News

News

LA CALENDULA PER IL FEGATO: ALTRO CHE SOLO USO ESTERNO!


OLYMPUS DIGITAL CAMERALa calendula è una pianta molto nota per la sua straordinaria azione emolliente e antinfiammatoria a livello dermatologico.

Tuttavia essa può essere utilizzata in modo efficace anche ad uso interno per ridurre i livelli di colesterolo e trigliceridi e proteggere la mucosa gastrica in caso di infiammazioni acute e gastriti.

Essa ha un’azione importante nelle disfunzioni epato-biliari ed è in grado inoltre di aumentare la produzione degli enzimi digestivi favorendo l’assimilazione e la digestione del cibo, ridurre il mal di testa, la nausea e il torpore che segue il pasto.

Particolarmente indicata anche in caso di amenorrea o irregolarità mestruali nonchè di acne su base ormonale.

 

Calendula_officinalis_001

Read More
News

NIENTE CARBOIDRATI? INTESTINO IN DISORDINE!!!


Skin_Microbiome20169-300

Forse tra qualcuno dei lettori di questo articolo ci sarà che penserà che i carboidrati possano essere utili e non debbano essere eliminati….. ma la maggior parte delle persone che hanno provato almeno una volta a dimagrire con una qualsiasi dieta, si sono sicuramente trovate a fare i conti con pesi e misure di zuccheri e carboidrati. Chi ha fatto almeno una dieta nella vita sa bene cosa significhi e quanto costi pesare ogni alimento, cercare sempre di non superare la quantità che la dieta prescrive di questo o di quel tale piatto…..

E forse qualcuno, pensando di ottimizzare la propria dieta o di accelerarne gli effetti, avrà anche provato a eliminare totalmente gli zuccheri dalla propria alimentazione, dove per zuccheri si intende qualsiasi fonte di carboidrati, pane e pasta inclusi.

Ebbene, in quasi tutti questi casi, i risultati saranno stati quasi sempre gli stessi: iniziale perdita di peso fin dai primi di giorni, seguita da una riduzione della perdita complessiva dello stesso con un proporzionale aumento della fame, della tensione sia ai livello nervoso che psicologico, e infine abbandono di tutte le buone intenzioni per tornare alle solite ( e golose) vecchi abitudini.

Ora sappiamo che questa strada è fallimentare sotto diversi punti di vista.

Innanzitutto perché un’alimentazione ipocalorica inibisce la produzione di leptina, una potente sostanza prodotta dal corpo stesso capace di inviare segnali all’ipofisi in merito alla quantità di riserve di massa grassa che il corpo scorta per difendersi dal “rischio di morire di fame”.

In secondo luogo, ed è questo il risultato più importante di una recente ricerca, perché una drastica riduzione o eliminazione dei carboidrati dall’alimentazione, sembra in grado di alterare in modo significativo la flora batterica intestinale.

Un recente studio ha infatti ben documentato come un’alimentazione troppo carente di zuccheri sia in grado di produrre una disbiosi intestinale, una situazione cioè nella quale la flora batterica intestinale non essendo in equilibrio, può condurre a problemi di aerofagia e flatulenza in primis, ma anche a conseguenze molto più importanti sotto il profilo immunologico.

La ricerca segna sicuramente un ulteriore elemento a favore di un’alimentazione bilanciata e completa che non tolga alcun alimento prezioso per la nostra salute, ma che contempli piuttosto un corredo alimentare variato e bilanciato di proteine, carboidrati, vegetali (frutta e verdura) e grassi in ogni pasto. Con le sole esclusioni di quelle patologie che richiedano un intervento medico specifico.

Ricordiamo allora forse che la massima che recitava ” “Il nemico più scaltro non è colui che ti porta via tutto, ma colui che ti abitua a non avere più nulla”, potrebbe essere largamente impiegata anche a sostegno di chi ritiene, su basi scientifiche, che una alimentazione corretta che prevenga molte malattie, non passa tanto da una restrizione calorica e dal taglio indiscriminato di tutte le fonti di carboidrati, quanto piuttosto dal corretto bilanciamento degli alimenti nutritivi che indirizzi i segnali ormonali verso un intelligente rapporto di grassi, proteine, carboidrati e vegetali (come frutti e verdura) crudi.

