Blog

News

LA SCUTELLARIA BAICALENSIS: LA PIANTA ANTIOSSIDANTE CHE RIDUCE L’INFIAMMAZIONE


scutellariaUno degli estratti vegetali più interessanti ma poco noti ai più è rappresentato dalla scutellaria baicalensis.

Si tratta di una pianta che trova largo impiego nei disturbi infiammatori su base allergica.

Questa pianta è in grando di sviluppare una importamte azione antistaminica nei soggetti allergici ma pare possa produrre effetti importanti per favorire il recupero di una corretta efficienza intestinale nelle diarree legate ad intolleranze alimentari.

La scutellaria contiene diversi principi attivi antiossidanti utilissimi per modulare l’infiammazione ma ora, a quanto si apprende da uno studio tedesco effettuato a Dusseldorf, un composto estratto dalla scutellaria (denominato Baicalein) potrebbe diventare un potenziale antiossidante in grado di rimuovere i radicali dell’ossigeno dal corpo umano, notoriamente implicati nell’invecchiamento degli organismi viventi.

In Cina i ricercatori di Macao hanno poco dopo scoperto che questo principio attivo sarebbe in grado di produrre effetti neuroprotettivi sia in vitro che in vivo con importanti ripercussioni positive nella malatia di Parkinson. Questo principio attivo sarebbe in grado di aumentare un fattore trascrizionale (chiamato NF-E2) implicato nei processi di deterioramente del sistema nervoso favorendo la protezione dall’invecchiamento e prevenendo la malattia di Parkinson.

Bibliografia:

 

J Agric Food Chem. 2013 Feb 21.Molecular Effects of Baicalein in Hct116 Cells and Caenorhabditis elegans : Activation of the Nrf2 Signaling Pathway and Prolongation of Lifespan.Havermann SRohrig RChovolou YHumpf HUWätjen W.

J Agric Food Chem. 2012 Aug 22;60(33):8171-82. doi: 10.1021/jf301511m. Epub 2012 Aug 9.Baicalein protects against 6-OHDA-induced neurotoxicity through activation of Keap1/Nrf2/HO-1 and involving PKCα and PI3K/AKT signaling pathways.Zhang ZCui WLi GYuan SXu DHoi MPLin ZDou JHan YLee SM.

Read More
News

L’ACIDO LIPOICO: L’ANTIOSSIDANTE CHE PREVIENE LA STEATOSI EPATICA


old-age-360714_960_720L’acido lipoico (Ala) è uno dei piu potenti antiossidanti naturali per proteggere il corpo umano dall’invecchiamento.

Si tratta di una sostanza naturale capace di favorire la protezione e la rigenerazione dell vitamine C ed E e ha dimostrato di essere in grado di proteggere non solo la pelle dall’invecchiamento fisiologico ma anche la vista e molti tessuti dai danni prodotti da una glicemia elevata in caso di siabete.

Una recente ricerca ha confermato la capacità dell’acido lipoico di proteggere il fegato dalla steatosi epatica, il pericoloso accumulo di grassi nel fegato causato non tanto da un’alimentazione ricca di grassi, ma da un eccesso di zucccheri alimentari.

In Occidente il consumo di zucchero è elevatissimo, soprattutto se si pensa agli zuccheri “occulti”, cioè quelli che, come del resto succede per il sale, sono nascosti in prodotti confezionati che tendiamo a consumare abitualmente.

L’acido lipoico può rappresentare un’utile strategie per conservare una buona funzionalità epatica e prevenire la sindrome metabolica, l’invecchiamento cutaneo e appunta la degenerazione del fegato.

Bibliografia:

Life Sci. 2012 Jan 30;90(5-6):200-5. doi: 10.1016/j.lfs.2011.11.012. Epub 2011 Dec 1.Alpha-lipoic acid attenuates methionine choline deficient diet-induced steatohepatitis in C57BL/6 mice.Min AK, Kim MK, Kim HS, Seo HY, Lee KU, Kim JG, Park KG, Lee IK.

Read More
News

LA SALUTE DELLA BOCCA COME INDICE DI SALUTE GENERALE (CHE PASSA ANCHE DALL’INTESTINO)


bocca

 

Per avere un bocca sana occorre avere un intestino in ordine. Non una grande notizia forse, dato che da sempre le alterazioni della flora batterica intestinale in naturopatia sappiamo che si riflettono anche nella bocca. Però una conferma che si aggiunga alla già copiosa quantità di studi già presente ci aiuta  a ragionare sulle cause di molti disturbi.

Nel caso della aftosi recidivanti per esempio l’integrazione di probiotici può essere risolutiva (insieme ad un cambio delle abitudini alimentari, sempre molto impattanti sulla parete gastrointestinale). Molte ricerche pregresse hanno infatti evidenziato come nelle stomatiti aftose alcuni probiotici anche sciolti direttamente in bocca possono aiutare moltissimo nella prevenzione delle recidive.
Due ricerche indipendenti (di cui una Indiana) hanno evidenziato come insieme ad una buona eubiosi intestinale anche una condizione di stress continuo possa essere di ostacolo ad una buona salute orale.
In effetti se pensiamo che in Oriente l’intestino è da sempre considerato come un “secondo cervello” non possiamo stupirci da questa nuova evidenza.

