News

NATUROPATIA E NUTRIZIONE: Il valore degli oli spremuti a freddo

Mi capita spesso di trovarmi in qualche supermercato mentre faccio la spesa e osservare la qualità di certi olii venduti sugli scaffali.

Quasi mai viene riportata la dicitura sull’etichetta “olio spremuto a freddo”.

Con questa dicitura s’intendono gli olii ottenuti da spremitura meccanica senza l’utilizzo di solventi  e calore.

L’industria alimentare infatti allo scopo di ricavare una maggiore quantità di olio dalla materia prima tende a scaldarla abbassando enormemente la qualità dell’olio finale.

Il prodotto ottenuto dalla spremitura a freddo vanta qualità straordinarie da un punto di vista organolettico. I grassi in esso contenuti non sono mai alterati nè idrogenati e mantengono le loro proprietà nutrizionali.

I grassi contenuti in questi olii sono estremamente preziosi per la pelle ma soprattutto per l’apparato cardiovascolare, il sistema nervoso e il cervello.

Nell’olio di semi di lino per esempio troviamo concentrazioni importanti di omega 3 a catena corta,  importantissimi (una volta convertiti in Omega 3 a catena lunga da un enzima che si trova nel nostro corpo) per proteggere l’apparato cardiovascolare.

L’olio di semi di vinaccioli invece contiene omega 6 utilissimi per idratare la pelle ma che vanno comunque limitati per non indurre reazioni infiammatorie.

Fondamentale pertanto imparare a scegliere con molta cura gli oli che utilizziamo in cucina distinguendo tra oli da usare crudi e olii per la cottura.

Da questo punto di vista ottimi rimangono l’olio di cocco e l’olio extravergine di oliva perché sono in grado di sopportare in maniera ottimale le elevate temperature della frittura.

Da consumarsi rigorosamente a freddo invece l’olio di canapa, di lino, di vinacciolo,  di semi di girasole, di cartamo e di sesamo.

Vladimiro Colombi
Vladimiro Colombi è ritenuto uno dei maggiori esperti in naturopatia. Le sue conoscenze estremamente aggiornate si basano sui più recenti e rivoluzionari studi che hanno analizzato la relazione tra l’alimentazione e i veri meccanismi del metabolismo umano.
Related Posts
L’ASTRAGALO
agosto 7, 2016

Leave Your Comment

Your Comment*

Your Name*
Your Webpage