Read More
News

INTESTINO, MALATTIA MENTALE E STRESS: CHI FA COSA A CHI?


Un precoce stress nei primi mesi di vita potrebbe essere corresponsabile nello scatenamento della sindrome del colon irritabile

 

La sindrome dell’intestino irritabile è un disturbo gastrointestinale funzionale piuttosto diffuso nel quale lo stress gioca un ruolo importante nella insorgenza e nell’ esacerbazione dei suoi sintomi più tipici (come dolori addominali e alterazioni della peristalsi intestinale).

E’ molto frequente osservare come i disturbi legati allo stress, tra cui l’ansia e la depressione spesso precedano lo sviluppo della sindrome dell’intestino irritabile e viceversa.  Da una nuova ricerca (https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28233180) è emerso come l’’esposizione allo stress durante i primi anni di vita abbia il potenziale di aumentare la suscettibilità di un individuo sia verso la sindrome dell’intestino irritabile che di malattie psichiatriche.

I ricercatori (O’Mahony SM, Clarke,  Dinan e Cryan JF) hanno sottolineato come i precoci eventi avversi della vita siano in grado di alterare in modo significativo l’impatto su molte delle vie di comunicazione dell’asse cervello-intestino-microbiota, permettendo un’interazione bidirezionale tra il sistema nervoso centrale e il tratto gastrointestinale. Ne è emersa una possibile stretta correlazione tra la sindrome dell’intestino irritabile e la malattia psichiatrica soprattutto in relazione all’impatto dello stress nei primi mesi di vita.

Va sempre ricordato infine il ruolo primario che l’attività fisica occupa in questo genere di problemi (http://www.vladimirocolombi.it/2016/11/09/curare-la-depressione-lansia-e-linsonnia-con-i-rimedi-naturali-e-il-nordic-walking/).

Fonte:

Handb Exp Pharmacol. 2017 Feb 24. doi: 10.1007/164_2016_128.Irritable Bowel Syndrome and Stress-Related Psychiatric Co-morbidities: Focus on Early Life Stress.O’Mahony SM1,2, Clarke G3,4, Dinan TG3,4, Cryan JF5,3.

 Per visionari i video registrati a Telecolor o in studio clicca i link sottoindicati:

http://www.telecolor.net/2014/12/intestino-ecco-come-proteggerlo-attraverso-lalimentazione/

http://www.youtube.com/watch?v=LK1xwC4z3ug

http://www.youtube.com/watch?v=X4bEC546VJo

http://www.youtube.com/watch?v=KUsUe1KsQHs

http://www.youtube.com/watch?v=9xW8Tqw8FLI

Read More
News

UNA POSSIBILE SINERGIA DI RIMEDI NATURALI PER PROTEGGERSI DALL’ EMICRANIA?


Due semplici rimedi naturali associati potrebbero aiutare chi soffre di mal di testa

Cefalea ed emicrania rappresentano due delle cause più comuni di assenza per malattia dal lavoro e minano in modo significativo la qualità di vita di chi ne è colpito.

Spesso i trattamento farmacologici producono effetti collaterali importanti e in taluni casi i benefici sono limitati. Esiste poi un ampio ventaglio di casi nei quali ipotizzare un trattamento continuato a base di farmaci (o cocktail di farmaci) è del tutto inadeguato in quanto, la frequenza o la gravità dei sintomi non ne giustificano l’assunzione.

La naturopatia potrebbe in alcuni casi essere di aiuto. L’integrazione tra nutrizione e rimedi naturali può talvolta fornire una risposta a questi problemi che, pur non gravi, riducono notevolmente la qualità di vita di chi ne soffre.

Uno studio americano ha evidenziato come l’associazione di pinus radiata e vitamina C potrebbe dare un aiuto a chi è colpito da cefalee. Si tratta di un semplice cockatil dalle ben note azioni antiossidanti in grado di ridare speranza anche ai soggetti emicranici più sfortunati.