L’eccesso di stress stimola oltremodo la produzione di cortisolo, l’ormone dello stress, che destabilizza pesantemente il funzionamento dell’intestino alterandone le funzioni.
In naturopatia l’intestino continua a confermarsi come una importantantissima sede di funzioni non solo escretorie ma anche emozionali, base di un benessere psicofisico.

1) J Int Oral Health. 2013 Oct;5(5):33-37. Epub 2013 Oct 26.Evaluation of the efficacy of probiotics in plaque reduction and gingival health maintenance among school children – A Randomized Control Trial.Karuppaiah RM, Shankar S, Raj SK, Ramesh K, Prakash R, Kruthika M.Source: Department of Public Health Dentistry, Rajah Muthiah Dental College and Hospital, Chidambaram, Tamil Nadu, India.

2) Periodontol 2000. 2014 Feb;64(1):127-38. doi: 10.1111/prd.12036.Role of chronic stress and depression in periodontal diseases. Warren KR, Postolache TT, Groer ME, Pinjari O, Kelly DL, Reynolds MA.

Read More
News

Quelli buoni


Alimenti “amici”angeli1
Verdura
Pesce
Frutta secca
Spezie (cumino, curcuma, cannella)
Té verde
Latte vegetale (noci, mandorle, quinoa, kamut, avena, soia NON OGM),
Cereali interi (da preferire sempre alla sua rispettiva farina)
Legumi
Bacche e frutti di bosco
Umeboshi
Riso integrale.

CEREALI “ALTERNATIVI” compatibili con l’intolleranza al frumento e al glutine

INTOLLERANZA AL FRUMENTO: COSA FARE PER NON MORIRE DI FAME

Il RISO: Il riso è un alimento energetico, di facile digestione, favorisce l’abbassamento della pressione sanguigna, è utlissimo nella colite e nei casi di fermentazione intestinale. Molto digeribile ed è uno dei cereali piu’ equilibrati.

IL MIGLIO: prezioso in gravidanza è indicato per gli studenti, per tutti i problemi di digestione.Contiene elevate quantità di cisterna, un aminoacido essenziale per laq bellezza dei capelli, della pelle e delle unghie.

IL MAIS: Ingrediente base per produrre la polenta, può essere usato nella preparazione della pasta.

IL GRANO SARACENO:I ngrediente base per la preparazione dei pizzoccheri la sua farina è ricca di proteine e grassi, è molto adatto d’inverno: fortifica, rimineralizza, aiuta la crescita e rinforza i vasi sanguigni conservandone l’elasticità e prevenendo le emorragie.

L’AMARANTO E LA QUINOA: L’amaranto è un cereale ricchissimo di Lisina, un aminoacido essenziale molto prezioso per la cura dell’herpes, ma anche di calcio, fosforo e ferro.

La quinoa è un cereali usato molto in Bolivia e nelle Ande dalle marcate proprietà energizzanti e nutrienti, ricco di arginino e istidina.Molto digeribile è ottimo per chi soffre di problemi all’intestino.

Tutti questi cereali sono facilmente acquistabili in molte farmacie, parafarmacie, erboristerie e negozi di alimentazione naturale biologica.

 

 

ALIMENTI OTTIMALI PER IL CONTROLLO DELL’INSULINA, DELL’INFIAMMAZIONE E DELLA MASSA GRASSA

Cari amici,

in questa semplice scheda naturessere ha deciso di riportare un breve elenco degli alimenti che producono un limitato rialzo della glicemia (e quindi dell’insulina) .

Come forse molti dei nostri lettori oramai sapranno, nella nostra alimentazione è assolutamente opportuno che quello che mettiamo nei nostri piatti sia a basso impatto glicemico, poiché solo in questo modo riusciamo a controllare una condizione generale infiammatoria (che gli inglesi definiscono “low grade inflammation” che oggi è considerata come uno dei fattori di rischio maggiori nello scatenamento di molti disturbi.

Molte delle sostanze più promettenti infatti che vengono attualmente studiate, sia a livello farmacologico che naturale, pare abbiano un effetto “secondario” antiinfiammatorio (come nel caso dell’acido acetilsalicilico , sostanza contenuta nell’aspirina, oppure nei farmaci denominati “statine”, normalmente prescritti dai medici per il controllo del colesterolo).

Ebbene, anche a livello naturale oggi conosciamo molte sostanze che vantano questa capacità: si pensi alla curcuma per esempio, all’aloe, alla boswellia serrata, o all’artiglio del diavolo.

A livello alimentare invece, è importantissimo capire come combinare correttamente le singole pietanze nel piatto scegliendo altresì tra quelle con un basso carico glicemico.

Naturessere quindi mette a disposizione dei suoi lettori questa tavola schematica per aiutarvi a scegliere in modo corretto cosa mettere nel vostro prossimo piatto. Cominciando come sempre dalla spesa!

