News

DA UN FUNGO IL NUTRIMENTO PER IL NOSTRO INTESTINO

Un polisaccaride estratto dal fungo chaga potrebbe aiutare il pancreas facendo crescere la flora batterica intestinale “amica”

 

 

 

 

Una buona flora batterica intestinale è notoriamente un presupposto fondamentale per la salute umana e la prevenzione di innumerevoli malattie non solo del sistema immunitario o dello stesso intestino, ma anche di disturbi metabolici importanti.

E’ pertanto molto importante conoscere quali siano gli alimenti che siano in grado di offrire sostanze utili a nutrire la crescita di batteri utili alla nostra salute. Esiste un fungo, il chaga, poco noto ma estremamente interessante per la sua azione salutistica che ci viene in soccorso per proteggere l’intestino. Si tratta di un potente rimedio naturale (il cui nome è Inonotus obliquus)che è un parassita degli alberi di Betulla e che cresce esclusivamente nelle foreste del Nord Europa (Finlandia in particolare), Russia siberiana, Corea. La presenza di innumerevoli principi attivi (come melanina, triterpenoidi, acido betulinico, beta-glucani, ergosterolo (vitamina D2), oligoelementi e vitamine lo ha reso piuttosto celebre nel mondo del “naturale”. In effetti ricerche moderne hanno dimostrato che i benefici del Chaga sono dovuti proprio alla particolarità delle concentrazione e alla combinazione dei suoi principi attivi.Impiegato per una larga quantità di problemi (allergie, affaticamento cronico. Insonnia, disturbi digestivi e difese immunitarie), contiene un polisaccaride che si è dimostrato molto efficiente nell’attenuazione dei disturbi metabolici e per la modulazione della flora intestinale come prebiotico.

Uno studio recente ha dimostrato come questo fungo potrebbe essere un utile alleato per supportare le funzioni del pancreas grazie alla sua azione prebiotica verso la flora batterica intestinale. L’assunzione di un polisaccaride contenuto in esso su modelli animali ha infatto interferito sulla concentrazione nel sangue di alcune sostanze estremamente importanti per controllare l’infiammazione e l’ossidazione (glutatione perossidasi GSH-PX, capacità totale antiossidante, fattore di necrosi tumorale alfa (TNF-α), fattore TGF-β, livelli di lipasi e tripsina e livelli di  TNF-α.

La modifica di questi parametri è stata correlata anche al cambiamento della quantità di alcune specie batteriche presenti nell’intestino (Bacteroidetes e Firmicutes).

In conclusione la somministrazione di questo fungo (ancora poco noto ai più come spiegato già in altro articolo che puoi visionare cliccando qui http://www.vladimirocolombi.it/tag/micoterapia/) potrebbe proteggere l’intestino nutrendo alcuni batteri utili al nostro benessere e riducendo invece altre forme vitale potenzialmente pericolose per la salute umana.

 

Bibliografia:

 

AMB Express. 2017 Dec;7(1):39. doi: 10.1186/s13568-017-0341-1. Epub 2017 Feb 14.Inonotus obliquus polysaccharide regulates gut microbiota of chronic pancreatitis in mice.Hu Y1,2,3, Teng C1, Yu S1, Wang X1, Liang J1, Bai X1, Dong L1, Song T1, Yu M4, Qu J5.

 

 

Per visionari i video registrati a Telecolor e in studio clicca i link sottoindicati:

 

 

http://www.telecolor.net/2014/12/intestino-ecco-come-proteggerlo-attraverso-lalimentazione/

 

http://www.youtube.com/watch?v=LK1xwC4z3ug

 

http://www.youtube.com/watch?v=X4bEC546VJo

 

http://www.youtube.com/watch?v=KUsUe1KsQHs

 

http://www.youtube.com/watch?v=9xW8Tqw8FLI

Vladimiro Colombi
Vladimiro Colombi è ritenuto uno dei maggiori esperti in naturopatia. Le sue conoscenze estremamente aggiornate si basano sui più recenti e rivoluzionari studi che hanno analizzato la relazione tra l’alimentazione e i veri meccanismi del metabolismo umano.
Related Posts

Leave Your Comment

Your Comment*

Your Name*
Your Webpage