Fonte: Acta Neurol Taiwan. 2013 Mar;22(1):13-21.Efficacy of Pinus radiata bark extract and vitamin C combination product as a prophylactic therapy for recalcitrant migraine and long-term results.Chayasirisobhon S.

Source

Department of Neurology, Kaiser Permanente Medical Center, Anaheim, CA, USA. siri.chayasirisobhon@kp.org. J cellulare Biochem. 2012 Jan; 113 (1) :247-59. doi: 10.1002/jcb.23351.

Read More
News

DOMANDE E RISPOSTE: I RIMEDI NATURALI PER LA PRESSIONE BASSA


Paola mi scrive per sapere cosa si può fare per sopportare il caldo intenso con i suoi problemi di pressione bassa e stanchezza.

Gentilissima Paola la stagione calda con la sua afa può essere molto fastidiosa e difficile da sopportare, soprattutto per chi soffre di pressione bassa, stanchezza, crampi e formicolii.

Mentre per i disturbi relativi all’ipertensione (pressione alta) esistono molti rimedi naturali più o meno noti (come olivo, biancospino, magnesio, aglio), in caso di ipotensione (pressione bassa) le possibilità di favorire una regolazione della pressione arteriosa sono meno note.

Alcuni rimedi naturali però possono rivelarsi estremamente utili a questo scopo.

Il castagno e la salvia per esempio favoriscono una regolazione dei livelli di pressione, mentre il fieno greco e la fumaria hanno un’azione tonico-ricostituente in grado di favorire l’aumento dell’energia, riducendo quindi i tipici sintomi legati alla pressione bassa (stanchezza, debolezza, capogiri etc…etc…). Altri due rimedi importanti nella pressione bassa sono il timo e il rosmarino, la cui azione astringente e antinfiammatoria favorisce l’innalzamento dei livelli pressori senza interferire sulla produzione di cortisolo, l’ormone dello stress.

Anche la quercia ha un’azione vasocostrittrice e pertanto può essere impiegata nei casi di pressione bassa associata a stanchezza e affaticamento. La quercia trova particolare indicazione nelle persone anziane che avvertono una cronica stanchezza e che si sentono “sfibrate”.

Meno noto invece è l’abrotano, la cui azione vasocostrittrice (e al contempo stimolante e tonica) è in grado di regolare la pressione quando le temperature salgono troppo nel corso dell’estate.

Ultimo ma non per importanza da menzionare è il rosmarinus officinalis (del quale ho parlato in articoli precedenti http://www.vladimirocolombi.it/tag/rosmarinus-officinalis/) la cui azione tonica e ricostituente è ben documentata e lo rende particolarmente idoneo per proteggersi dalla stanchezza e dalla pressione bassa.

Articoli correlati:

Read More
News

VUOI UN FEGATO MENO “GRASSO”? IL POMODORO PUO’ AIUTARTI…..


Poca pasta e più pomodoro potrebbero forse aiutarci a stare meglio…  vediamo come e perché…..

Da uno studio in vivo effettuato è emerso che il succo di pomodoro potrebbe ridurre in modo significativo la steatosi epatica.

La steatosi epatica è un problema molto comune e diffuso ed è causata non tanto da un’alimentazione troppo ricca di grassi m semmai da uno eccedente in zuccheri. Numerose evidenze ci indirizzano infatti a ritenere che ad oggi uno dei maggiori fattori scatenanti l’aumento di peso non sia da imputare ad un’alimentazione troppo ricca di grassi quanto piuttosto ad una troppo generosa di zucchero.

Lo zucchero si trova ovunque, ed è ahimè nascosto in moltissimi alimenti. Tra i numerosi danni che gli zuccheri producono sul corpo umano ricordiamo che ad essi vanno ricondotti numerosi problemi vascolari (circolazione, vista, coronaropatie), ma anche danni neurologici progressivi e permanenti.