 FRUTTA: Limone

VERDURE: Aglio, alfalfa, alghe, asparagi, avocado, bietole, broccoli, carciofi, cavolfiore, cavolfiore romanesco, cavolini di bruxelles, cavolo bianco, cavolo cappuccio, cavolo cinese, cavolo nero, cavolo rapa, cavolo rosso, cavolo verde, cavolo verza, cetriolo, cipolle, cipollotti, crauti, fagioli, germogli, fagiolini, finocchio, germogli (esclusi quelli di ceci e soia), germogli di bambu’, melanzane, ocra, olive, ortiche, pastinaca, peperoni, pomodori, porri, rafano, rapa bianca, ravanelli, sedano, sedano rapa, spinaci, topinambur, verdure a fermentazione lattica (crauti), zucchine.

INSALATE: Acetosa, cicoria, crescione, indivia, lattuga, lattuga batavia, lattuga iceberg, lattughino, lollo rossa o bionda, pan di zucchero, portulaca, radicchio, romana, rucola, scarola, songino (valeriana), tarassacon (dente di leone) e trevigiana.

FUNGHI: Champignon, finferli (gallinacci), maitake (grifola frondosa), orecchioni (pleorotus ostreatus), pinarolo (boletus luteus), porci nello rosso (leccinum testaceoscabrum), porcino, reishi, sanguinello (Lactarius delicius), shitake, spugnola, spugnola secca, tartufo.

ERBE AROMATICHE E SPEZIE: Aglio selvatico, aneto, anice verde, basilico, borragine, capperi, cerfoglio, coriandolo, crescione, cumino, curcuma in polvere, curry in polvere, dragoncello, erba cipollina, issopo, levistico (sedano di montagna), maggiorana, melissa, menta, noce moscata, origano, paprica in polvere, pepe bianco, pepe nero, pepe verde in grani, peperoncino piccante, portulaca, prezzemolo, rosamrino, salvia, santoreggia e timo.

CARNI E INTERIORA: Agnello, agnello braciola, agnello carré, agnello coscia, agnello cotoletta, agnello filetto, capretto, cervella, coda di bue, coniglio, fegato, lingua, maiale, maiale in salamoia, maiale arista, maiale bistecca, maiale cotoletta, maiale filetto, maiale pancetta, maiale reale, maiale spezzatino, maiale stinco, maiale trita, manzo, manzo coscia, manzo costata, manzo filetto, manzo punta di petto, maiale roast beef, manzo spezzatino, manzo tartare, manzo trita, midollo (ossobuco), polmone, rognone, vitello, vitello bistecca, vitello coscia, vitello cotoletta, vitello petto, vitello spezzatino.

POLLAME: Anatra, fagiano, galletto, oca, pernice, pollo, pollo arrosto, pollo coscia, pollo petto, pollo lesso, quaglia, struzzo, tacchino, tacchino coscia, tacchino petto

SELVAGGINA: Capriolo, cervo, cinghiale, camoscio, lepre.

SALUMI E AFFETTATI: Arrosto di vitello o tacchino, bresaola, pancetta, paté di fegato, prosciutto crudo e cotto, prosciutto di salmone, e di tacchino, magro, salame, salsiccia, speck, wurstel di pollo o di tacchino di maiale.

PESCE:Abramide, acciughe, anguilla, aringa, carpa, caviale, coregone, eglefino, luccio, merluzzo, nasello, pangasio, passera, perca, persico, pesce spada, polpa di granchio, rombo, salmerino, salmone selvaggio, sardina, seppia al naturale, sgombro, sogliola, tonno, triglia, trota e uova di pesce (in generale).

FRUTTI DI MARE E CROSTACEI: Aragosta, astice, capesante, cozze, cozze, gamberi, gamberetti, granchio, ostrica, polpa di granchio, scampi.

LATTICINI: Latticello, panna acida, panna di cucinare, quark.

FORMAGGI: Brie, camembert, caprino, chester, cottage cheese, edamer, Emmental, feta, fiocchi di latte, formaggio di malga, gorgonzola dolce e piccante, grana padano, groviera, leerdammer, limburger, maaslander, mascarpone, mozzarella, parmigiano reggiano, pecorino, provolone, raclette, ricotta, robiola, romadur, roquefort, stracchino.

UOVA: Uova di gallina ottime!

GRASSI: Saturi (ottimi per friggere): Burro biologico o burro chiarificato. Monoinsaturi (protettivi per il cuore): olio di avocado, e olio di oliva. Omega 3 (protettivi per cuore, tumori, infiammazioni, intestino, depressione): Olio di noci, di canapa, di lino, di semi di melograno. Omega 6 (da bilanciare sempre con i grassi omega 3):Olio di semi di zucca, di sesamo, di vinaccioli, e di mandorle.

ADDENSANTI: Gelatina di agar agar e farina di carruba.

BEVANDE: Acqua, caffè di cicoria, succo di limone, tè verde e caffè (con moderazione). Se occasionalmente avete voglia di una birra preferite le birre di malto d’orzo (tipo Pils) alle birre di frumento (meno ricche di carboidrati e glutine di frumento).

ALTRO: Brodo di carne, di pollo, di verdura, semi e farina di lino, semi di papavero, senape e tofu.

SALE: Al sale bianco da cucina preferite sempre il sale marino integrale, il sale dell’Himalaya, e il sale blu di Persia.

