News

VITAMINA D, CANCRO E CHAMPIGNON

 Alcuni principi attivi nei funghi e la vitamina D potrebbero essere uno straordinario alleato della nostra salute

 

Numerose ricerche hanno evidenziato come esistano alcuni rimedi naturali nel mondo appartenenti al mondo dei miceti dal grande valore protettivo per la nostra salute.Tre funghi in particolar modo hanno dimostrato una potente azione protettiva e sono il reishi, il maitake e lo shitake.Tutti e tre sono in grado di aumentare le difese immunitarie in quanto ricchi di alcune sostanze, i betaglucani, dalle straordinari virtù protettive, soprattutto contro alcune forme di tumore.Più recentemente però è stato osservato che il più umile e autoctono champignon bianco vanta un potere antiossidante uguale se non maggiore di questi funghi.

Il suo costo non elevato e la sua provenienza autoctona lo rendono particolarmente interessante in quanto ricco di vitamina D, una vitamina spesso carente nell’alimentazione Europea a causa anche delle lunghi stagioni invernali, caratterizzate da temperature basse e soprattutto da poca luce. In merito all’azione protettiva della vitamina D per la nostra salute ho avuto modo già in passato di spiegarne gli enormi effetti (si veda a tal proposito quanto illustrato cliccando qui http://www.vladimirocolombi.it/tag/vitamina-d/ e qui http://www.vladimirocolombi.it/2016/04/21/tumore-al-pancreas-e-vitamina-d-uno-studio/).

I gambi di questi funghi inoltre, spesso scartati, risultano degli importanti prebiotici in grado di favorire la crescita di lattobacilli intestinali molto preziosi per la nostra salute.

Per visionare l’intero video registrato a Telecolor sulle straordinarie proprietà dei funghi clicca sul link sottostante:

https://www.youtube.com/watch?v=KUsUe1KsQHs

Vladimiro Colombi
Vladimiro Colombi è ritenuto uno dei maggiori esperti in naturopatia. Le sue conoscenze estremamente aggiornate si basano sui più recenti e rivoluzionari studi che hanno analizzato la relazione tra l’alimentazione e i veri meccanismi del metabolismo umano.
Related Posts
Inositolo e depressione:
maggio 1, 2016

Leave Your Comment

Your Comment*

Your Name*
Your Webpage