Il succo di pomodoro ha dimostrato di favorire la quantità di grasso epatico favorendola riduzione della massa epatica. Un elementoo su cui ragionare……forse dovremmo ridurre la quantità di pasta in favore della salsa di pomodoro……

Fonte: PLoS One. 2014 Jan 2;9(1):e83968. doi: 10.1371/journal.pone.0083968. eCollection 2014.The inhibitory effects of bioactive compounds of tomato juice binding to hepatic HMGCR: in vivo study and molecular modelling.Navarro-González I1, Pérez-Sánchez H2, Martín-Pozuelo G1, García-Alonso J1, Periago MJ1.

Read More
News

NATUROPATIA E SINERGIE: INVECCHIARE MENO CON QUATTRO RIMEDI NATURALI


giovani
Spesso capita di leggere pubblicazioni scientifiche che rivelano potenziali effetti curativi di questa o quella sostanza contenuta in un estratto vegetale o in un alimento. E’ il caso della curcuma per esempio, dalla quale si estraggono i curcuminioidi, i principi attivit responsabili della riduzione dei processi infiammatori. Gli studi hanno confermato sempre più che se da un lato questi preziosi principi attivi sono purtroppo molto poco assorbiti quando assunti soli, dall’altro si osserva un aumento esponenziale della sua azione farmacologica associandoli alla piperina, il principio attivo contenuto nel pepe nero.

Situazioni analoghe si trovano studiando molti altri rimedi naturali, e grazie a questi studi si è ben compreso per quale ragione alcune molecole sintetiche identiche a quelle “originali “ naturali funzionano meno o non funzionano affatto. La vitamina C sintetica per esempio (acido ascorbico) sembra funzionare molto meno bene se dissociata dai flavonoidi, i principi attivi che si trovano nei vegetali che la contengono (come le arancie).

Uno studio ha rivelato come l’associazione di quattro sostanze naturali e molto note per le loro proprietà curative (melograno, ginkgo biloba, ficus carica e morus alba) sia in grado di moltiplicare l’azione antiossidante di ognuna di esse. In tal senso, volendo cercare una strada per trattare disturbi glicemici e sovrappeso in soggetti sofferenti di gastrite e disturbi circolatori, potremmo provare questo cocktail formidabile. Un potenziale “elisir di eterna giovinezza” in grado di rallentare pepper-mill-101099_960_720l’invecchiamento e proteggerci dai danni del tempo.

mora

Fonte: Clin Cosmet Investig Dermatol. 2015 Jul 16;8:389-96. doi: 10.2147/CCID.S80906. eCollection 2015.In vitro antioxidant, collagenase inhibition, and in vivo anti-wrinkle effects of combined formulation containing Punica granatum, Ginkgo biloba, Ficus carica, and Morus alba fruits extract. Ghimeray AK1, Jung US2, Lee HY1, Kim YH1, Ryu EK1, Chang MS1.

Read More
News

NOCI E CERVELLO: QUANDO I SIMILI VANNO A BRACCETTO….


                                                  noci

 

                Forse è proprio vero che chi si somiglia si piglia…..                                                                 

La combinazione tra aumento della popolazione anziana e incidenza di malattie neurodegenerative inizia a preoccupare non solo le autorità sanitarie ma anche le pubbliche finanze. Le manifestazioni cliniche di molti di questi disturbi richiedono anni,  e iniziano con sintomi cognitivi lievi che portano a problemi comportamentali come la demenza e la perdita delle funzioni motorie. Quasi tutti gli studi confermano che lo stile di vita influenza notevolmente la progressione e il declino cognitivo, e che esistono comportamenti ad alto rischio che vanno considerati fondamentali per garantire una vita in condizioni di benessere. Una cattiva alimentazione, la mancanza di esercizio fisico, il fumo e l’esposizione a tossine ambientali portano a una maggiore stress ossidativo. A tutti questi fattori si sommano anche i processi infiammatori, a loro volta causati da stress, cattiva alimentazione e inquinamento.

Anche se esiste una necessità urgente di sviluppare trattamenti efficaci per il declino cognitivo legato all’età e alle malattie neuro degenerative, alcune strategie di prevenzione sono state sottosviluppate.