Bibliografia: “Sugar Blues di William Dufty-Macro edizioni.I cibi antiossidanti anticancro” di Johannes F. Coy Ed. Tecniche Nuove. “Le ricette anticancro” di Richard Beliveau e Denis Gingras Ed. Sperling & Kupfer.“Perché le diete falliscono: la cruda verità di Phoenix Gilman-Macro edizioni; “Celiachia, intolleranze alimentari e allergie alimentari”di Teresa Tranfaglia – Macro Edizioni; “La dieta Galland”di Leo e Jonathan Galland Tea Edizioni.

Read More
News

Quelli cattivi


Tutti i “piatti pronti”
Tutti i prodotti confezionati
I cereali non integrali (pane, pasta e riso bianchi)
Zucchero

Dolcificanti
Biscotti e prodotti da forno industriali
Sale
Glutammato
Grassi idrogenati
Patatine fritte
Bibite dolci
SuperalcoliciDiavolo

Read More
News

NATUROPATIA E CUCINA: ALCUNE RICETTE PER VIVERE IN SALUTE


Ingredienti per 3 persone:

250 gr d riso
300 gr di zucca pulita
Cipolla
Olio
Sale
4-5 foglie di salvia
Brodo vegetale
Vino bianco (facoltativo)

Far soffriggere la cipolla con un filo d’olio.
Aggiungere la zucca tagliata a dadini.
Salare e bagnare con un po’ d’acqua.
Aggiungere le foglie di salvia tritata e mescolare.
Lasciar cuocere per 10-15 minuti finchè la zucca si ammorbidisce un po’.
Aggiungere il grano saraceno e lasciarlo tostare.
Sfumare con il vino (facoltativo)
Aggiungere il brodo poco alla volta e cuocere per 15 minuti circa mescolando ogni tanto per evitare che si attacchi.

una ricetta di:Valentina Massetti

VERDURE RIPIENE AL FORNO
Ingredienti: 3 zucchine 500 gr di patate 2 pomodori 3 peperoni gialli 1 uovo spezie miste: timo, maggiorana e basilico 80gr di grana grattugiato olio extravergine d’oliva sale e pepe q.b. Lessare 2 zucchine per circa 5 minuti in acqua bollente.

Tagliarle a metà e prelevare la polpa. La terza zucchina lasciarla lessare un po’ di più finché diventa morbida. Lessare le patate. Una volta pronte ridurle a purè con lo schiacciapatate. Lavare e pulire i peperoni. Tagliare a metà i pomodori e con un cucchiaino svuotarli. Salarli e metterli a sgocciolare su della carta assorbente. Il ripieno dei pomodori frullarlo con la terza zucchina e con la polpa delle altre due. Unire il tutto alle patate. Aggiungere l’uovo, il grana grattugiato, salare e pepare a piacere. Infine aggiungere le spezie e mescolare. Farcire gli ortaggi. Ungere una teglia e mettere prima i 3 peperoni. Irrorarli con un po’ d’olio. Metterli in forno a 200°. Dopo 25 minuti aggiungere le zucchine e i pomodori. Irrorali con un po’ di olio e cuocere per altri 10 15 minuti.

una Ricetta di: Valentina Massetti

 

MOUSSE DI SALMONE

Ingredienti: 100 gr di salmone in scatola al naturale o cotto al vapore 1 cucchiaio di capperi sotto sale 2 cucchiai di olio 2 cucchiai di succo di limone 3 filetti di alici sott’olio o sotto sale 1 albume sale prezzemolo scorzette di limone per decorare

Frullare il salmone con i capperi ben lavati e strizzati, l’olio, il succo di limone, il prezzemolo e i filetti di alici fino a ridurlo ad una crema. Montare l’albume a neve con un pizzico di sale. Aggiungerlo al patè di salmone un poco alla volta, cercando di non sgonfiarlo. (mescolare dal basso verso l’alto delicatamente!) Mettere in frigorifero per almeno un paio d’ore. Al momento di servire decorare con un po’ di prezzemolo e qualche scorzetta di limone.

un articolo di: Valentina Massetti

 

TROTA SALMONATA AGLI AGRUMI

Ingredienti per 1 persona:

1 filetto di trota salmonata
2 fette d’arancia
2 fette di limone
succo di limone

2-3 foglie di salvia
un pizzico di timo
pepe
sale

Adagiare il filetto di trota su un foglio di alluminio.
Salare e cospargere il tipo e le foglie di salvia tagliuzzate.
Adagiare le fettine di limone e arancia e irrorare il tutto con il succo.
Pepare e chiudere il cartoccio.
Infornare a 200° per 20 minuti circa.
Condire a piacere con olio.

una Ricetta di: Valentina Massetti

 

ORATA IN PADELLA CON VERDURINE CROCCANTI E PATATE AL VAPORE

 Ingredienti per 3 persone:

3 filetti di orata
1 carota
1 zucchina piccola o ½ zucchina grande
7-8 pomodorini
olio
1 spicchio d’aglio
sale
prezzemolo

A parte cuocere le patate a vapore…
Io le ho tagliate a fettine e cotte al microonde per circa 15 minuti.
Tagliare la carota e la zucchina alla julienne e i pomodorini a metà.
Far d’orare lo spicchio d’aglio in 2/3 cucchiai di olio.
Togliere l’aglio e aggiungere le carote e le zucchine.
Salare e aggiungere 2-3 cucchiai d’acqua per evitare che friggano nell’olio.
Coprire la padella con un coperchio e cuocere per 2-3 minuti a fuoco medio.
Aggiungere le orate, salare.
Coprire nuovamente e cuocere a fuoco un po’ più basso (7-8 minuti)
Girarle e aggiungere i pomodorini.
Quando si saranno ammorbiditi rigirare i filetti di orata e cospargere il tutto con un po’ di prezzemolo.
Coprire il tutto e a fuoco spento lasciar riposare un paio di minuti.
Servire con le patate al vapore.

una Ricetta di: Valentina Massetti

 

DADI DA BRODO
Ingredienti:1/2 kg di carne magra, 1/2 kg di carote, 1/2 kg di sedano, 1/2 kg di cipolle e 3hg e 1/2 di sale (le quantità si intendono per ingredienti puliti).

