News

MEMORIA, INVECCHIAMENTO E ALTRI DISASTRI….. UN PROCESSO IRREVERSIBILE?

memoriaE’ possibile proteggere la nostra memoria e ritardare l’invecchiamento del cervello? O forse siamo tutti condannati a perderla con l’avanzare dell’età?

La risposta alla prima domanda è affermativa e, come spesso mi capita di spiegare alle persone che incontro nel mio lavoro, non esiste una sola sostanza naturale “miracolosa” che risolva tutto, ma si tratta semmai di pensare ad uno stile di vita intelligente che preveda una corretta alimentazione associata ad una moderata attività fisica.

Il Kudzu per esempio, è molto poco noto in occidente, mentre in oriente è parte integrante di numerosi piatti, minestre soprattutto.

Recentissime pubblicazioni scientifiche hanno provato come questo addensante per le minestre, sia non solo eccellente nel favorire una protezione intestinale sicura ed economica da infiammazioni e disturbi comuni, ma anche una fonte ricca di fitoestrogeni e un potenziale supporto per la malattia di Alzheimer.

Sempre in tema di Alzheimer i lettori di naturessere conoscono molto bene le proprietà straordinarie della curcuma, una spezia largamente impiegata in India per preparare il curry e molto piatti tipici locali. Questa spezia protegge il cervello dall’invecchiamento cerebrale ed è in grado di sviluppare una formidabile azione antiinfiammatoria.

Il selenio, il coenzima Q10 (un antiossidante presente nelle noci in grado di favorire l’ossigenazione dei tessuti muscolari), il tè verde, la withania somnifera e il manganese, sono altrettanto utili se utilizzati quotidianamente nella protezione del tessuto nervoso dai pericolosi radicali liberi, notoriamente implicati nei processi di deterioramento cerebrale e nervoso.

Bere qualche tazza di tè verde ogni giorno per esempio, potrebbe esserci molti utile.

Ricorrere magari quando ci sentiamo stressati e stanchi ad una integrazione di withania somnifera anziché a pericolosi farmaci ansiolitici (magari nemmeno prescritti da un medico), potrebbe fare la differenza tra un organismo in buone condizioni di salute e uno ossidato e precocemente invecchiato.

Ricordiamo inoltre che molti vegetali contengono sostanze antiossidanti di grande valore biologico: nella buccia del melograno ci sono alcuni agenti antitumorali in grado di prevenire malattie vascolari, mentre nel mirtillo troviamo sostanze antidiabetiche, antitumorali e protettive a livello nervoso.

Assumere un limone al giorno aiuta il corpo a disintossicarsi e a evitare un pericoloso processo di acidosi metabolica e a prevenire la calcolosi renale. Questa semplice e dimenticata ricetta “della nonna” è molto utile anche per favorire l’immagazzinamento del ferro nel corpo umano.

Ma perché non ci spiegano queste cose dai canali televisivi? I costi della sanità pubblica potrebbero scendere in modo drastico se solo i cittadini fossero informati di come proteggere la propria salute…..

Fosse solo anche per una questione economica già tornerebbero i conti……… Se poi ci mettiamo che la materia riguarda la salute di tutti noi, allora forse non rimane altro che iniziare a occuparsi in prima persona del nostro benessere e della nostra prevenzione.

Restare giovani più a lungo, vivere una vita sana e ricca di soddisfazioni, potrebbe essere facilmente a portata di mano…. Si tratta solo di disporre della informazioni corrette…

Vladimiro Colombi
Vladimiro Colombi è ritenuto uno dei maggiori esperti in naturopatia. Le sue conoscenze estremamente aggiornate si basano sui più recenti e rivoluzionari studi che hanno analizzato la relazione tra l’alimentazione e i veri meccanismi del metabolismo umano.
Related Posts

Leave Your Comment

Your Comment*

Your Name*
Your Webpage