Di vitale importanza pertanto per molte di queste malattie neuro degenerative potrebbe essere appropriarsi delle conoscenze minime necessarie a chiunque per vivere a lungo e in salute. Ricordiamo che alcune di queste regole sono oramai note a tutti: dieta sana, ricca di sostanze fitochimiche antiossidanti e anti-infiammatorie associata ad una moderata attività fisica rappresentano i due fondamenti base per una salute di ferro.

Tra gli alimenti più utili per prevenire il deterioramento cerebrale senile troviamo le noci, che sono ricche di numerose sostanze fitochimiche (tra cui elevate quantità di acidi grassi polinsaturi), e che offrono potenziali benefici per la salute del cervello. Composti polifenolici presenti nelle noci non solo riducono l’ossidazione e il carico infiammatorio sulle cellule cerebrali, ma migliorano anche il sequestro di insolubili aggregati proteici tossici.

Fonte: J Nutr. 2014 Apr;144(4 Suppl):561S-566S. doi: 10.3945/jn.113.184838. Epub 2014 Feb 5. Role of walnuts in maintaining brain health with age. Poulose SM1Miller MGShukitt-Hale B.walnuts-498095_960_720

Read More
News

I RIMEDI NATURALI CONTRO LA NAUSEA IL VOMITO


Provata l’efficacia dell’olio essenziale di zenzero nella nausea e nel vomito postoperatorio Una ricerca coreana (https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/27841938) ha provato a capire se l’aromaterapia possa essere utilmente impiegata per controllare la nausea e il vomito nei pazienti sottoposti a chirurgia addominale.

 

Un gruppo di trenta persone ha ricevuto l’inalazione di olio essenziale di zenzero mentre un altro gruppo di controllo (sempre di trenta persone) ha ricevuto un placebo (una inalazione salina).

 

I ricercatori hanno misurato il livello di nausea e vomito postoperatorio utilizzando una versione coreana dell’indice di nausea e vomito dopo la somministrazione di olio essenziale di zenzero.

 

Da quanto emerso nel corso della ricerca i punteggi di nausea e vomito erano significativamente inferiori nel gruppo sperimentale che aveva assunto olio essenziale di zenzero rispetto a quelli nel gruppo di controllo.

In particolare è stato osservato come nel primo gruppo, i punteggi di nausea e vomito fossero diminuiti considerevolmente già nelle prime 6 ore dopo l’assunzione di olio essenziale di zenzero rispetto al gruppo di controllo.

Fonte:

J Altern Complement Med. 2017 Mar;23(3):196-200. doi: 10.1089/acm.2015.0328. Epub 2016 Nov 14.Effectiveness of Ginger Essential Oil on Postoperative Nausea and Vomiting in Abdominal Surgery Patients.Lee YR1, Shin HS1.

 Articoli collegati:

https://www.facebook.com/pg/naturopatavladimiro/posts/

http://www.vladimirocolombi.it/2017/02/15/aromaterapia-in-cucina-ovvero-come-trasformare-il-cibo-in-farmaco-preventivo/

https://www.youtube.com/watch?v=X4bEC546VJo

http://www.vladimirocolombi.it/2017/02/15/aromaterapia-in-cucina-ovvero-come-trasformare-il-cibo-in-farmaco-preventivo/

Read More
News

I BENEFICI DELL’AROMATERAPIA: UNA NUOVA RICERCA AMERICANA


Gli oli essenziali possono fortemente aumentare la sensazione di benessere percepito nei pazienti

Dieci ospedali del Minnesota e nel Wisconsin occidentale hanno sperimentato gli effetti dell’aromaterapia.

L’aromaterapia è stata utilizzata direttamente dagli infermieri che operavano nei reparti nel tentativo di dare ristoro ai pazienti sofferenti con dolore o in stato di ansia o con problemi di nausea.

 

La ricerca è stata effettuata arruolando oltre 10.000 pazienti, prevalentemente di sesso femminile ed a tutti i pazienti sono stati somministrati oli essenziali attraverso inalazione.

Tra gli oli essenziali somministrati la lavanda aveva la più alta frequenza assoluta (49,5%) seguita da zenzero (21,2%), maggiorana dolce (12,3%), mandarino (9,4%) e oli combinati (7,6%).