Tutti gli ingredienti vanno messi in una casseruola e fatti cuocere a fuoco lento per 3 ore. Finita la cottura, frullare il tutto e invasare in contenitori di vetro. Con queste quantità si ottengono circa 3 vasetti di dado che possono essere conservati a temperatura ambiente per molto tempo e che, una volta aperti, devono essere conservati in frigorifero.

 

FARINATA DI CECI

Ingredienti: 200 gr di farina di ceci, 2 cucchiai di olio extravergine di oliva, rosmarino e sale marino integrale.

Versate in una terrina la farina di ceci e ricavate una fontana al centro con un cucchaiio di legno e unite l’acqua (750 ml) un poco alla volta. Mescolate il tutto facendo attenzione a non formare grumi, quindi aggiungete il sale (il meno possibile) e 2 cucchiai d’olio, mescolate bene e lasciate riposare il composto per tutta la notte. Ungete una teglia, versatevi l’impasto, cospargetelo a piacere con qualche ago di rosmarino e fate cuocere in forno preriscaldato a 200° per 25’-30’ fino a quando la farinata non risulterà di un bel colore dorato. Tagliatela a quadrati e servitela calda, accompagnata con verdure di stagione

(Fonte:Prevenire i tumori mangiando con gusto).

 

CREMA DI RISO

Ingredienti: 1 tazza di riso integrale, 7 tazze d’acqua, e 1 pizzico di sale marino integrale.

Tostate il riso integrale a secco finchè non diventa dorato.

Travasate il riso in una pentola a pressione, aggiungete l’acqua e il pizzico di sale, portate in pressione, ponete una piastra rompi fiamma sotto la pentola e proseguite la cottura a fiamma bassa per circa 2 ore. (Se usate una pentola non a pressione usate 12 tazze di acqua e fate cuocere il riso per 3 ore.

Lasciate intiepidire il riso stracotto e passatelo al passaverdure per ridurlo in crema (se volete togliere una parte di fibra, passate la crema al setaccio un poco alla volta aiutandovi con un pestello in legno. In questo modo una parte della fibra rimarrà sul fondo del setaccio, mentre la crema che lo avrà attraversato risulterà, molto liscia e omogenea). Se desiderate accelerare la preparazione potete utilizzare la farina di riso integrale anziché il riso in chicchi.

Fate in modo che la farina sia il più possibile fresca, preferibilmente appena macinata. In questo caso tostate leggermente 1 tazza di farina e cuocetela come se doveste fare una polentina di riso (e cioè portate a ebollizione 5 tazze d’acqua con un pizzico di sale e versate a pioggia la farina mescolando con un cucchiaio di legno). Ponete sempre la piastra rompi fiamma sotto la pentola, coprite e fate cuocere almeno 30 minuti, mescolando di tanto in tanto. Setacciate come sopra.

L’azione antiinfiammatoria della crema di riso è molto potenziata dal kuzu, un amido portentoso con proprietà alcalinizzanti estratto dalla radice di pueraria lobata. Per farlo occorre sciogliere un cucchiaino di kuzu in poca acqua fredda e aggiungerlo alla crema di riso facendo bollire il tutto per qualche minuto per acconsentire all’amido di raddensare leggermente la preparazione.

SPIEDINI DI POLLO CARAMELLATI SU CREMA DI MELANZANA ALL’AGLIO

400gr petto di pollo, un cucchiaio di curcuma, un cuchiaio di salsa di soia, olio e.v.o., 60gr semi di zucca, zucchero, sale, 1 grossa melanzana, 2 spicchi di aglio, un cucchiaio di menta.

Preparare la marinata per il pollo mescolando 2 cucchai di olio, 2 cucc.ni di zucchero, 1cucch.di salsa di soia, 1 cucch.di curcuma. Lasciare riposare il pollo, preventivamente tagliato a cubetti, per una notte.

Bucherellare la pelle della melanzana e passarla in forno a 180° per 40/45 minuti, finchè risulti appassita e morbida.

Togliere la pelle e frullarla con l’aglio privato dell’eventuale germe verde, la menta e 30gr di olio a filo, salare.

Con il pollo formare degli spiedini, porli su carta forno in un teglia, cospargerli di semi di zucca,  infornare a 220° per 7/8 minuti, spennellare con la marinata e lasciarli ancora per 1 minuto sotto il grill a caramellare.

 

PACCHETTI DI GAMBERONI E PANCETTA CON MAIONESE DI PATATE ALLO ZAFFERANO.

