News

IL POTERIUM SPINOSUM E LA BERBERINA: L’INSULINA VEGETALE

BerberisAculeataIl Poterium spinosum, nota anche come Pimpinella spinosa (o in Toscana come spina porci) è un arbusto perenne appartenente alla famiglia delle Rosacee alto tra i 30 e i 60 cm di origine medio orientale (Libano in particolare) usato tradizionalmente in quelle regione geografiche per la prevenzione il trattamento del diabete e dei disturbi legati alla glicemia. Cresce prevalentemente nell’Europa australe, in Grecia, in Dalmazia, a Cipro, Creta, Siria, Libia e Tunisia, ma anche in Italia nelle regioni aride, come per esempio alcune aree della Sardegna e della Sicilia.

Storicamente sono sempre stati i beduini a utilizzarla come antidiabetico conoscendo le virtù ipoglicemizzanti. Tra queste popolazioni infatti è stato osservato, come in passato è spesso accaduto per altre grandi scoperte (omega 3 e infarto per la popolazione esquimese, curry e Alzheimer per gli indiani etc…etc…) che le popolazioni berbere che ne facevano largo uso, pur nutrendosi con un alimentazione ricca di carboidrati e zuccheri, avevano un’incidenza bassissima di malattie diabetiche. I beduini infatti sono ancora oggi soliti cuocere le radici di questa pianta a lungo per poi sorseggiarla nel corso della giornata. In questo modo riescono a mantenere un livello di zuccheri basso nel sangue evitando i ben noti “picchi glicemici” nel corso della giornata.

In Italia è ancora oggi poco nota nonostante oramai le più recenti ricerche abbiano ben chiarito quale sia il funzionamento del suo principale principio attivo: la berberina. Il primo medico ad utilizzarla nel nostro paese è stato il dr. Luigi Oreste Speciani, che ha lasciato una grande eredità nel mondo della medicina naturale (con particolare riguardo ai suoi studi in merito al cosiddetto “uomo integrato”, che ha messo in luce la relazione  e l’interferenza tra l’ambiente e l’uomo e la cui opera ad oggi rappresenta un pilastro della psicosomatica). Fu lui ad ottenere i primi risultati importanti attraverso l’uso del poterium spinosum.

La berberina si trova non solo nel poterium spinosum, ma anche in altre piante, una delle quale è l’Hydrastis canadensis, una pianta utilizzata in fitoterapia anche per le infezioni delle vie urinarie. Nel 2010 è stato lanciato un allarme in merito al suo impiego per un sospetto rischio di trombosi venosa, ma non vi è stato seguito a tale notizia e ad oggi è normalmente commercializzata in varie formulazioni.

La sua azione è sinergica con la silimarina, il principio attivo contenuto nel cardo mariano, una pianta autoctona molto attiva nella prevenzione della steatosi epatica e nelle intossicazioni del fegato. E’ stato osservato che in caso di sindrome metabolica (quando cioè pressione alta, colesterolo alto e zuccheri elevati si combinano) la sua potenza aumenta se associata al cardo mariano.

Recenti ricerche su di essa hanno dimostrato come sia in grado di ridurre i trigliceridi, i rischi di aterosclerosi e abbassare l’infiammazione sistemica, vero target della ricerca mondiale in questo momento.

Tuttavia, è possibile che non sia la sola berberina ad avere questa azione ipoglicemizzante, ma piuttosto un pool di sostanze in essa contenuta. Un chimico tedesco Aiman Kuzbari aveva raccolto molte prove sulle possibili azioni e i meccanismi di funzionamento della pianta, ma purtroppo i suoi appunti  sono andati perduti dopo la sua morte. Egli riteneva che fossero più di uno i principi attivi responsabili dell’azione ipoglicemizzante della pianta, e che tra essi ve ne fosse molto facilmente uno in grado  le isole di Langherhans, le cellule danneggiate nella malattia diabetica.

Oltre a queste funzioni il poterium spinosum è noto stato impiegato per la sua azione vasodilatatrice periferica e corononarica, antiipertensiva e antiaritmica, dimostrandosi pertanto molto duttile per la protezione della salute nell’età senile, ma soprattutto dai numerosi danni che la malattia diabetica produce a carico dell’apparato cardiovascolare.

Si tratta di una pianta della quale non sono mai stati osservati effetti collaterali, che in forma di decotto  può essere usata al dosaggio di 20 grammi per litro d’acqua, ma che può essere utilmente impiegata anche in forma di tintura madre.

Bibliografia:

Acta Biochim Biophys Sin (Shanghai). 2013 Jul 3. Berberine sensitizes ovarian cancer cells to cisplatin through miR-21/PDCD4 axis.Liu SFang YShen HXu WLi H.