Di tutti gli oli essenziali la maggiorana ha comportato il maggior beneficio mentre la lavanda e la maggiorana hanno prodotto risultati leggermente inferiori.

L’olio essenziale con la maggior efficacia contro la nausea è stato quello di zenzero.
Al termine dello studio gli operatori sanitari hanno osservato complessivamente che gli oli essenziali hanno generalmente portato a miglioramenti clinici

 

Bibliografia:

 

Complement Ther Med. 2016 Apr;25:164-9. doi: 10.1016/j.ctim.2016.03.006. Epub 2016 Mar 7. The effectiveness of nurse-delivered aromatherapy in an acute care setting. Johnson JR1, Rivard RL2, Griffin KH3, Kolste AK4, Joswiak D5, Kinney ME6, Dusek JA7

 

Articoli collegati:

 

http://www.vladimirocolombi.it/2017/02/15/aromaterapia-in-cucina-ovvero-come-trasformare-il-cibo-in-farmaco-preventivo/

 

http://www.vladimirocolombi.it/2016/07/07/la-rodiola-rosea/

 

http://www.vladimirocolombi.it/2016/12/07/stress-e-tiroide/

Read More
News

PENSA POSITIVO E SII FELICE CON L’OLIO ESSENZIALE DI BERGAMOTTO


L’inalazione di olio essenziale di bergamotto (Citrus bergamia) migliora il buonumore

I problemi di salute mentale sono sempre più riconosciuti come problemi di salute pubblica a livello globale. Il loro possibile aumento futuro preoccupa le autorità sanitarie sia per il mancato benessere sociale che per i costi che potrebbero ricadere sulle strutture sanitarie pubbliche.

Si sta pertanto facendo strada la necessità di individuare possibili terapie naturali utili a supportare tali problematiche.

L’aromaterapia (cioè la terapia con gli oli essenziali) potrebbe fornire un valido supporto in questo ambito?

Tre ricercatori (Han X, Gibson J Eggett DL Parker TL) hanno provato a rispondere alla domanda osservando gli effetti dell’inalazione di olio essenziale di bergamotto sulla salute mentale e sulla sensazione di benessere percepito.

In un centro di trattamento della salute mentale situato nello Utah, USA, sono stati inclusi per l’analisi cinquantasette partecipanti (50 donne, fascia di età: 23-70 anni).

I risultati sono stati soprendenti: quindici minuti di esposizione all’olio essenziale di bergamotto hanno migliorato le sensazioni positive dei partecipanti rispetto al gruppo di controllo (17% in più).

Anche una breve esposizione all’aroma dell’olio essenziale di bergamotto potrebbe rendere le persone più disponibili ad arruolarsi in studi clinici.

Lo studio (https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28337799) ha fornito una prova preliminare dell’efficacia e della sicurezza dell’inalazione di olio essenziale di bergamotto sul benessere mentale suggerendo che l’aromaterapia con olio essenziale di bergamotto potrebbe essere un trattamento additivo efficace per migliorare la salute mentale e il benessere delle persone.

Fonte:

Phytother Res. 2017 May;31(5):812-816. doi: 10.1002/ptr.5806. Epub 2017 Mar 24.Bergamot (Citrus bergamia) Essential Oil Inhalation Improves Positive Feelings in the Waiting Room of a Mental Health Treatment Center: A Pilot Study.Han X1, Gibson J2, Eggett DL3, Parker TL1.

 Articoli collegati:

http://www.vladimirocolombi.it/2016/07/07/la-rodiola-rosea/

 https://www.youtube.com/watch?v=hrjM-_XKr7s

 https://www.youtube.com/watch?v=1iAB4pNizT0

Read More
News

SPORT, PERFORMANCE SPORTIVA E AROMATERAPIA


Se sei uno sportivo questi oli essenziali possono incrementare la tua performance sportiva

 

La fragranza degli oli essenziali può alleviare allevia la fatica indotta dall’esercizio Per studiare l’effetto degli oli essenziali di Citrus sinensis L., Mentha piperita L., Syzygium aromaticum L. e Rosmarinus officinalis L. sull’esaurimento fisico nei ratti, quarantotto ratti maschi sono stati divisi in modo casuale in diversi gruppi.