12 gamberi, 6 fettine di pancetta tesa, 1 carota, olio e.v.o., sale dell’Himalaya, 300gr patata, una bustina di zafferano. Insalatina di stagione.

Cuocere la patata con la buccia finchè non sarà tenera.

Frullare con lo zafferano (sciolto in un goccio di acqua calda), il sale e l ‘olio a filo, fino a raggiungere la consistenza di una maionese piuttosto densa.

Tagliare la carota, pulita e pelata, a tocchi lunghi circa 6/7cm, poi a fiammifero.

Preparare i pacchetti, avvolgendo ogni gamberone insieme a  qualche fiammifero di carota con la pancetta.

Scaldare una padella antiaderente, quando sarò calda grigliare i nostri pacchetti per due minuti per parte, la pancetta deve essere croccante, ma il gambero deve risulatare ancora morbido.

Servire i pacchetti con una macinata di sale, accompagnando con un cucchiaio di salsa e su un letto di insalatina fresca.

 

FUSILLI  INTEGRALI DI FARRO CON PINOLI, RICOTTA E ORATA AL LIMONE

Per 6 persone
420gr fusilli, 2 filetti di orata, 180gr ricotta, 2 cucchiai di prezzemolo tritato, 1 limone, 60gr pinoli, olio extrav.oliva.

Mettere a bollire una pentola di acqua, quando bolle salare e buttare la pasta.

Togliere pelle e lische ai filetti di pesce e tagliarli a tocchetti. Scaldare una padella antiaderente con un filo di olio, saltare velocemente il pesce 2 minuti per parte, salare e spegnere il fuoco.
In una piccola antiaderente mettere a tostare i pinoli, quando avranno preso colore, spegnere.
Tagliare la bucci di limone a strisce sottili.
In una ciotola a parte versare la ricotta setacciata, salare, pepare e stemperare con il succo di ½ limone e un po’ di acqua di cottura.
Scolare la pasta al dente, versarla nella padella con il pesce, mantecarla con la crema di ricotta e terminare con il prezzemolo e il limone.
Servire con un filo di olio a crudo.

 

NOODLE SALTATI CON ALICI, ZENZERO, CAROTA E TROPEA

250gr noodle, 250gr alici diliscate e pulite, un tocchetto di zenzero, 1 grossa carota e una cipolla di Tropea, olio extrav.oliva, 1 arancia, 50gr pangrattato

Mettere le alici a marinare per un’ora con due cucchiai di olio e un cucchiaio di succo d’arancia.
Portare a bollore una pentola di acqua, salare e spegnere. Ammollare i noodle per 1 minuto poi scolare e lasciare asciugare stesi su un canovaccio.

In una padella antiaderente tostare il pangrattato, grattugiare la scorza di arancia e spegnere dopo un minuto.

In un wok versare due cucchiai di olio, appassire la cipolla tagliata a fette sottili, lo zenzero grattugiato e la carota a fiammifero.
Quando le verdure saranno ammorbidite, alzare la fiamma e saltare i noodle, dopo un minuto aggiungere le alici e regolare di sale.

Al momento di servire spolverizzare con il pangrattato al profumo di arancia.

 

RISO VENERE CON CAPONATINA VELOCE DI VERDURE

250gr riso Venere, 1 cipolla rossa, 1 carota, ½ melanzana, 1 zucchina, 70gr olive nere denocciolate, un cucchiaio di semi di sesamo tostati, 20gr capperi, olio extrav.oliva

Portare a bollore una pentola d’acqua salata, versare il riso e cuocere per il tempo indicato.
Scolare e tenere da parte.
In una larga padella (o un wok) scaldare 3 cucchiai di olio e appassire la cipolla tritata.
Tagliare la carota a dadini e unirli alla cipolla, in sequenza aggiungere la melanzana a dadini, alzando il fuoco e unendo un po’ di sale per aiutare la cottura, dopo 3 minuti unire la zucchina a dadi e continuare per altri 2 minuti.

Unire le olive e i capperi (sciacquati se sotto sale), un cucchiaio di aceto e cuocere per 1 minuto.

Spegnere il fuoco e servire la caponatina calda accompagnata dal riso venere, il tutto spolverato con un po’ di sesamo tostato.

 

PIZZA PROVENZALE CON CIPOLLE, ALICI, OLIVE NERE

400gr. di farina integrale Vitamill-20, 220 g. di acqua, 40 g. di lievito madre secco, 1 cucchiaino di malto, 8 g. di sale, 2 cucchiai di olio, 1 kg. di cipolle affettate sottilissime, 28 filetti di acciuga dissalati, olive nere snocciolate, sale,  pepe, olio

Mescolare bene il sale con la farina.

Sciogliere il lievito di birra con poca acqua e il cucchiaino di malto. Metterlo al centro della fontana di farina, coprire e lasciare riposare fino a quanto schiuma.

Aggiungere poi i 2 cucchiai di olio e il resto dell’acqua un poco alla volta.

Lavorare con energia. Coprire e lasciare lievitare per tre/quattro ore.

Fare appassire 1 kg. di cipolle in 2 cucchiai di olio a fuoco lentissimo per almeno 40 minuti, condire con sale e pepe.