Metab Syndr Relat Disord. 2013 Jun 28. Effect of Berberine Administration on Metabolic Syndrome, Insulin Sensitivity, and Insulin Secretion.Pérez-Rubio KGGonzález-Ortiz MMartínez-Abundis ERobles-Cervantes JAEspinel-Bermúdez MC.

Oncol Rep. 2013 Jun 19. doi: 10.3892/or.2013.2543.Berberine induces apoptosis via the mitochondrial pathway in liver cancer cells.Yip NKHo WS.

J Endocrinol. 2013 Jun 11. Alteration of the intestinal barrier and GLP2 secretion in Berberine treated Type 2 diabetic rats.Shan CYang JKong YWang XZheng MXu YWang YRen HChang BChen L.

ScientificWorldJournal. 2013 Apr 28;2013:612684. doi: 10.1155/2013/612684. Print 2013.Comment on “berberine and its emerging benefits in psychiatric conditions especially Alzheimer’s disease”.Kapoor S.

 

Act Pharm Sin B. 2012 Aug;2(4):341-349.Mitochondrial inhibitor as a new class of insulin sensitizer.Zhang YYe J.

Biocell. 2012 Dec;36(3):113-20.Mechanisms involved in the cytotoxic effects of berberine on human colon cancer HCT-8 cells.Xu LNLu BNHu MMXu YWHan XQi YPeng JY.

Curr Vasc Pharmacol. 2013 Apr 25.Nutraceuticals for Metabolic Syndrome Management: from Laboratory to Benchside.Cicero AFTartagni EErtek S.

J Nat Med. 2013 Apr 21.Berberine inhibits the growth of human colorectal adenocarcinoma in vitro and in vivo.Cai YXia QLuo RHuang PSun YShi YJiang W.

Phytomedicine. 2013 Apr 9. pii: S0944-7113(13)00090-1. doi: 10.1016/j.phymed.2013.03.004.The anti-diabetic effects and pharmacokinetic profiles of berberine in mice treated with Jiao-Tai-Wan and its compatibility.Chen GLu FXu LDong HYi PWang FHuang ZZou X.

Evid Based Complement Alternat Med. 2013;2013:285489. doi: 10.1155/2013/285489. Epub 2013 Mar 20.Effect of Berberine on PPAR α /NO Activation in High Glucose- and Insulin-Induced Cardiomyocyte Hypertrophy.Wang MWang JTan RWu QQiu HYang JJiang Q.

Metabolism. 2013 Mar 25. pii: S0026-0495(13)00054-1. doi: 10.1016/j.metabol.2013.02.007.Berberine improves insulin resistance in cardiomyocytes via activation of 5′-adenosine monophosphate-activated protein kinase.Chang WZhang MLi JMeng ZWei SDu HChen LHatch GM.

 

Arch Med Sci. 2013 Feb 21;9(1):146-50. doi: 10.5114/aoms.2013.33354.Effects of berberine on β-secretase activity in a rabbit model of Alzheimer’s disease.Panahi NMahmoudian MMortazavi PHashjin GS.

 

Zhongguo Zhong Xi Yi Jie He Za Zhi. 2012 Dec;32(12):1714-7.[Progress for treating diabetic renopathy by berberine hydrochloride in clinical and experimental researches].Li HLuo YXiong J.

Evid Based Complement Alternat Med. 2012;2012:363845. doi: 10.1155/2012/363845. Epub 2012 Mar 8.

Berberine improves insulin sensitivity by inhibiting fat store and adjusting adipokines profile in human preadipocytes and metabolic syndrome patients.Yang JYin JGao HXu LWang YXu LLi M.

Nutr Res. 2011 May;31(5):347-55. doi: 10.1016/j.nutres.2011.03.016. Epub 2011 Apr 29.Nutritional supplementation of hop rho iso-alpha acids, berberine, vitamin D, and vitamin K produces a favorable bone biomarker profile supporting healthy bone metabolism in postmenopausal women with metabolic syndrome.Lamb JJHolick MFLerman RHKonda VRMinich DMDesai AChen TCAustin MKornberg JChang JLHsi ABland JSTripp ML.

Arch Int Pharmacodyn Ther. 1970 Jun;185(2):344-9.Fluctuations in the hypoglycaemic effect of Poterium spinosum L. (Rosaceae).Shani JJoseph BSulman FG.

Vladimiro Colombi
Vladimiro Colombi è ritenuto uno dei maggiori esperti in naturopatia. Le sue conoscenze estremamente aggiornate si basano sui più recenti e rivoluzionari studi che hanno analizzato la relazione tra l’alimentazione e i veri meccanismi del metabolismo umano.
Related Posts
1 Comment

Leave Your Comment

Your Comment*

Your Name*
Your Webpage