Due gruppi sono stati nebulizzati con alcune miscele di oli essenziali mentre altri due sono stati nebulizzati semplicemente con acqua distillata. Dopo la continua inalazione per 3 giorni sono stati misurati alcuni parametri utili per quantificare gli effetti dell’inalazione degli oli essenziali. Tra questi sono sttai inclusi la resistenza in termini di tempo dell’attività fisica, i valori della glicemia e dell’acido lattico (BLA) di azoto ureico (BUN) di superossido dismutasi (SOD) e di glutatione perossidasi (GSH-PX).

I risultati hanno suggerito che l’inalazione di una miscela di oli essenziali potrebbe alleviare la stanchezza indotta dall’esercizio fisico.

RIFERIMENTO:

 

Evid Based Complement Alternat Med. 2017;2017:5027372. doi: 10.1155/2017/5027372. Epub 2017 Oct 31.Does the Fragrance of Essential Oils Alleviate the Fatigue Induced by Exercise? A Biochemical Indicator Test in Rats.Li Z1, Wu F1, Shao H2, Zhang Y1, Fan A1, Li F1.

 

Altre referenze e bibliografia:

  1. Zhong L., Zhao L., Yang F., Yang W., Sun Y., Hu Q. Evaluation of anti-fatigue property of the extruded product of cereal grains mixed with Cordyceps militaris on mice. Journal of the International Society of Sports Nutrition. 2017;14(1) doi: 10.1186/s12970-017-0171-1.
  2. Chang Q., Miao X., Ju X., et al. Effects of pulse current on endurance exercise and its anti-fatigue properties in the hepatic tissue of trained rats. PLoS ONE. 2013;8(10) doi: 10.1371/journal.pone.0075093.e75093
  3. Chi A., Li H., Kang C., et al. Anti-fatigue activity of a novel polysaccharide conjugates from Ziyang green tea. International Journal of Biological Macromolecules. 2015;80:566–572. doi: 10.1016/j.ijbiomac.2015.06.055.
  4. Liu J., Yeo H. C., Overvik-Douki E., et al. Chronically and acutely exercised rats: biomarkers of oxidative stress and endogenous antioxidants. Journal of Applied Physiology. 1985;89(1):21–28.
  5. Raskovic A., Milanović I., Pavlović N., Ćebović T., Vukmirović S., Mikov M. Antioxidant activity of rosemary (Rosmarinus officinalis L.) essential oil and its hepatoprotective potential. BMC Complementary and Alternative Medicine. 2014;14, article no. 225 doi: 10.1186/1472-6882-14-225.
  6. Vanin A. B., Orlando T., Piazza S. P., et al. Antimicrobial and Antioxidant Activities of Clove Essential Oil and Eugenyl Acetate Produced by Enzymatic Esterification. Applied Biochemistry and Biotechnology. 2014;174(4):1286–1298. doi: 10.1007/s12010-014-1113-x. [PubMed] [Cross Ref]
  7. Jaradat N. A., Al Zabadi H., Rahhal B., et al. The effect of inhalation of Citrus sinensis flowers and Mentha spicata leave essential oils on lung function and exercise performance: A quasi-experimental uncontrolled before-and-after study. Journal of the International Society of Sports Nutrition. 2016;13(1, article no. 36) doi: 10.1186/s12970-016-0146-7. [PMC free article] [PubMed] [Cross Ref]
  8. Djenane D. Chemical Profile, Antibacterial and Antioxidant Activity of Algerian Citrus Essential Oils and Their Application in Sardina pilchardus. Foods. 2015;4(2):208–228. doi: 10.3390/foods4020208. [PMC free article] [PubMed] [Cross Ref]
  9. Sarrou E., Chatzopoulou P., Dimassi-Theriou K., Therios I. Volatile constituents and antioxidant activity of peel, flowers and leaf oils of Citrus aurantium L. growing in Greece. Molecules. 2013;18(9):10639–10647. doi: 10.3390/molecules180910639.