Ungere una teglia e stendervi sopra la pasta di pane; cospargere la superficie con le cipolle, disporre i filetti di acciuga a scacchiera e al centro di ogni incrocio di acciughe mettere un’oliva nera snocciolata.

Infornare a 220° per circa 20 minuti.

FOCACCIA CON ZUCCHINE, ROSMARINO E BRIE

500gr farina integrale Vitamill-20, 50gr lievito madre secco. 250gr acqua, un cucchiaino di malto, 10gr sale rosa dell’Himalaya, 3 cucch.olio oliva e.v.o. 500gr zucchine, 200gr brie, olio e.v.o. sale, pepe, 2 scalogni, rosmarino

Disporre la farina a fontana, sbriciolare al centro il lievito, versare l’acqua tiepida, lo zucchero, attendere 10 minuti, unire gli ingredienti rimasti e lavorare l’impasto fino a renderlo liscio ed omogeneo. Farlo lievitare in una boule coperta e in luogo tiepido fino al raddoppio.( 3/4 ore)

Nel frattempo mondate le zucchine e tagliatele a rondelle, tritare lo scalogno e metterlo a stufare in un tegame con un velo d’olio, unire le zucchine e saltarle brevemente. Salare

In una teglia unta d’olio disporre metà impasto. Coprire con le zucchine, il brie sbriciolato e una manciata generosa di rosmarino tritato.

Stendere e coprire con la pasta rimanente, spennellare con un po’ d’olio e lasciare lievitare per un’altra mezz’ora.

Cuocere in forno a 200° per 35 minuti circa.

Read More
News

LA SCUTELLARIA BAICALENSIS: LA PIANTA CHE ANTIOSSIDANTE CHE RIDUCE L’INFIAMMAZIONE


download

Uno degli estratti vegetali più interessanti ma poco notiai più è rappresentato dalla scutellaria baicalensis.

Si tratta di una pianta che trova largo impiego nei disturbi infiammatori su base allergica.

Questa pianta è in grando di sviluppare una importamte azione antistaminica nei soggetti allergici ma pare possa produrre effetti importanti per favorire il recupero di una corretta efficienza intestinale nelle diarree legate ad intolleranze alimentari.

La scutellaria contiene diversi principi attivi antiossidanti utilissimi per modulare l’infiammazione ma ora, a quanto si apprende da uno studio tedesco effettuato a Dusseldorf, un composto estratto dalla scutellaria (denominato Baicalein) potrebbe diventare un potenziale antiossidante in grado di rimuovere i radicali dell’ossigeno dal corpo umano, notoriamente implicati nell’invecchiamento degli organismi viventi.

In Cina i ricercatori di Macao hanno poco dopo scoperto che questo principio attivo sarebbe in grado di produrre effetti neuroprotettivi sia in vitro che in vivo con importanti ripercussioni positive nella malatia di Parkinson. Questo principio attivo sarebbe in grado di aumentare un fattore trascrizionale (chiamato NF-E2) implicato nei processi di deterioramente del sistema nervoso favorendo la protezione dall’invecchiamento e prevenendo la malattia di Parkinson.

Bibliografia:

 

J Agric Food Chem. 2013 Feb 21.Molecular Effects of Baicalein in Hct116 Cells and Caenorhabditis elegans : Activation of the Nrf2 Signaling Pathway and Prolongation of Lifespan.Havermann SRohrig RChovolou YHumpf HUWätjen W.

J Agric Food Chem. 2012 Aug 22;60(33):8171-82. doi: 10.1021/jf301511m. Epub 2012 Aug 9.Baicalein protects against 6-OHDA-induced neurotoxicity through activation of Keap1/Nrf2/HO-1 and involving PKCα and PI3K/AKT signaling pathways.Zhang ZCui WLi GYuan SXu DHoi MPLin ZDou JHan YLee SM.

Read More
News

PREVENIRE L’INFLUENZA CON I RIMEDI NATURALI: L’ELEUTEROCOCCO


Eleutherococcus_senticosusL’eleuterococco,  noto come anche ginseng siberiano, ha un’azione immunostimolante molto importante favorisce l’aumento dei globuli bianchi e la loro attività (fagocitosi) contiene degli zuccheri polisaccaridi in grado di sviluppare non solo un azione immunostimolante ma anche un’azione anti fatica che ci può proteggere dalle infezioni sia su base virale che batterica.

E’particolarmente indicato nelle persone stanche dopo periodi di stress intensi che non riescono a recuperare le loro energie e a ritrovare la concentrazione. Spesso queste persone sono anche indebolite a livello immunologico e sono soggette a ripetuti infezioni (sia batteriche che virali).

E’ la pianta dello stress che trova particolare indicazione nel sesso femminile.

Read More
News

PREVENIRE L’INFLUENZA CON I RIMEDI NATURALI: LA PROPOLI


 

PropolisSi tratta di una delle sostanze naturali più interessanti per la sua spiccata azione antivirale. La propoli è nota soprattutto per la sua azione antibatterica importante (in particolar modo verso alcuni tipi di batteri come per esempio Escherichia coli, Proteus vulgaris, Salmonella e Staphylococcus aureus). La propoli è in grado di distruggere il citoplasma della membrana plasmatica dei batteri ma ha anche dimostrato una importante azione antivirale.

