contemporaneamente tonica e adattogena che possono migliorare la produzione di endorfine e, più in generale, le sostanze dell’umore che ci mantengono sereni ed equilibrati.

Tra queste ricordiamo il ginseng e l’eleuterococco, la withania somnifera (nota anche come ginseng indiano), la Griffonia simplicifolia e la Rhodiola rosea. In modo particolare queste ultime due piante hanno dimostrato un’importante azione per controllare i disturbi dell’umore e aiutare in caso di forte stress, stimolando in modo delicato e naturale la produzione di serotonina e riducendo il desiderio di dolci.

Per visionari i video del sito o registrati a Telecolor clicca i link sottoindicati:

https://www.youtube.com/channel/UCM7e53IrPsk1cqsfpGnjt7g

https://www.youtube.com/watch?v=j6HTvUQk50E

https://www.youtube.com/watch?v=59jrZWQu3ms

Read More
News

DECIDI SE VUOI ESSERE VECCHIO E GRASSO O GIOVANE E MAGRO


Organizza la giornata e usa il tuo tempo per lo sport. Trasforma e rinnova il tuo corpo con poche e semplici regole

Una larga fetta della popolazione mondiale con l’avanzare degli anni tende ad aumentare costantemente di peso. Ma l’aumento di peso può essere determinato sia da un aumento della muscolatura, (fatto questo auspicabile in considerazione dell’azione che il muscolo svolge sul abbassamento degli zuccheri nel sangue), oppure da un aumento di massa grassa.

In questo secondo caso il deposito di grasso, soprattutto se viscerale (nella zona cioè addominale), è statisticamente legato ad un aumento significativo di malattie legate all’invecchiamento.

Vale quindi la pena ricordare che l’aumento di peso se legato ad un aumento del grasso rappresenta un rischio importante per la salute ma può essere largamente contrastato semplicemente in due modi: attivandosi con una costante e moderata attività fisica e rinunciando all’assunzione di alimenti industrialmente trattati e ricchi di zuccheri. Tra questi ricordiamo lo sciroppo di mais, spesso presente nei prodotti della prima colazione e in molti dolcificanti e dolci industriali. Anche gli alimenti privi di fibre, come per esempio il pane bianco, il riso bianco o la pasta bianca andrebbero totalmente eliminati in quanto in grado di elevare la glicemia nel sangue favorendo sia l’aumento del grasso che il rischio di malattie metaboliche, diabete in primis.

Read More