  10. De Sousa D. P., De Almeida Soares Hocayen P., Andrade L. N., Andreatini R. A. A systematic review of the anxiolytic-like effects of essential oils in animal models. Molecules. 2015;20(10):18620–18660. doi: 10.3390/molecules201018620.
  11. Geraci A., Di Stefano V., Di Martino E., Schillaci D., Schicchi R. Essential oil components of orange peels and antimicrobial activity. Natural Product Research (Formerly Natural Product Letters) 2017;31(6):653–659. doi: 10.1080/14786419.2016.1219860.
  12. Rashidi-Fakari F., Tabatabaeichehr M., Mortazavi H. The effect of aromatherapy by essential oil of orange on anxiety during labor: A randomized clinical trial. Iranian Journal of Nursing and Midwifery Research. 2015;20(6):p. 661. doi: 10.4103/1735-9066.170001.
  13. Raudenbush B., Capiola A., Florian J. Abstracts of the Fifty-Second Annual Meeting of the Society for Psychophysiological Research. New Orleans, Louisiana, USA. September 19-23, 2012. Psychophysiology. 2012;49(Supplement 1):S2–S132.
  14. Herro E., Jacob S. E. Mentha piperita (Peppermint) Dermatitis. 2010;21(6):327–329. doi: 10.2310/6620.2011.10080.
  15. Meamarbashi A., Rajabi A. The effects of peppermint on exercise performance. Journal of the International Society of Sports Nutrition. 2013;10, article no. 15 doi: 10.1186/1550-2783-10-15.
  16. Al-Sereiti M. R., Abu-Amer K. M., Sen P. Pharmacology of rosemary (Rosmarinus officinalis Linn.) and its therapeutic potentials. Indian Journal of Experimental Biology (IJEB) 1999;37(2):124–130
  17. Karakaya S., El S. N., Karagozlu N., Sahin S., Sumnu G., Bayramoglu B. Microwave-Assisted hydrodistillation of essential oil from rosemary. Journal of Food Science and Technology. 2014;51(6):1056–1065. doi: 10.1007/s13197-011-0610-y.
  18. Ngo S. N. T., Williams D. B., Head R. J. Rosemary and cancer prevention: preclinical perspectives. Critical Reviews in Food Science and Nutrition. 2011;51(10):946–954. doi: 10.1080/10408398.2010.490883.
  19. Dung N. T., Kim J. M., Kang S. C. Chemical composition, antimicrobial and antioxidant activities of the essential oil and the ethanol extract of Cleistocalyx operculatus (Roxb.) Merr and Perry buds. Food and Chemical Toxicology. 2008;46(12):3632–3639. doi: 10.1016/j.fct.2008.09.013.
  20. Xu J.-G., Liu T., Hu Q.-P., Cao X.-M. Chemical composition, antibacterial properties and mechanism of action of essential oil from clove buds against staphylococcus aureus. Molecules. 2016;21(9, article no. 1194) doi: 10.3390/molecules21091194.
  21. Misharina T. A., Alinkina E. S., Medvedeva I. B. Antiradical properties of essential oils and extracts from clove bud and pimento. Prikladnaia Biokhimiia i Mikrobiologiia. 2015;51(1):99–104.
  22. Isaeva V. G., Alinkina E. S., Misharina T. A., et al. Effect of prolonged administration of low doses of essential oils on the immune response and sensitivity of mice to the action of ionizing radiation. Radiatsionnaia Biologiia, Radioecologiia. 2014;54(1):35–37.
  23. Moss M., Hewitt S., Moss L., Wesnes K. Modulation of cognitive performance and mood by aromas of peppermint and ylang-ylang. International Journal of Neuroscience. 2008;118(1):59–77. doi: 10.1080/00207450601042094.
  24. Meamarbashi A. Instant effects of peppermint essential oil on the physiological parameters and exercise performance. Avicenna J Phytomed. 2014;4(1):72–78.
  25. Umezu T., Sakata A., Ito H. Ambulation-promoting effect of peppermint oil and identification of its active constituents. Pharmacology Biochemistry & Behavior. 2001;69(3-4):383–390. doi: 10.1016/S0091-3057(01)00543-3.
Read More
1 2 3 36