Una trentina di gocce mattino e sera a stomaco pieno sono perfette per proteggerci in modo naturale! Da evitare in soggetti allergici (soprattutto se ai pollini).

Read More
News

PREVENIRE L’INFLUENZA CON I RIMEDI NATURALI: SALIX ALBA, IL SALICE


Salix alba.

il salice bianco, è una pianta nota per le sue notevolissimi azioni antinfiammatorie e febbrifughe, antispasmodiche e antireumatiche. Contiene una sostanza molto nota, la salicilina, che è un precursore di una molecola comunemente noto a tutti noi (con il nome commerciale di “aspirina”).

Il suo principio attivo salicilina  viene convertito nell’intestino dove viene poi riassorbito e convertito in acido salicilico. La sua azione antinfiammatoria è molto importante nelle infiammazioni articolari e per il contenimento dei

sintomi tipici dell’influenza: dolori muscolari, febbre, raffreddore, etc..etc….

Read More
News

PREVENIRE L’INFLUENZA CON I RIMEDI NATURALI


L’Influenza sembra essere ormai essere alle porte.

 

D’altra parte siamo a gennaio ed è assolutamente normale che qualche episodio virale ci possa colpire. Nonostante fino ad ora non si abbia avuto un inverno freddo infatti è arrivato il momento di fare i conti con l’influenza.

Vediamo allora da oggi quali possono essere le più importanti piante e rimedi naturali da utilizzare per proteggersi da questa fastidiosa epidemia stagionale.

La naturopatia offre molti rimedi naturali privi di effetti collaterali e di controindicazioni . Molti di essi hanno  addirittura proprietà protettive e antiossidanti in gradi di ritardare l’invecchiamento! Ogni giorno, cominciando da oggi, vedremo un rimedio naturale per proteggerci dall’influenza.

ECHINACEA

 

L’echinacea per chi soffre di raffreddori cronici è una delle piante più importanti per proteggerci dalle malattie da raffreddamento. Può essere usata anche ad uso topico per la cura di infezioni e di ferite ed è in grado di stimolare il sistema immunitario in modo aspecifico. Questa significa cioè che essa può favorire l’innalzamento delle difese immunitarie verso fonti infettive di diverso tipo (a differenza del vaccino che ha un’azione molto potente ma selettiva ed è pertanto mirato ad un singolo ceppo virale).

L’echinacea è utilissima anche in caso di infezioni delle vie urinarie recidivanti.

Infatti essa oltre che ad essere molto attiva nel difendere l’apparato respiratorio in generale riducendo i sintomi tipici legati al influenza (lacrimazione, rinorrea, mal di testa, ingrossamento dei linfonodi) è anche molto utile per la prevenzione delle cisititi.

Read More
News

LA BATTAGLIA DEI VACCINI: PRESA DIRETTA SU RAI 3


Smallpox_vaccine

Otiti, polmoniti ed encefaliti sono tra i danni che possono verificarsi a causa di una mancata vaccinazione dal morbillo. Tuttavia il progressivo calo delle vaccinazioni di massa potrebbe in futuro produrre un aumento di malattie che si pensavano debellate fino a poco tempo fa.

Nella puntata di “presa diretta” andata in onda su Rai 3 la sera del 10/1/2016 Riccardo Iacona ha spiegato da dove sia nato l’equivoco sulla presunta pericolosità dei vaccini. Il reportage ha attribuito tale responsabilità, tra l’altro, anche ad una cattiva informazione fatta circolare anni fa da parte degli stessi giornalisti dell’epoca che avrebbe instillato i timori di pericolosi effetti collaterali (tra i quali l’autismo).

Sempre nel corso della trasmissione televisiva sono stati citati alcuni integratori alimentari prescritti da un medico per la cura dell’autismo tra i quali l’aglio, e il gse, che altro non è che l’estratto di semi di pompelmo (spesso citato come un rimedio naturale portentoso nella prevenzione delle infezioni batteriche).

La trasmissione ha avuto certamente il grande merito di far luce sui fondamenti scientifici che spiegano le ragione che dovrebbero indurci a vaccinarsi, ma purtroppo ha anche tralasciato di spiegare come alcuni rimedi naturali possano essere utili per taluni disturbi minori.

Pensare di curare una malattia grave come l’autismo (la cui componente infiammatoria e genetica pare essere oramai ben documentata) o qualsiasi altra grave situazione patologica solo con rimedi naturali mi è sempre sembrato un autentico delirio, sia da parte di taluni medici che si occupano di naturopatia che da parte di semplici naturopati (come chi scrive) ai quali non solo non compete entrare in questo tipo di dibattito per mancanza di competenze tecniche, ma addirittura si profilerebbe (giustamente) sotto il profilo legale il rischio di essere incriminati per esercizio abusivo della professione medica.

Forse però sarebbe stato utile dedicare però magari un piccolo spazio del programma per spiegare brevemente ai telespettatori sia i limiti che i benefici di alcuni integratori per non lasciar passare un messaggio di assoluta inutilità di questi ultimi.

Per comprare la frutta si va dal fruttivendolo, non dall’elettrauto. E se si sbaglia indirizzo, la responsabilità per l’errato acquisto non è dell’elettrauto. A meno che l’elettrauto (in mala fede) non avesse detto di vendere frutta!

 

Read More
1 24 25 26 27 28